Mercoledì 05 Agosto 2020 | 07:00

NEWS DALLA SEZIONE

nel foggiano
Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

 
LA TRAGEDIA
Foggia, il ghetto di Mezzanone ha invaso anche il Cara

Foggia, il ghetto di Mezzanone ha invaso anche il Cara

 
l'episodio
Foggia, affiancano bracciante e gli sparano: ferito, indaga la polizia

Foggia, affiancano bracciante e gli sparano: ferito, indaga la polizia

 
nel foggiano
Ministro Azzolina a Cerignola: «Beni confiscati a mafia vittoria dello Stato»

Ministro Azzolina a Cerignola: «Beni confiscati a mafia vittoria dello Stato»

 
pubblica amministrazione
Foggia, comuni, uffici senza personale rischio fondi Ue

Foggia, uffici del Comune senza personale: a rischio fondi Ue

 
i retroscena
Rissa a Borgo Mezzanone, nel ghetto «comandano i ghanesi»

Rissa a Borgo Mezzanone, nel ghetto «comandano i ghanesi»

 
nel foggiano
Borgo Mezzanone, rissa fra migranti: baracche a fuoco, 3 feriti, uno è grave

Borgo Mezzanone, rissa fra migranti: baracche a fuoco, 3 feriti, uno è grave

 
Criminalità
Cerignola, l'omicidio Cirulli forse per uno sgarro ai boss

Cerignola, l'omicidio di Cirulli forse per uno sgarro ai boss

 
Il caso
Covid 19, i numeri neri di Cerignola, dopo festa di compleanno

Covid 19, i numeri neri di Cerignola dopo festa di compleanno

 

Il Biancorosso

SERIE C

Bari, una panchina per 4: Vivarini in pole position

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa decisione
Roghi nelle campagne di Mola, Colonna: «Droni per scovare i piromani»

Roghi nelle campagne di Mola, Colonna: «Droni per scovare gli incendiari»

 
PotenzaIn Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
TarantoLa richiesta
Arcelor Mittal, i sindacati: «Magazzini chiusi, difficile reperire Dpi»

Arcelor Mittal, i sindacati: «Magazzini chiusi, difficile reperire Dpi». Aziende lamentano ritardi nei pagamenti

 
MateraLa novità
Rete 5G: a Matera nascerà la Casa delle Tecnologie

Rete 5G: a Matera nascerà la Casa delle Tecnologie

 
LecceIL MISTERO
Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

 
Batl'operazione
Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

 
BrindisiVANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 

i più letti

L'operazione

Amendola farà difesa aerea e ambientale: F-35 in missione Nato in Islanda

Gli aerei senza pilota sulla terra dei fuochi

Amendola, tra "F-35" e "Predator"il futuro ti prende per mano

Un F-35 al rientro da una missione

FOGGIA - Amendola con i suoi velivoli andrà a pattugliare lo spazio aereo dell’Islanda, sarà una missione Nato quella che vedrà impiegati tra poche settimane i caccia «omniruolo» F35 la cui funzione di velivolo evoluto assume un ruolo sempre più centrale nel futuro dei 1200 avieri dell’aeroporto foggiano. Ieri è stata celebrata un’altra giornata dell’orgoglio militare (ritrovato) e della «superiorità tecnica» di questa base nello scacchiere dell’alleanza atlantica, nel corso della cerimonia per il passaggio delle consegne tra i due comandanti (ne riferiamo a parte) del Trentaduesimo stormo.
Siamo in presenza di un aeroporto che sta cambiando pelle o non da oggi, le novità si perdono a vista d’occhio (l’ultima, il monumentale ingresso che non si è riusciti a ultimare per l’occasione). Il caccia di fabbricazione Usa ha alzato il tasso di testosterone della struttura militare che si riconosce in questo velivolo e lo vede come una sorta di simbolo di una grandeur afferrata tuttavia in extremis, nel mezzo di una congiuntura difficile a causa delle ristrettezze di bilancio imposte anche alle spese delle forze armate.

Non si è perciò nascosto dietro un dito il generale Silvano Frigerio, comandante delle forze da combattimento dell’Aeronautica militare e della prima Regione aerea, nel suo discorso di saluto all’insediamento del nuovo comandante della base. Frigerio ha infatti dedicato un passaggio del suo intervento alla «permanente carenza di personale e di risorse finanziarie», ostacolo che «non impedisce ai reparti di utilizzare al meglio le proprie professionalità in tutte le situazioni». Tra l’altro non soltanto nella difesa aerea: i Predator dell’Aeronautica (con base ad Amendola e a Sigonella) saranno messi al servizio anche del ministero dell’Ambiente per monitorare la “Terra dei fuochi” in Campania tristemente nota per i rifiuti tossici e nocivi interrati e i roghi che continuano a essere appiccati.
L’Aeronautica continua a fidarsi dei reparti e degli uomini della base foggiana, il segreto (per così dire) lo spiega alla Gazzetta il sottocapo di Stato maggiore, generale Luca Goretti: «L’80% del personale di questa base risiede nel territorio, c’è un senso dell’appartenenza davvero straordinario che impegna tutti nel proprio ruolo con un’abnegazione e un impegno sotto gli occhi di tutti».

La trasmigrazione dei reparti sulla quinta generazione dell’F35 sembra essere riuscita, continuano infatti a moltiplicarsi le missioni del Tredicesimo gruppo di volo. Un processo appena cominciato: «I velivoli F35 (attualmente sei: ndr) continueranno ad arrivare in questo aeroporto - aggiunge Goretti - seguendo una progressione che tiene conto ovviamente degli aggiornamenti tecnologici di una macchina molto sofisticata». Ma tra qualche tempo Amendola non sarà la sola base militare a ospitare i caccia americani: anche il sesto stormo di Ghedi (Brescia) avrà la sua dotazione di F35 nel giro di tre anni, in graduale sostituzione dei caccia Tornado sottoposti a un programma di aggiornamento che permetterà a questi aerei di operare sulla difesa aerea «per un’altra decina di anni». Ricordiamo che l’Italia ha acquistato (tra le polemiche, l’opinione pubblica è divisa in due sul tema) dagli Stati Uniti 90 aerei del programma «Jsf» (Joint strike fighter), l’F35 appunto, di cui quindici a decollo verticale destinati alla Marina militare.

«Sull’aeroporto di Amendola lo Stato maggiore continuerà a fare affidamento perchè la base ha dimostrato nel tempo una capacità di adattamento alle novità e al tempo che passa davvero encomiabile. Il primo test - ricorda il generale Goretti - lo facemmo ai primi degli anni Duemila con i primi Predator assegnati all’Aeronautica (i velivoli senza pilota: ndr) una macchina per i tempi assolutamente avveniristica e di grande impatto su qualunque reparto. I Predator fin dall’inizio si rivelarono molto efficaci nell’azione di intelligence e fornirono indicazioni molto utili sul loro livello di operatività grazie proprio alla capacità mostrata dal personale di sapersi applicare a questi nuovi sistemi. Inevitabile a quel punto non proseguire quel piano di innovazione puntando ancora su questa base per investire uomini e mezzi sul programma F35, il velivolo più avanzato di tutti i tempi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie