Martedì 13 Novembre 2018 | 23:21

NEWS DALLA SEZIONE

Cade l'accusa di mafia
Traffico e spaccio di droga nel Barese: condannati in 9 affiliati al clan Palermiti

Traffico e spaccio di droga nel Barese: condannati 9 affiliati al clan Palermiti

 
La strage
Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

 
L'esame autoptico
Lecce, morte on. Baldassarre, l'autopsia conferma: scompenso cardiaco acuto

Lecce, morte on. Baldassarre, l'autopsia conferma: scompenso cardiaco acuto

 
L'incidente a Torremaggiore (FG)
Foggia, imprenditrice 48enne muore schiacciata da muletto

Foggia, imprenditrice 48enne muore schiacciata da muletto

 
Premiato a Vienna
Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

 
Il furto
Bari, ruba un portafoglio dal camerino del Petruzzelli: arrestato vigilante

Bari, ruba un portafoglio dal camerino del Petruzzelli: arrestato vigilante

 
Inquinamento
Pioggia acida nel Leccese, la Procura apre un'inchiesta

Pioggia acida nel Leccese, la Procura apre un'inchiesta

 
Abusi e violenze
Francavilla, nigeriano tormenta per anni una connazionale: arrestato

Francavilla Fontana, nigeriano tormenta per anni la sua ex: arrestato

 
L'appuntamento
Castrovillari-Bari, il punto con La Voce Biancorossa: segui la diretta

Castrovillari-Bari, il punto con La Voce Biancorossa: rivedi la diretta

 
L'udienza il 14 gennaio
Lecce, usò il compagno come cancellino umano, bullo rinviato a giudizio

Lecce, usò il compagno come cancellino umano, bullo rinviato a giudizio

 
Si chiamava Jaco
S.Pietro Vernotico, morto il cane bruciato vivo perché abbaiava troppo

S.Pietro Vernotico, morto il cane bruciato vivo perché abbaiava troppo

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

L'audizione alla Camera

La Xylella arriva in Francia, Spagna e Germania. Il Cnr: vanno tagliati gli alberi

Pierferdinando La Notte: «E' un problema europeo, Eradicazione chirurgica unica misura in zone cuscinetto»

xylella

BARI - La Xylella si sta diffondendo in tutta Europa, in particolare in Francia, Spagna e Germania e non è più certo un problema solo italiano e tanto meno della Puglia. E' quanto ha fatto sapere il ricercatore dell’Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante (Ipsp) del Cnr di Bari, Pierferdinando La Notte, in audizione alla commissione Agricoltura della Camera nell’ambito dell’indagine conoscitiva sull'emergenza legata alla diffusione del batterio nella regione Puglia. 

La Xylella si sta diffondendo in tutta Europa, in particolare in Francia, Spagna e Germania e non è più certo un problema solo italiano e tantomeno della Puglia. E' quanto ha fatto sapere il ricercatore dell’Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante (Ipsp) del Cnr di Bari, Pierferdinando La Notte, in audizione alla commissione Agricoltura della Camera nell’ambito dell’indagine conoscitiva sull'emergenza legata alla diffusione del batterio nella regione Puglia.

Questa consapevolezza - prosegue - era stata già acquisita nel 2015 dall'Ue e dal servizio fitosanitario nazionale. All'epoca si è passati da una strategia di eradicazione a una strategia di contenimento. Ad oggi manca una soluzione definitiva, una cura sperimentalmente verificata ed economicamente sostenibile". La Xylella - ha aggiunto - "non è solo un problema pugliese e nemmeno nazionale, ma un problema, a tutti gli effetti, europeo, perché ci sono due epidemie in Corsica e Costa Azzurra, un'intercettazione - quella sì eradicata - in un vivaio in Germania e nelle isole Baleari in Spagna, un'altra nella zona di Alicante, un'altra in Andalusia, anche questa in serra».

"Gli studi - puntualizza La Notte - hanno evidenziato che si tratta di sottospecie diverse, quindi introduzioni accidentali, quasi tutte rilevate provenienti dalle Americhe, che, complessivamente, considerati tutti i territori demarcati, interessano una superficie in tutti i focolai di 22mila km quadrati, appena lo 0,5% del territorio dell'Unione". "Mentre in Italia, nel Salento - spiega - il passaggio alla strategia di contenimento della Xylella è arrivato nel 2015, solo nel dicembre 2017 anche in Corsica e nelle Baleari i governi, prendendo atto che non era più eradicabile la malattia, il patogeno, anche loro sono passati a una strategia di contenimento".

Per "arrestare o rallentare l'avanzata dell'epidemia verso le aree ancora indenni" da Xylella, va attuata "una strategia di contenimento che si basa su 4 pilastri fondamentali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400