Martedì 22 Gennaio 2019 | 03:16

NEWS DALLA SEZIONE

L'inchiesta di Lecce
Mazzette ai magistrati di Trani, imprenditore non risponde. Avvocatessa: estranea ai fatti

Mazzette ai magistrati di Trani, imprenditore non risponde. Avvocatessa: estranea ai fatti

 
La decisione
Regionali, centrosinistra ai gazebo il 24 febbraio per il candidato presidente

Regionali, centrosinistra ai gazebo il 24 febbraio per il candidato presidente

 
Dl semplificazioni
Xylella, il Governo: chi non abbatte gli alberi ammalati rischia il carcere

Xylella, il Governo: chi non abbatte gli alberi ammalati rischia il carcere

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Il caso
Brindisi, macchia scura nelle acque del Porto: al via i controlli

Brindisi, macchia scura nelle acque del Porto: al via i controlli

 
Nel pomeriggio
A fuoco bus pieno di studenti, panico a San Pacrazio Salentino

A fuoco bus pieno di studenti, panico a San Pacrazio Salentino: nessun ferito

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
In meno di 24 ore
Ex Ilva, arrivano le prime 600 firme per l'esposto contro emissioni

Ex Ilva, arrivano le prime 600 firme per l'esposto contro emissioni

 
Il ritrovamento
Foggia, trovata carcassa delfino in spiaggia: scattano le indagini Asl

Foggia, trovata carcassa delfino in spiaggia: scattano le indagini Asl

 

Arcelor Mittal

Ex Ilva, oltre 700 esodi: per nuove assunzioni valutate esperienza, anzianità e carichi di famiglia

L'incontro al Mise con i sindacati: già 550 conciliazioni con incentivo

Ex Ilva, oltre 700 esodi: per nuove assunzioni valutate esperienza, anzianità e carichi di famiglia

Fino al 6 novembre scorso l’Ilva in Amministrazione straordinaria ha ricevuto 717 richieste di esodo volontario con incentivo, a fronte delle quali sono state effettuate 549 conciliazioni per uscite con esodo incentivato. E' quanto emerso nell’incontro di verifica dell’attuazione dell’accordo sindacale sull'Ilva siglato il 6 settembre scorso, che si è svolto oggi al Mise. L’azienda ha illustrato ai sindacati le modalità con cui è stata effettuata la selezione del personale destinatario al passaggio in Am Investco, con lettera di distacco.

Il segretario della Fim Cisl di Taranto Valerio D’Alò spiega che «le proporzioni percentuali del personale impiegato tra esercizio, manutenzioni e staff restano quasi invariate, con scostamenti di pochi punti percentuali rispetto al passato».  «Abbiamo rappresentato ad ArcelorMittal - ha aggiunto - le anomalie riscontrate nel 'day onè, sia sotto il profilo industriale e organizzativo sia dal punto di vista individuale, circa l’applicazione dei criteri di selezione. Abbiamo evidenziato ricadute su straordinario, cambi di postazioni, riduzioni di attività e di postazioni avvenute in tutti i siti».

Rispetto a quanto rappresentato «abbiamo ricevuto - conclude D’Alò - disponibilità dall’azienda ad esaminare ogni caso, con una serie di incontri nei vari siti. Riunioni coinvolgeranno le Rsu, anche alla luce del fatto che non tutte le 10.700 lettere di distacco, a causa delle uscite volontarie, sono state assegnate ai lavoratori».

Secondo quanto riferito da alcuni sindacalisti che hanno partecipato all’incontro al Mise, ArcelorMittal ha illustrato il processo di selezione dei nuovi assunti strutturato intorno al nuovo assetto organizzativo secondo tre parametri: attività necessaria in coerenza con il Piano industriale; competenze professionali in linea di principio, certificazioni, abilitazioni, categoria contrattuale in manutenzione e percorso professionale; carichi di famiglia e anzianità.

L’incontro tecnico di verifica di attuazione dell’accordo del 6 settembre scorso tra Ilva, Am InvestCo e sindacati, si è svolto oggi al Mise dopo le polemiche sui criteri adottati sull'individuazione degli assunti da ArcelorMittal, e degli esuberi collocati in cassa integrazione.

Durante il confronto è stato spiegato che per la Manutenzione si è proceduto inizialmente a individuare la linea tecnologia di riferimento, per poi applicare una selezione basata prioritariamente sui livelli di inquadramento (competenze professionali) e, a parità di professionalità, attraverso l'impiego dei criteri dei carichi di famiglia e anzianità. Per i perimetri Esercizio (lavoro di produzione), qualora ci sia stato bisogno di rimodulare l’assetto organizzativo, in linea di principio ed a parità di professionalità sono stati applicati i criteri di carichi di famiglia e anzianità. All’incontro erano presenti rappresentanti di ministero del Lavoro, Am Investco, dell’Amministrazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400