Martedì 16 Luglio 2019 | 12:12

NEWS DALLA SEZIONE

Nel campo nomadi di Foggia
Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

 
Il video
Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

 
Sulla Statale 16
Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

 
Dopo la grandine
Maltempo: regione avvia procedura per stato di calamità nel Gargano

Maltempo: regione avvia procedura per stato di calamità nel Gargano

 
Il caso
Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

 
Dal gip
Foggia, costringeva la moglie a vivere con le tapparelle abbassate: 44enne allontanato per maltrattamenti

Foggia, costringeva la moglie a vivere con le tapparelle abbassate: 44enne allontanato

 
il salvataggio
Vieste, i cani bagnino Maya e Axel salvano due ragazzi dalla furia del mare

Vieste, i cani bagnino Maya e Axel salvano due ragazzi dalla furia del mare

 
Lavoro in campagna
Caporalato sul Gargano, sequestrati 10 furgoni «killer» per i braccianti

Caporalato sul Gargano, sequestrati 10 furgoni «killer» per i braccianti

 
Tentata rapina
Foggia, aggredisce e scippa collana ad anziana colf: arrestato

Foggia, aggredisce e scippa collana ad anziana colf: arrestato

 
Il rogo
Lucera, tornano i piromani del castello: brucia la pineta

Lucera, tornano i piromani del castello: brucia la pineta

 
Il caso
Cerignola, auto investe sei adolescenti di 12 e 13 anni: due sono gravi

Cerignola, auto investe sei adolescenti di 12 e 13 anni: due sono gravi

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'episodio
Bari, sfilò Rolex dal polso di un automobilista: arrestato dopo 3 mesi

Bari, sfilò Rolex dal polso di un automobilista: arrestato dopo 3 mesi

 
FoggiaNel campo nomadi di Foggia
Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

 
LecceIl vertice
Lecce, via libera ai concerti in Piazza Libertini

Lecce, via libera ai concerti in Piazza Libertini

 
BatIl caso
Barletta, sindaco insultato su Facebook sporge denuncia

Barletta, sindaco insultato su Facebook sporge denuncia

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 
MateraUna coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
TarantoLa lettera d'accompagnamento
Fonti M5s: in Cdm candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo

Fonti M5s: in Cdm candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo

 
BrindisiDalla polizia
Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

 

i più letti

denuncia cns foggia

«Masserie abbandonate
una sconfitta per tutti»

Tra degrado o demolizioni, così si modifica il paesaggio del Tavoliere. Il caso dell'azienda agricola Onoranza, luogo di nidificazione del grillaio

La masseria Onoranza

La masseria Onoranza

FOGGIA - «Il complesso edilizio dell'azienda agricola Onoranza non esiste più. La maggior parte dei fabbricati che si potevano vedere a metà strada della via del Mare, all'altezza della rotatoria poco dopo Tavernola, e che costituivano anche un punto di riferimento per il viaggiatore nella vasta piana del Tavoliere, è stata demolita. Sono rimasti solo un paio di edifici di cui non si conosce la sorte futura». Lo fa sapere il centro studi naturalistici di Foggia che in una nota aggiunge: «Con la masseria è sparito anche uno dei siti di nidificazione del falco grillaio in Capitanata, già oggetto negli anni scorsi di un progetto di ripopolamento del Centro Studi Naturalistici ONLUS che ha avuto successo, con la graduale espansione delle colonie di questo piccolo falco migratore dall'area sorgente di Lago Salso verso le tante masserie abbandonate nel cuore del Tavoliere che sono diventate delle utili aree di riproduzione.»

Fondata dal possidente Michele Pedone, colui che ha donato tutte le carrozze che oggi costituiscono il Museo delle Carrozze a Foggia, l'azienda, che si trova in agro di Manfredonia. «Il Piano Paesaggistico Territoriale Regionale (PPTR) definisce questo sito denominato “Posta dell’Onoranza”, come “segnalazione architettonica” nell’ambito dell’UCP - Testimonianze della Stratificazione Insediativa: segnalazioni architettoniche e segnalazioni archeologiche ed è quindi tutelato.

«La demolizione di questi giorni – dichiara Maurizio Gioiosa, presidente del CSN ONLUS – è una sconfitta per tutti: per i proprietari, che hanno rinunciato al loro bene; per l'ambiente, che ha perso un importante sito di nidificazione; per il paesaggio, che vede sparire un altro pezzo di storia; per la politica, che mostra ancora una volta una grave disattenzione nel governo del territorio e che avrebbe dovuto dare vita alle visioni inserite nel Piano Paesaggistico Territoriale Regionale attraverso una opportuna programmazione di risorse e interventi. Non dubitiamo del fatto che la proprietà abbia chiesto e ottenuto tutte le autorizzazioni per procedere con l'abbattimento, ma se così è, dimostra l'ormai strutturale inadeguatezza culturale che affligge la società foggiana, incapace di valorizzare beni che non lontano da noi, e penso al Salento, hanno fatto la fortuna di altri territori».

La sorte toccata alla masseria Onoranza è purtroppo quella che ci si deve attendere per le centinaia di fabbricati rurali abbandonati della provincia di Foggia, spesso preda di squadre organizzate di barbari contemporanei che li spogliano di qualsiasi elemento edilizio che possa trovare una nuova collocazione sul mercato o, in altri casi, occupate abusivamente e precariamente da quell'umanità dolente dei migranti che fornisce braccia a buon mercato per l'agricoltura foggiana.

«In questo deserto sociale e culturale l'apposizione di nuovi vincoli, che pure forse avrebbero salvato la masseria, non servirebbe a fermare una tendenza ormai consolidata. Occorre invece un profondo cambiamento nella mentalità della società foggiana ed un progetto di riuso del territorio che favorisca il reinsediamento nella campagna e il recupero degli edifici abbandonati, dando una risposta anche alle esigenze abitative dei cittadini extracomunitari. In questo senso il Piano di Sviluppo Rurale è stata un'occasione perduta. Si sarebbe infatti potuta incentivare la ristrutturazione dei fabbricati rurali allo scopo di dare un tetto dignitoso a quanti offrono il loro lavoro per sostenere il sistema agricolo della Capitanata, risolvendo contemporaneamente sia il problema dell'accoglienza che quello della conservazione del patrimonio edilizio rurale e dello spopolamento delle campagne», dice il centro studi naturalistici che rivolge un appello «al mondo politico e alle associazioni agricole affinché nella prossima revisione della programmazione dei fondi comunitari si possano trovare gli strumenti adeguati per fermare questo scempio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie