Sabato 20 Luglio 2019 | 03:17

NEWS DALLA SEZIONE

Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
Lo stabilimento
Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: in arrivo 1500 posti di lavoro

Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: ogni stagione offerti fino a 1500 posti di lavoro

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

 
Corsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
Emergenza abitativa
Foggia, da 14 anni vivono in container invasi da topi e blatte: la protesta delle mamme

Foggia, da 14 anni in container invasi da topi e blatte: secondo giorno di protesta delle mamme

 
Femminicidio
San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata. Domani i funerali

 
Nel Foggiano
Orta Nova, commando sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

Orta Nova, banda sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

 
Bullismo
Candela, 15enne disabile picchiato e insultato nella villa comunale da coetanei

Candela, 15enne disabile picchiato e insultato in villa comunale da coetanei

 
Operazione Rodolfo
Mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan foggiani

Foggia, mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan

 
Il video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
BariSocietà fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BrindisiPer un valore di 1000 euro
Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

Foggia

Uccise coinquilino inflitti oltre 14 anni

Omicidio Piserchia, la tesi della legittima difesa non convince il gup

Uccise coinquilino inflitti oltre 14 anni

FOGGIA - Condannato a 14 anni e 4 mesi Donato Alberto Riccio, foggiano di 33 anni, riconosciuto colpevole di omicidio volontario per aver ucciso con 6 coltellate il coinquilino Pompeo Piserchia di 34 anni, 48 ore dopo un litigio per il posteggio dell’auto nel parcheggio condominiale. Il delitto avvenne la sera del 26 agosto 2016 nel portone dello stabile di via San Giovanni Bosco 1, al rione Candelaro, dove vivevano imputato e vittima. Piserchia colpito a volto, braccia e petto morì poco dopo l’arrivo in pronto soccorso; Riccio fu subito arrestato dalla «volante» che lo rintracciò a casa e sequestrò l’arma del delitto, un coltello che l’imputato sostiene essere della vittima. Sin dal primo momento, Riccio infatti disse d’aver agito per legittima difesa dopo che il coinquilino lo aveva aggredito prima prendendolo a pugni, quindi estraendo da un marsupio il coltello che lui riuscì a togliergli, versione che non ha convinto il giudice.

La sentenza di primo grado è stata pronunciata dal gup Domenico Zeno al termine del processo abbreviato cominciato nell’autunno 2017. Inizialmente a Riccio veniva contestato l’aggravante dei dei futili motivi «legati al diritto di parcheggio dell’auto nel cortile dove abitavano imputato e vittima». Fu poi lo stesso pm Giovanni Gallone a chiedere in requisitoria il 12 gennaio l’esclusione dell’aggravante (sostenne che l’omicidio avvenne durante un litigio, fu quindi la colluttazione la mossa che armò la mano dell’imputato e non il litigio di 48 ore prima per il posto auto condominiale) e la condanna a 20 anni per omicidio volontario e porto illegale di coltello.

L’avvocato Michele Sodrio (a parte pubblichiamo il suo commento alla sentenza ndr) al termine dell’arringa nell’udienza del 19 gennaio sollecitò l’assoluzione di Riccio, sostenendo che avesse agito per legittima difesa dopo aver disarmato Piserchia; in subordine la difesa chiese il minimo della pena con esclusione della recidiva e la concessione delle attenuanti generiche e della provocazione. Il gup Zeno ha concesso a Riccio le «generiche» equivalenti alla recidiva, escluso la sussistenza della provocazione, ridotto di un terzo le pena per la scelta del rito, arrivando alla condanna a 14 anni e 4 mesi per omicidio e porto illegale di coltello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie