Venerdì 13 Dicembre 2019 | 09:52

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Foggiano
San Severo, sorpresi a rubare ne cimitero: ladri messi in fuga

San Severo, sorpresi a rubare nel cimitero: ladri messi in fuga

 
panico nello scalo
Foggia, minaccia passeggeri in stazione con un grosso coltello: arrestato 22enne bulgaro

Foggia, minaccia passeggeri in stazione con un grosso coltello: arrestato 22enne bulgaro

 
Vertice in Prefettura
Foggia, famiglie in container: sindaco firmerà ordinanza sgombero

Foggia, famiglie in container: sindaco firmerà ordinanza sgombero

 
nel centro storico
Foggia: offre alcol a minorenni, sospesa licenza per 3 giorni a titolare «cicchetteria»

Foggia: offre alcol a minorenni, sospesa licenza per 3 giorni a titolare «cicchetteria»

 
San Nicandro Garganico
Pestano due carabinieri nel Foggiano e fuggono: ricercati due uomini

Pestano due carabinieri nel Foggiano e fuggono: una denuncia e un ricercato

 
La sentenza
Foggia, ai bambini: «Sgozzate i miscredenti». Condannato per terrorismo un egiziano

Foggia, ai bambini: «Sgozzate i miscredenti». Condannato per terrorismo un egiziano

 
L'estorsione
Foggia: «Vuoi essere protetto? Dacci 200 euro», 2 arresti

Foggia: «Vuoi essere protetto? Dacci 200 euro», 2 arresti

 
Nel foggiano
volante polizia

San Severo, in fuga per 30 chilometri: aveva eroina nell'auto

 
Festività 2019
Al via il Natale a Foggia con ruota panoramica, pista di pattinaggio e albero illuminato

Al via il Natale a Foggia con ruota panoramica, pista di pattinaggio e albero illuminato

 
L'arresto
Preparavano assalto ad un bancomat a Chieti: in manette 4 foggiani

Preparavano assalto ad un bancomat a Chieti: in manette 4 foggiani

 

Il Biancorosso

serie c
Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barinel settembre scorso
Tentarono rapine a Palo del Colle e Grumo, ma i colpi fallirono: identificati e arrestati 2 baresi

Tentarono rapine a Palo del Colle e Grumo, ma i colpi fallirono: identificati e arrestati 2 baresi

 
Batla decisione
Barletta, morì di parto nel '98, Asl Bari condannata a risarcire la famiglia per oltre 1mln di euro

Barletta, morì di parto nel '98, Asl Bari condannata a risarcire la famiglia

 
BrindisiIntimidazione
S.Pietro Vernotico, colpi di pistola contro auto: era del proprietario del cane arso vivo

S.Pietro Vernotico, colpi di pistola contro auto del proprietario del cane arso vivo

 
LecceDevozione
Lecce, la salma di Mons. Ruppi presto traslata nel Duomo

Lecce, la salma di Mons. Ruppi presto traslata nel Duomo

 
PotenzaTecnologia
Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

 
TarantoSS Annunziata
Taranto, il 20 dicembre reparto intitolato a Nadia Toffa

Taranto, il 20 dicembre inaugura il reparto intitolato a Nadia Toffa

 
FoggiaNel Foggiano
San Severo, sorpresi a rubare ne cimitero: ladri messi in fuga

San Severo, sorpresi a rubare nel cimitero: ladri messi in fuga

 
Materanel Materano
Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

 

i più letti

In vista del concorsone

Foggia, infermieri del 118: «una corsia preferenziale per il concorso»

«Abbiamo lavorato per anni da precari, la Regione ci riconosca un punteggio»

Foggia, l’Asl rassicura  Sanitaservice va avanti

FOGGIA - Possono bastare dieci anni di precariato e forse più per entrare finalmente in servizio? No, nella sanità pugliese non possono bastare e anzi si corre il rischio di essere anche tagliati fuori da quel posto occupato per anni, ora che si aprono finalmente le porte dell’assunzione a tempo indeterminato passando però attraverso la selezione di un concorso. Selezione che gli infermieri precari della Sanitaservice foggiana - quelli che un anno fa furono assunti a tempo determinato con bando di avviso pubblico dopo l’abiura (da parte dell’Asl) delle cooperative - vorrebbero ora non fare.

«Venga riconosciuto per loro un canale preferenziale», la richiesta di cui si è fatto portavoce il consigliere regionale Giannicola De Leonardis con un pubblico appello al presidente della Regione, Michele Emiliano. Ma la corsia può essere riconosciuta? E quali sarebbero i criteri di scelta? Gli stessi infermieri ne indicano uno: «Nell’avviso pubblico bandito dall’Asl attraverso il quale fummo assunti a tempo indeterminato per un anno - si legge in una nota che i lavoratori hanno inviato a Emiliano - l’esperienza maturata, anche se con forme flessibili di contratto e con l’impiego dell’agenzia interinale, è stata riconosciuta con ampio punteggio in quanto considerata preziosa dalla stessa Asl. Siamo stanchi di essere considerati eterni precari - esortano - è il momento che ci venga ricompensata la nostra dedizione al lavoro e la nostra determinazione a portare avanti, pur se con l’incertezza del domani, un servizio così essenziale e complesso come il sistema per l’emergenza e urgenza».

Gli infermieri fanno parte ormai stabilmente del sistema di soccorso sulle ambulanze del 118, di esperienza in tutti questi anni effettivamente ne hanno accumulata parecchia e sotto varie forme di inquadramento. Durante il loro percorso hanno dovuto anche aprire la partita Iva pur di lavorare, le cooperative attraverso le quali la Sanitaservice ingaggiava tutto il personale infermieristico dell’emergenza-urgenza dopo il 2017 sono finite nell’occhio del ciclone anche se non tutte. In provincia di Foggia venti postazioni su 45 sono ancora gestite dalle cooperative, gli infermieri che lavorano ancora in questo regime (più precari degli altri) hanno protestato tempo fa perchè loro neanche potranno partecipare al concorso, in quanto la legge Madia sulla riorganizzazione della Pubblica amministrazione non considera le società in house come Sanitaservice alla stregua di un ente pubblico.

«La Regione trovi una soluzione per una stabilizzazione in breve tempo», la sollecitazione degli infermieri sotto contratto dell’Asl in vista del «concorsone» di fine anno per 1132 posti in Puglia, il vistoso ricambio generazionale del personale infermieristico che sia mai stato varato nella sanità pugliese, in Capitanata sono previsti 241 nuovi incarichi a tempo indeterminato. Posti che saranno così distribuiti: 91 infermieri all’Asl (45 da concorso, gli altri 46 derivanti da mobilità regionale ed extraregionale); 150 destinati all’Azienda ospedaliera (76 da concorso, il resto riservato alla mobilità).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie