Sabato 19 Gennaio 2019 | 05:16

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
La denuncia
Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

 
A Bari
Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

 
L'inchiesta
Cloro sporco in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

«Cloro sporco» in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

 
Ferrovie
Treni in Puglia, in arrivo una task force per garantire la puntualità

Treni in Puglia, in arrivo una task force per garantire la puntualità

 
SERIE D
Cittanova - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Cittanova - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

 
L'APPUNTAMENTO
Circolo della Vela Bari, i primi 90 annidomani la grande festa con l'open day

Circolo della Vela Bari, i primi 90 anni
domani la grande festa con l'open day

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
La visita
Criminalità, capo polizia Gabrielli: «Foggiano area difficile, sottovalutata criminalità»

Criminalità, capo polizia Gabrielli: «Foggiano area difficile, sottovalutata criminalità»

 

Al Palaflorio di Bari

Mondiali volley maschile al via
Attesa per Russia, Serbia e Usa

In scena il girone C: i giganti russi sono candidati alla vittoria finale

Mondiali volley maschile al viaAttesa per Russia, Serbia e Usa

È un po’ come il caffé che reclamizzava Nino Manfredi: più lo mandi giù, più ti tira su. Un mondiale non tradisce mai, è la più bella ballata sulle rive sportive. È successo nel favoloso mondo pallonaro di Russia 2018, senza i colori azzurri; figuriamoci se non accadrà nelle aristocratiche sfide tra 24 nazionali sotto il cielo di volley che di stelle azzurre ne ha eccome.
Meno uno, qui, a Bari Mondiale. Che da domani sarà osservata speciale. Ma sì, diciamolo: esaurite le bollicine romane dell’esordio dell’Italia, un 3-0 allo spuntato Giappone da brut millesimato mica da anonimo spumante dolciastro, il meglio della prima fase del Mondiale s’annuncia proprio al PalaFlorio. Perché è nel Meridiano barese che ha vita la Pool C, girone eliminatorio più muscolare di altri e quindi potenzialmente più spettacolare. Per carità, s’annunciano pure sfide alla camomilla e senza nessuna scintilla che possa segnare e sabotare le gerarchie stabilite dal ranking. Ma sono approdate sulla sponda levantina tre selezioni per le quali la pallavolo è la quintessenza dell’identità nazionale, una sorta di traslitterazione sportiva: Russia, Stati Uniti e Serbia. Il resto della griglia è completato da Australia, Camerun e Tunisia.
E domani si comincia all’ora di pranzo con il rodeo tutto africano, con un Camerun che s’alterna sulla scena internazionale alla Nigeria contro una Tunisia più europea di quanto si possa pensare. Poi, all’ora del té, l’Australia proverà a dimostrare contro la Russia tititanica di essere dello stesso mondo e di un altro passo. Curiosità massima per i ragazzoni venuti da lontanissimo e conosciuti più per l’Haka, la danza mito Maori dei cugini del rugby, che per le capacità di Paul Carroll (opposto) e Jordan Richards (schiacciatore). L’anedotto che circola e che vuole gli australiani così affamati da spazzolare a colazione 80 uova e brioche a gogò la dice lunga su questi omoni gonfi di rivoluzionaria normalità. E poi all’ora di cena, le prime scintille, tra Stati Uniti e Serbia.
In trincea e apnea, che la ballata cominci. Sarà un gran bel vedere nel quadrilatero di Japigia dove nessuno scenderà a patti. È il girone che schiera sotto gli occhi pugliesi la favorita Russia dei Polifemi: un gradino più su dopo Serbia e Stati Uniti nella scala dei pronostici per la vittoria finale. E allora sarà da raccontare chi e come farà fronte a un primo tempo di Dmitriy Muserskiy, il centrale della Russia alto 218 centimetri, capace di schiacciare a 375 centimetri: più o meno un metro sopra il tetto di un normale appartamento. Non che il resto dell’Armata Russa abbassi l’asticella, visto che l’altezza media è di 201,2 centimetri. Ma non è solo l’evoluzione dell’altezza dell’homo volley, cresciuto di 10 centimetri in quarant’anni, a illuminare la scena. Sfilerà gente nota per la rapidità digitale con la quale palleggia, per lo scatto da pantera sulla preda con il quale s’avventa in battuta o per lo schiaffo da Braccio di Ferro con il quale mette a terra la palla. Volti all’indomani del Mondiale resteranno in Italia avendo scelto i nostri club per le avventure di campionato: dalla geometrica regia americana di Micah Christenson (palleggiatore del Modena) al trittico d’attacco serbo fatto da Uros Kovacevic (Diatec Trentino), Aleksandar Atanasijevic e Marko Podrascanin (Conad Perugia). senza dimenticare le bocche di fuoco americane: Aaron Russel (ex Perugia ora Diatec) e Matthew Anderson, miglior opposto della finale di Champions League vinta dal suo Zenit Kazan, finale che ebbe come miglior giocatoreMaxim Mikhaylov, anche lui della Premiata Ditta delle Alpi Russe sbarcate a Bari.
Non c’è l’azzurro, è vero. Ma ci sono tanti profeti del Nuovo Testamento del volley.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400