Mercoledì 12 Agosto 2020 | 00:20

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione di Emiliano
Coronavirus in Puglia, obbligo di quarantena per chi rientra da Grecia, Malta e Spagna: l'ordinanza

Coronavirus in Puglia, obbligo di quarantena per chi rientra da Grecia, Malta e Spagna: l'ordinanza

 
La denuncia
Agricoltura, Fitto: «Agea Puglia ultima in spesa di fondi Ue»

Agricoltura, Fitto: «Agea Puglia ultima in spesa di fondi Ue»

 
Verso il voto
Regionali 2020, Elena Gentile probabile candidata a Lecce

Regionali 2020, Elena Gentile probabile candidata a Lecce

 
Il caso
Diportista salentino disperso nel canale di Otranto: scattano le ricerche

Diportista salentino disperso nel canale di Otranto: scattano le ricerche

 
La scoperta
Montescaglioso, uomo trovato morto in un uliveto dopo un incendio

Montescaglioso, uomo trovato morto in un uliveto dopo un incendio

 
L'annuncio
Acquaviva delle Fonti, in due al rientro dall'estero contraggono il Coronavirus

Acquaviva delle Fonti, in due rientrati dall'estero sono positivi al Coronavirus

 
Le misure anticontagio
Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 412 nuovi casi e 6 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 412 nuovi casi e 6 morti nelle ultime 24 ore

 
Emergenza al Policlinico
Coronavirus Bari, partoriente positiva i neo genitori: «Non possiamo vedere il nostro piccolo»

Coronavirus Bari, partoriente positiva, parla il compagno: «Non possiamo vedere il nostro piccolo»

 
Il sopralluogo
Regionali Puglia, Altieri (Lega): «Nostra agricoltura vessata da Emiliano»

Regionali Puglia, Altieri (Lega): «Nostra agricoltura vessata da Emiliano»

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeVerso il voto
Regionali 2020, Elena Gentile probabile candidata a Lecce

Regionali 2020, Elena Gentile probabile candidata a Lecce

 
TarantoIn ospedale
Sanità, Asl Taranto potenzia il Cup: ridotti i tempi d'attesa

Sanità, Asl Taranto potenzia il Cup: ridotti i tempi d'attesa

 
MateraLa scoperta
Montescaglioso, uomo trovato morto in un uliveto dopo un incendio

Montescaglioso, uomo trovato morto in un uliveto dopo un incendio

 
BariLa denuncia
Regionali 2020, candidato Lega a Bari: «Un balordo mi ha devastato sede del comitato»

Regionali 2020, candidato Lega a Bari: «Un balordo mi ha devastato sede del comitato»

 
FoggiaLe misure anticontagio
Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

 
Batnella Bat
Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 

i più letti

A Bari

Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

Così il candidato alla segreteria nazionale del Pd, che presentando a Bari la sua candidatura spiega che «il Pd non deve fare quello che fatto negli ultimi 5 anni»

Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

BARI - «Assolutamente no. Non potrei mai votare una persona che ha lavorato e probabilmente ha anche contributo a distruggere il Pd alle elezioni del 4 marzo». Risponde così Roberto Giachetti, candidato alla segreteria nazionale del partito, alla domanda dei cronisti su un suo ipotetico voto a Michele Emiliano qualcosa fosse un elettore pugliese.
«Rispetto il percorso politico di ciascuno, - dice Giachetti - ma quando ti poni in un determinato modo, se non vieni cacciato via hai sicuramente un’altra strada, ma non quella di rimanere a cercare di distruggere la casa dove sei nato». Giachetti è a Bari per presentare la sua candidatura alla segreteria nazionale del Partito Democratico in ticket con Anna Ascani. 

«Con me il segretario del Pd è anche il candidato premier. Con gli altri no. Quello è il cuore del progetto del Pd, come ci ha insegnato Veltroni insieme alla vocazione maggioritaria e alle primarie aperte». «Nel nostro statuto - spiega Giachetti - abbiamo la previsione che quando eleggiamo il leader del Pd, non eleggiamo soltanto il segretario del partito ma anche il candidato premier». Il renziano Giachetti ci ha tenuto a sottolineare che la sua «è l’unica candidatura che dice che bisogna rilanciare sulle cose che abbiamo fatto, che hanno migliorato la qualità della vita in questo Paese. Le altre candidature sono una negazione di tutto quello che è già stato fatto». «La ragione della mia candidatura - continua - è anche quella di dire chiaramente che noi scegliamo la linea della rivendicazione di quello che è stato fatto, tanto più di fronte ai danni che sta facendo questo Governo».

«Coesione interna al Pd» e «nessun accordo al ribasso con il Movimento 5 Stelle». Sono i due aspetti su cui non transige Roberto Giachetti, candidato alla segreteria nazionale del Pd, che presentando a Bari la sua candidatura spiega che «il Pd non deve fare quello che fatto negli ultimi 5 anni, con forze interne che quando non erano d’accordo bombardavano le decisioni di una intera comunità portandoci al risultato del 4 marzo».
Tutti nel partito - dice Giachetti - devo accettare le regole democratiche interne della convivenza politica, e chi si sente estraneo rispetto alla linea del partito, votata democraticamente nel congresso, ha il dovere morale ed etico di togliere il disturbo». Oltre alla unità interna al partito, Giachetti pensa a come recuperare gli elettori di sinistra che hanno votato 5 Stelle, «sicuramente - dice - non facendo un accordo con il Movimento 5 Stelle. Sbaglia chi sostiene che il M5S è una costola della sinistra, basta vedere il Governo che stanno facendo, i provvedimenti che stanno approvando, la politica che stanno mettendo in campo per capire che sono almeno di destra quanto la Lega».
«Noi dobbiamo parlare a tutti gli elettori con una proposta politica che raccolga quel consenso - continua - ma non certo facendo un accordo con chi sta dimostrando di essere perfettamente a suo agio con la politica più di destra che questo Paese ha avuto negli ultimi 40 anni». Giachetti dice quindi «no ad accordi politici al ribasso, l’unico con cui abbiamo governato è Forza Italia e qualche prezzo politico lo abbiamo pagato, forse dovremmo farne esperienza. Io torno al progetto originario di un Pd con vocazione maggioritaria».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie