Martedì 21 Maggio 2019 | 19:24

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
La visita in Puglia
Salvini contestato da Lecce a Bari: «Dacci indietro i 49 mln» «Noi lavoriamo voi fischiate»

Salvini contestato da Lecce a Bari: «Dacci i 49 mln» «Voi fischiate, io lavoro»
«Pugno duro per chi maltratta animali»

 
Il naufragio
Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 100 nuove parti civili

Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 61 nuove parti civili

 
I tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
Nel tarantino
Martina Franca: torna nella casa vacanze e trova un occupante e lavori in corso

Martina Franca: torna nella casa vacanze e trova un occupante e lavori in corso

 
Sulla Aida Blu
Turista tedesco cade su nave da crociera: Guardia Costiera Bari lo soccorre

Turista tedesco cade su nave da crociera: Guardia Costiera Bari lo soccorre

 
La sentenza
di cosola

Bari, 27 condanne definitive per il clan Di Cosola: 21 anni al fratello del boss

 
Sanità
Politecnico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

Policlinico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

 
L'operazione
Tratteneva soldi destinati al Comune di Sava: Gdf sequestra 950mila euro di beni a società

Tratteneva soldi destinati al Comune di Sava: Gdf sequestra 950mila euro di beni a società

 
L'ecomostro
Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraL'incidente
Montescaglioso, contro tra auto e moto: un morto

Montescaglioso, scontro tra auto e moto: un morto

 
HomeLa decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
TarantoI tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
BrindisiIl comizio
Ostuni, botta e risposta tra Salvini e i contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

Ostuni, botta e risposta tra Salvini e contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

 
LecceIn Piazza S.oronzo
«Fascista!»: a Lecce cori e proteste contro il comizio di Salvini

«Fascista!»: a Lecce cori e proteste contro il comizio di Salvini

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 

i più letti

La decisione

Regione, Emiliano conferma Di Gioia: è di nuovo assessore all'Agricoltura

Si era dimesso l’11/1 lamentando mancanza strumenti per vertenze

Agricoltura: assessore regionale Di Gioia si dimette su Facebook

BARI - Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha confermato questa sera con proprio decreto Leonardo di Gioia assessore all’Agricoltura con delega alle Risorse agroalimentari, Alimentazione, Riforma fondiaria, Caccia e pesca, Foreste. Di Gioia l’11 gennaio aveva firmato le dimissioni lamentando, tra l’altro, di non avere a disposizione gli strumenti necessari ad affrontare le numerose vertenze del mondo dell’agricoltura pugliese, e ritenendo di essere stato «messo sullo sfondo» dal governatore.

Stasera, dopo una serie di riunioni sull'agricoltura, ad alcune delle quali ha partecipato anche di Gioia, il presidente Emiliano ha firmato il decreto per la sua nomina.

«Alla luce delle rassicurazioni fornite dal presidente della Regione Puglia», Leonardo di Gioia ha accettato la nomina di assessore all’Agricoltura dopo il decreto con cui in serata il governatore Michele Emiliano lo ha riconfermato. Di Gioia si era dimesso l’11 gennaio lamentando, tra l’altro, di non avere sufficienti strumenti per affrontare le varie vertenze del settore.
«C'è un nuovo decreto - ha detto Di Gioia - e io accetto l’incarico alla luce di tutte le rassicurazioni che il presidente Emiliano ha fornito, anche al parternariato, in ordine al potenziamento del personale, della dirigenza, delle maggiori risorse sulle quali stiamo ipotizzando un utilizzo agricolo».
«E sul fatto - ha concluso - che dobbiamo rilanciare sia Arif (Agenzia per le attività irrigue e forestati, ndr) che le funzioni dei Consorzi di bonifica con un piano ulteriore di manutenzioni straordinarie e ordinarie per conciliare l’azione dei consorzi con i territori».

M5S PUGLIA: «IL RIENTRO DI DI GIOIA? UNA RIDICOLA SCENEGGIATA» -  «Ridicola sceneggiata messa in atto da due consumati teatranti. Non ci sono altri termini per definire l’ultima buffonata targata Emiliano-Di Gioia (con finale tutt'altro che a sorpresa) che umilia una volta di più non solo i poveri agricoltori pugliesi ma tutta la politica regionale. Nel caso di Di Gioia sono bastati pochi giorni per passare dal dimissionario tutto d’un pezzo che difende la dignità, a pupazzo nelle mani del potente di turno». Lo affermano i consiglieri regionali del M5s Puglia, commentando il rientro in giunta dell’assessore all’Agricoltura Leonardo di Gioia. «Ci chiediamo - proseguono - quali parole troverà adesso l'ex-ex-assessore Di Gioia per rimangiarsi le pesantissime accuse lanciate contro il governatore Emiliano che tutti i cittadini pugliesi hanno ascoltato? Torna dunque alla corte di chi in questi anni non si è mai veramente occupato dei problemi dei pugliesi?». «Un governatore che, parole di Di Gioia - proseguono i pentastellati - non ha mai messo al centro l'agricoltura nonostante i tanti proclami? Che ha preso in giro i cittadini sul patto per il Sud scaricando le responsabilità sul governo nazionale quando è stato proprio il governo regionale a non stanziare opportune risorse per l’agricoltura pugliese?». «D’altro canto - concludono - non ci stupisce minimamente la scelta di Emiliano che ha già dimostrato ampiamente in tante occasioni, (vedi alleanza con Cassano, Stea in Giunta o presidenza di AqP allo storico rivale Di Cagno Abbrescia e chi più ne ha più ne metta) di essere disposto a vendersi la dignità e forse pure qualche parente, per un voto in più. Ma è evidente che chi si somiglia si piglia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400