Lunedì 26 Settembre 2022 | 12:20

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,81%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,16%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,78%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,39%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,04%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,02%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,51%

Movimento 5 Stelle

 

bufera di capodanno

Foggia, Iaccarino fa marcia indietro: non firma più le dimissioni e va all’attacco di Landella. Sgarbi «Era un gioco con il figlio»

Foggia, Iaccarino fa marcia indietro: non firma più le dimissioni e va all’attacco di Landella

I Cinquestelle pronti con la mozione. Forza Italia: «Va messo fuori dal centrodestra»

06 Gennaio 2021

Redazione online

FOGGIA - «Oggi ci aspettavamo che Leonardo Iaccarrino ratificasse le sue dimissioni invece c’è stata una sua virata». Così il sindaco di Foggia, Franco Landella, annuncia il dietrofront del presidente del Consiglio comunale, Leonardo Iaccarino, protagonista di un video, divenuto virale sui social, in cui impugna una pistola giocattolo ed esplode alcuni colpi per festeggiare l’arrivo del nuovo anno. Ieri Iaccarino ha inviato una nota al primo cittadino in cui chiede di «attivare un confronto politico con le Istituzioni (sindaco e Consiglio comunale) sulla opportunità o meno di abbandonare il cammino intrapreso al solo scopo di tutelare quella parte di opinione pubblica che si ritiene lesa dal noto evento». Un parte - precisa Iaccarino - «sempre più sparuta se si considerano le evidenti espressioni e manifestazioni di vicinanza ricevute dallo scrivente».

Una dichiarazione, quella di Iaccarino, evidentemente lontana anni luce dall’atmosfera che si vive a Foggia e che tanti foggiani stanno vivendo in tutta Italia. Iaccarino, consigliere comunale eletto con Forza Italia con 1.312 voti, subito dopo la pubblicazione del video aveva manifestato la volontà di dimettersi con una lettera inviata al sindaco Landella. Sul punto Iaccarino specifica che “sarebbe stato protocollato un documento relativo alle mie dimissioni non efficace perché trattasi di dimissioni non sottoscritte e non presentate personalmente presso gli uffici comunali». A questo punto si va verso la convocazione di un consiglio comunale con la mozione di sfiducia per Iaccarino, peraltro già annunciata dai 5stelle e concordata ieri anche dai consiglieri del centrodestra e da Pippo Cavaliere (ex candidato sindaco del centrosinistra).

Rispetto alla collocazione di Iaccarino da registrare una nota di Forza Italia: «Iaccarino non fa parte di Forza Italia. Non è tesserato dal 2018. Un amministratore che già avevamo deferito al collegio dei probiviri del partito lo scorso marzo per altri comportamenti deprecabili».

VITTORIO SGARBI: «ASSURDO CHIEDERE LE DIMISSIONI» - «Mi sembra veramente inverosimile che in un clima di proibizione, di tortura, di moralismo in cui tutti in realtà odiano gli altri, si possa tentare di incriminare e richiedere le dimissioni a un padre, Leonardo Iaccarino, presidente del consiglio comunale di Foggia, il quale sta con il figlio a casa sua a capodanno a giocare». Così Vittorio Sgarbi critico d’arte e sindaco di Sutri, in provincia di Viterbo, commenta con un video postato sul proprio profilo facebook il caso di Leonardo Iaccarino, presidente del consiglio comunale di Foggia, che la notte di capodanno ha festeggiato esplodendo alcuni colpi di pistola a salve dal balcone di casa.

Per questi motivo i consiglieri di maggioranza e opposizione del comune di Foggia hanno presentato nei confronti dello stesso Iaccarino, ex Forza Italia, una mozione di sfiducia. Sgarbi nel suo video cita anche il caso del bambino di Taranto che spara a casa per festeggiare capodanno con una pistola scacciacani. "Perché non dovrebbero farlo. Quale è la logica per cui quelle pistole giocattolo non dovrebbero essere usate? - si chiede - Tra l’altro Leonardo Iaccarino fa il vigile del fuoco, quindi sa quello che sta facendo, sta giocando con suo figlio».

In conclusione il critico d’arte aggiunge: «Vada lodato questo padre e vada consentito a suo figlio di giocare con una pistola giocattolo. Chi glielo voglia impedire va guardato come un povero demente». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725