Lunedì 18 Febbraio 2019 | 17:54

NEWS DALLA SEZIONE

Trasporti
Lavori aeroporto Foggia, Emiliano: «Basta ritardi, la misura è colma»

Lavori aeroporto Foggia, Emiliano: «Basta ritardi, la misura è colma»

 
Dopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
Vicino al Duomo
Lecce, banda di baby bulli aggredisce 13enni: indaga la Polizia

Lecce, banda di baby bulli aggredisce 13enni: indaga la Polizia

 
La lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
La rabbia del sindaco
Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

 
La discussione alla camera
Acqua, la riforma grillina smantellerà pure Aqp

Acqua, la riforma grillina smantellerà pure Aqp

 
Nel Nordbarese
Trani, 2700 bombole GPL non collaudate: maxisequestro della GdF

Trani, 2700 bombole GPL non collaudate: maxisequestro della GdF

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
Lotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 
La mobilitazione
Borgo Mezzanone, in 50 bloccano strade per protesta: «Crollano le case»

Borgo Mezzanone, bloccano strade con cassonetti per protesta: «Crollano le case»

 
Il caso
Matera, truffa da finti broker per 400mila euro: coniugi denunciati

Matera, truffa da finti broker per 400mila euro: coniugi denunciati

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 
LecceVerso il voto
Lecce, Salvemini strart: «Non permetteremo un ritorno al passato»

Lecce, Salvemini riparte: «Non permetteremo un ritorno al passato»

 

La decisione

Regione, Emiliano conferma Di Gioia: è di nuovo assessore all'Agricoltura

Si era dimesso l’11/1 lamentando mancanza strumenti per vertenze

Agricoltura: assessore regionale Di Gioia si dimette su Facebook

BARI - Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha confermato questa sera con proprio decreto Leonardo di Gioia assessore all’Agricoltura con delega alle Risorse agroalimentari, Alimentazione, Riforma fondiaria, Caccia e pesca, Foreste. Di Gioia l’11 gennaio aveva firmato le dimissioni lamentando, tra l’altro, di non avere a disposizione gli strumenti necessari ad affrontare le numerose vertenze del mondo dell’agricoltura pugliese, e ritenendo di essere stato «messo sullo sfondo» dal governatore.

Stasera, dopo una serie di riunioni sull'agricoltura, ad alcune delle quali ha partecipato anche di Gioia, il presidente Emiliano ha firmato il decreto per la sua nomina.

«Alla luce delle rassicurazioni fornite dal presidente della Regione Puglia», Leonardo di Gioia ha accettato la nomina di assessore all’Agricoltura dopo il decreto con cui in serata il governatore Michele Emiliano lo ha riconfermato. Di Gioia si era dimesso l’11 gennaio lamentando, tra l’altro, di non avere sufficienti strumenti per affrontare le varie vertenze del settore.
«C'è un nuovo decreto - ha detto Di Gioia - e io accetto l’incarico alla luce di tutte le rassicurazioni che il presidente Emiliano ha fornito, anche al parternariato, in ordine al potenziamento del personale, della dirigenza, delle maggiori risorse sulle quali stiamo ipotizzando un utilizzo agricolo».
«E sul fatto - ha concluso - che dobbiamo rilanciare sia Arif (Agenzia per le attività irrigue e forestati, ndr) che le funzioni dei Consorzi di bonifica con un piano ulteriore di manutenzioni straordinarie e ordinarie per conciliare l’azione dei consorzi con i territori».

M5S PUGLIA: «IL RIENTRO DI DI GIOIA? UNA RIDICOLA SCENEGGIATA» -  «Ridicola sceneggiata messa in atto da due consumati teatranti. Non ci sono altri termini per definire l’ultima buffonata targata Emiliano-Di Gioia (con finale tutt'altro che a sorpresa) che umilia una volta di più non solo i poveri agricoltori pugliesi ma tutta la politica regionale. Nel caso di Di Gioia sono bastati pochi giorni per passare dal dimissionario tutto d’un pezzo che difende la dignità, a pupazzo nelle mani del potente di turno». Lo affermano i consiglieri regionali del M5s Puglia, commentando il rientro in giunta dell’assessore all’Agricoltura Leonardo di Gioia. «Ci chiediamo - proseguono - quali parole troverà adesso l'ex-ex-assessore Di Gioia per rimangiarsi le pesantissime accuse lanciate contro il governatore Emiliano che tutti i cittadini pugliesi hanno ascoltato? Torna dunque alla corte di chi in questi anni non si è mai veramente occupato dei problemi dei pugliesi?». «Un governatore che, parole di Di Gioia - proseguono i pentastellati - non ha mai messo al centro l'agricoltura nonostante i tanti proclami? Che ha preso in giro i cittadini sul patto per il Sud scaricando le responsabilità sul governo nazionale quando è stato proprio il governo regionale a non stanziare opportune risorse per l’agricoltura pugliese?». «D’altro canto - concludono - non ci stupisce minimamente la scelta di Emiliano che ha già dimostrato ampiamente in tante occasioni, (vedi alleanza con Cassano, Stea in Giunta o presidenza di AqP allo storico rivale Di Cagno Abbrescia e chi più ne ha più ne metta) di essere disposto a vendersi la dignità e forse pure qualche parente, per un voto in più. Ma è evidente che chi si somiglia si piglia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400