Giovedì 21 Marzo 2019 | 20:52

NEWS DALLA SEZIONE

Comune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
L'intervista
Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

 
La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il torneo
Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

 
Subentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
Ambiente
Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

 
Scintille Nato-Russia
I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

 
È diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Il confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 
In 5mila al corteo
Emiliano a manifestazione Libera: «Lottiamo con i ragazzi»

Marcia Libera, Emiliano a Brindisi «Approvata legge pugliese sulla legalità» VD

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 

Amministrative

Patto Emiliano-Cassano protesta solo la sinistra

Gentile (Pd): «Se sarà organico al centrosinistra, va bene»

Patto Emiliano-Cassano protesta solo la sinistra

BARI - L'acclarata sintonia tra il movimento civico Puglia Popolare e il presidente della Regione Michele Emiliano - sancita dal «patto dell’Interporto» siglato nell’incontro pubblico di martedì, in cui era presente tra gli altri imprenditori Salvatore Matarrese, figlio di Vincenzo, e non l’omonimo cugino, ex parlamentare fittiano - ha aggiunto un elemento di discussione nel centrosinistra, che si interroga sulle modalità dell'allargamento della coalizione e sulla compatibilità di un eventuale innesto di ex forzisti con la sinistra più identitaria.

«Sembra che la maggioranza alla Regione si sia allargata – attacca Nico Bavaro, segretario regionale di Sinistra Italiana - ma questo quadro non riguarda noi, che siamo all'opposizione della giunta Emiliano». Poi l'affondo: «La liaison con Cassano? Evidenzia la disperazione di Emiliano che sa bene di aver sperperato un patrimonio di credibilità e consensi, costruito in anni in cui certamente si commettevano errori ma si facevano tante cose per il governo della Puglia. Ormai annaspa e cerca appoggi a destra». Da qui un monito: «Piuttosto che inaugurare nuovi accordi trasversali e trasformisti, Emiliano avrebbe fatto meglio a inaugurare strutture di sanità territoriale nelle varie province, o a pensare a come creare occupazione per pugliesi e non a come dare lavoro a qualcuno che sta in consiglio regionale ad aspettarlo». Sinistra Italiana esclude l'ingresso di Mino Borraccino, consigliere regionale critico con la giunta Emilano, nel governo regionale: «Borraccino resta all'opposizione perché, al di là degli accordi di Emiliano, il nostro è un giudizio negativo sull'operato dell'amministrazione. Decaro alleato con Cassano alle comunali di Bari? Non commento quello che succederà nei comuni. Il nodo è politico: dopo il 4 marzo ha certificato che il centrosinistra così com’è non esiste più. Ci sono due strade davanti: c'è chi somma pezzi di ceto politico, spesso in arrivo da destra, e così ci porterà allo sfascio; e ci siamo noi che chiediamo un nuovo registro. Ecco, Decaro non dovrebbe automaticamente ingoiare quello che decide Emiliano, nuovo satrapo regionale. Infine il Pd regionale dovrebbe tirare fuori l'orgoglio: Emiliano decide il perimetro della coalizione e la gente con cui governare e tutti stanno zitti?», conclude Bavaro.

Da Liberi e Uguali, area Mdp, invece non arriva nessun commento sulla vicenda Cassano, ma solo la conferma della discussione interna sul possibile ingresso in giunta con conseguente indicazione di Borraccino come assessore, mentre decisiva sarà l'assemblea regionale di domenica con Roberto Speranza.
Nel Pd, infine, il dibattito interno è rovente, ma in pubblico la scelta è quella di non alimentare nuove polemiche dall'esito imprevedibile. In questo contesto risalta la voce prudente e realista dell'eurodeputato Elena Gentile: «Il partito non ha discusso questo allargamento. Se è una scelta di campo definitiva e Cassano decide di entrare organicamente nel centrosinistra largo, è una buona notizia. Se invece si configura un’altra operazione “stop and go” ritengo non ci faccia bene.

L’elettorato ricorda queste operazione pre-elettorali. Cassano, del resto, è stato sottosegretario del governo Renzi, poi ha lasciato Alfano. L’auspicio è che ci sia una scelta definitiva e non un nuovo capitolo di lunga storia».
Sornione il consigliere dem Fabiano Amati, commenta con una allegoria che richiama un momento cult della Prima Repubblica: «Cassano? Le rammento un aneddoto. Mino Martinazzoli, appena eletto segretario, rispose così alla domanda se la Dc fosse morta. “Mi chiede di rispondere a una domanda che non mi sono ancora posto”».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400