Martedì 22 Gennaio 2019 | 23:40

NEWS DALLA SEZIONE

La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
Dal Montenegro in Puglia
Contrabbando bionde in Puglia, dopo 25 anni prescritta anche associazione mafiosa

Contrabbando bionde in Puglia, dopo 25 anni prescritta anche associazione mafiosa

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
La decisione
Regione, Emiliano conferma Di Gioia: è di nuovo assessore all'Agricoltura

Regione, Emiliano conferma Di Gioia: è di nuovo assessore all'Agricoltura. M5S: «È una sceneggiata»

 
il salvataggio dell'Aeronautica
Foggia, bimba in pericolo di vita trasportata d'urgenza con Falcon 50 Aeronautica

Foggia, bimba in pericolo di vita trasportata d'urgenza con Falcon 50

 
IL BARLETTANO DAGOSTINO
Fatture false, il «re degli outlet» valuta se usare pace fiscale

Fatture false, il «re degli outlet» valuta se usare pace fiscale

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
Il caso
Bari, nuovo «no» della Procura al salvataggio di Interporto

Bari, altro «no» della Procura al salvataggio di Interporto

 
Capitale della Cultura
Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

 
Il riconoscimento
Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

 

L’operazione

Rifornivano di droga la «Bari bene»: arrestate 17 persone dalla GdF, tanti minorenni

Negli ambienti giovanili erano conosciuti come "Quelli di Gomorra"

Droga e armi abusive: a Bari la GdF arresta 17 persone

I militari della Guardia di Finanza, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, hanno eseguito 19 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti italiani indagati per traffico di sostanze stupefacenti e detenzione abusiva di armi e munizioni. All'operazione, chiamata "Holy drug", dal soprannome di Satana, con cui era chiamato un personaggio di spicco tra gli arrestati, hanno partecipato un centinaio di uomini del Comando Provinciale di Bari tra i quali anche quelli dell'unità cinofila.

L'operazione antidroga ha portato all'esecuzione di tre provvedimenti di custodia cautelare in carcere, 14 ai domiciliari e all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria nei confronti di ulteriori due persone. Le indagini hanno consentito di smantellare numerose piazze di spaccio della droga gestite - secondo gli investigatori - da giovani criminali emergenti, operanti principalmente nel centro del capoluogo con ramificazioni in alcuni comuni limitrofi. Complessivamente sono stati sequestrati due chili di droga, tra cocaina, hashish e marijuana, e una pistola con munizioni.

I pusher agivano dal tardo pomeriggio alle prime ore dell'alba tra Bari, Triggiano e Noicattaro, in piazze di spaccio frequentate dalla "Bari bene". Nell'operazione risulta allarmante l'età dei 'clienti', tra i 16 e i 40 anni, e gli spacciatori avevano ricavato almeno 100mila euro. Molti giovani pusher erano insospettabili, incensurati, e iscritti ai social con foto e nickname di serie tv sul narcotraffico: erano conosciuti tra i giovani come "Quelli di Gomorra".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400