Mercoledì 14 Novembre 2018 | 22:43

NEWS DALLA SEZIONE

L'incontro
La Puglia a Roma per un turismo lento e sostenibile

La Puglia a Roma per un turismo lento e sostenibile

 
Dopo una perquisizione
Finto dentista dal 2015: cc sequestrano studio medico a Lecce davanti ai pazienti

Finto dentista dal 2015: cc sequestrano studio medico a Lecce davanti ai pazienti

 
Dopo la visita del vicepremier
Bari, criminalità in calo, Salvini: «Promessa mantenuta, il 35% in meno al Libertà»

Bari, criminalità in calo, Salvini: «Promessa mantenuta, il 35% in meno al Libertà»

 
Le dichiarazioni
Omicidio Desiree, il ghanese catturato a Foggia: «Con lei rapporto consensuale»

Omicidio Desiree, il ghanese catturato a Foggia: «Con lei rapporto consensuale»

 
la sentenza
Bari, adescava minori in chat: condannato a 8 anni

Bari, adescava minori in chat: condannato a 8 anni

 
Il ritorno
Il Lecce si gode il nuovo Lucioni

Il Lecce si gode il nuovo Lucioni

 
Serie D
Castrovillari - Bari: segui la diretta

Castrovillari - Bari finisce in parità: 1-1, Neglia in gol

 
Sfruttamento nei campo
Lesina, pagati 3 euro l'ora per raccogliere le olive: arrestati 2 caporali

Lesina, pagati 3 euro l'ora per raccogliere le olive: arrestati 2 caporali

 
Il folle gesto
Brindisi, il rush finaledei 5 candidati sindaco

Brindisi, disoccupato minaccia di darsi fuoco davanti al Comune

 
Tragedia sfiorata
Lecce, minaccia di lanciarsi nel vuoto dal tribunale: salvato

Lecce, minaccia di lanciarsi nel vuoto dal tribunale: salvato

 
Lotta al crimine
Furti di pesce e olive, detenzione e ricettazione: 3 arresti e 3 denunce nel Foggiano

Furti di pesce e olive, droga e ricettazione: 3 arresti e 3 denunce nel Foggiano

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il punto

Tap, Emiliano avverte: gasdotto arriverà a Brindisi-Mesagne

«Chi vuole rovinare Melendugno gioca anche sulla psicologia dei brindisini, che pensano di poter evitare Tap»

No Tap, sit-in pacifico  in piazza Sant’Oronzo

«Chi vuole rovinare Melendugno gioca anche sulla psicologia dei brindisini, che pensano di poter evitare Tap. Tap arriverà comunque a Brindisi-Mesagne, perché lì c'è lo snodo della dorsale SNAM che poi deve portare questo gas nel nord Europa. Quindi, meglio fare meno danno possibile e non aprire in due tutta la provincia di Brindisi con un gasdotto di 50 chilometri via terra che parte da San Foca-Melendugno». È quanto dichiara il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che questa mattina è stato a Brindisi, spiegando le ragioni a fondamento della sua battaglia per spostare l’approdo del gasdotto da San Foca a Brindisi, 30 chilometri più a nord sulla costa pugliese adriatica.


«La manipolazione dell’informazione è arrivata al punto da non far capire ai brindisini che comunque il gas va a Brindisi, perché deve arrivare a Mesagne, - ha continuato Emiliano - spaccando in due, secondo il progetto attuale, tutta la provincia, facendolo però approdare 30 chilometri più giù. Da questa realtà i brindisini non possono scostarsi». «So che questa cosa è stata presentata male ai brindisini, ma io ho l'abitudine di dire la verità, - ha concluso il governatore pugliese - anche perché il mio rapporto con questa città rimane fondato su un amore profondissimo, non sarei mai in grado di dire loro bugie e spero che nessun altro lo faccia».

PARTITI I LAVORI IN ALBANIA - Al via i lavori per la realizzazione della condotta sottomarina del gasdotto TransAdriatic Pipeline (Tap), che fornirà all’Europa il metano proveniente dai giacimenti azeri, attraversando la Grecia e l'Albania per raggiungere poi le coste pugliesi in Italia.
Per la tratta sottomarina, lunga 105 chilometri, è prevista l'installazione di 9 mila tubature, il cui peso totale è di circa 100 mila tonnellate. Almeno 10 navi specializzate saranno impegnate per saldare le tubature a bordo e deporle sul fondale marino, ad una profondità di oltre 810 metri.
La realizzazione dei lavori è stata affidata all’italiana Saipem. Alla cerimonia organizzata in Albania, il managing director del Tap, Luca Schieppati ha parlato di «un altro importante passo nella costruzione del gasdotto. La conclusione dei lavori e la messa in opera saranno nel 2020. Circa l’80 per cento dell’intero progetto è stato ormai realizzato». Nel suo breve intervento, il premier albanese Edi Rama, si è augurato che mentre i lavori per la condotta sottomarina proseguono "siano risolti anche i problemi in Italia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400