Giovedì 21 Febbraio 2019 | 03:29

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
Durante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
Serie B
Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

 
Dopo gli arresti
Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

 
Regione
Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

 
Guerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
A taranto
Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

 
A taranto
Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

 
Nel Tarantino
Palagiano: abusa di una minorenne e la perseguita, in manette un 65enne

Palagiano: abusa di minorenne e la perseguita, in manette 65enne

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

L'inchiesta

Alberobello, esumato corpo di 44enne Pm: «Non è suicidio, forse omicidio»

Il caso del Vito Maizzi trovato impiccato nelle campagne di Martina Franca era stato classificato come suicidio. La denuncia della moglie ha riaperto il caso

Truffe on line, denunciato un 21enne

ALBEROBELLO - Il 44enne di Alberobello Vito Mazzi, trovato impiccato nelle campagne di Martina Franca (Taranto) il 18 novembre 2018, non si sarebbe suicidato ma potrebbe essere stato ucciso. Per accertarlo, dopo la denuncia presentata dalla moglie di Mizzi, la Procura di Taranto ha disposto l’esumazione della salma e l’autopsia, ipotizzando il reato di omicidio volontario. «Ignoti - ipotizza negli atti il pm Ida Perrone - collocando una corda intorno al collo al fine di simulare il suicidio per impiccagione, ne cagionavano la morte». Il 13 febbraio sarà conferito l’incarico per l’autopsia al medico legale barese Francesco Introna.

Nelle scorse settimane era stata la moglie della vittima, difesa dall’avvocato Eugenio Pini con il contributo tecnico della criminologa e psicopatologa forense Diana Papaleo, a sollecitare la magistratura tarantina affinché accertasse le vere cause della morte dell’uomo, depositando una denuncia. La donna spiegava che il marito aveva problemi di deambulazione dovuti ad un incidente domestico avvenuto nel luglio precedente la sua scomparsa e non si sarebbe potuto arrampicare da solo sull'albero, fornendo anche spunti investigativi legati a possibili debiti contratti dal marito a causa del gioco d’azzardo. «Accolgo con soddisfazione la decisione del pubblico ministero - dichiara l’avvocato Pini - e plaudo alla grande capacità e determinazione mostrata dall’ufficio di Procura».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400