Sabato 20 Luglio 2019 | 03:16

NEWS DALLA SEZIONE

Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
Lo stabilimento
Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: in arrivo 1500 posti di lavoro

Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: ogni stagione offerti fino a 1500 posti di lavoro

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

 
Corsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
Emergenza abitativa
Foggia, da 14 anni vivono in container invasi da topi e blatte: la protesta delle mamme

Foggia, da 14 anni in container invasi da topi e blatte: secondo giorno di protesta delle mamme

 
Femminicidio
San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata. Domani i funerali

 
Nel Foggiano
Orta Nova, commando sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

Orta Nova, banda sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

 
Bullismo
Candela, 15enne disabile picchiato e insultato nella villa comunale da coetanei

Candela, 15enne disabile picchiato e insultato in villa comunale da coetanei

 
Operazione Rodolfo
Mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan foggiani

Foggia, mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan

 
Il video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
BariSocietà fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BrindisiPer un valore di 1000 euro
Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

Operazione del Noe

Foggia, sigilli al depuratore
«Inquina il torrente Cervaro»

Provvedimento della Procura: sversamento con fanghi e acque reflue industriali

Foggia, sigilli al depuratore«Inquina il torrente Cervaro»

L’impianto di depurazione industriale del consorzio Asi di Foggia, in località «Incoronata», avrebbe inquinato il torrente Cervaro con fanghi e acque reflue industriali. Per violazioni delle norme su gestione e stoccaggio di rifiuti speciali non pericolosi, i Carabinieri del Noe di Bari con i colleghi di Foggia e personale tecnico dell’Arpa Puglia, hanno posto sotto sequestro preventivo l’impianto su disposizione della Procura di Foggia.

Il depuratore, del valore di 1,8 milioni di euro e una estensione di circa 15 mila mq, è gestito dalla società «General Costruzioni srl», con sede legale in foggia, il cui legale rappresentante è ora indagato. Si tratta, in particolare, di un impianto depurativo di tipo «bio chimico fisico» che raccoglie scarichi di ogni genere di insediamento produttivo allacciato alla rete fognaria consortile, dall’industria conserviera a quella meccanica ed altre, nonché dal locale mattatoio.

L’Arpa aveva già rilevato in più occasioni il superamento dei limiti tabellari di moltissime sostanze ed una successiva ispezione dell’impianto, fatta anche grazie all’utilizzo di un drone specializzato in rilevazioni ambientali, ha accertato la inattività di una parte degli impianti, «per mancanza di fondi» da parte dell’Asi che non ha pagato la manutenzione. In particolare, risultano in stato di abbandono, da circa due anni, un dissabbiatore, la centrifuga fanghi, il chiarificatore primario e secondario e il digestore, all’interno del quale sono state rinvenute alcune centinaia di metri cubi di fanghi in completo stato di abbandono, lì depositati da diversi mesi. Di fatto il depuratore, fino al momento del sequestro, era in funzione ma non poteva svolgere l'attività di depurazione poichè mancavano dei pezzi fondamentali, essendo inattivi, nel processo di lavorazione dei reflui. Le indagini proseguono per verificare il grado di inquinamento del torrente con riferimento al quale gli investigatori ipotizzano il reato di disastro ambientale che al momento non viene contestato formalmente.

«Il perdurare della immissione nel torrente Cervaro dei reflui inquinati derivanti dal depuratore Asi, - spiegano gli investigatori - ha sicuramente contribuito alla alterazione del fragile equilibrio floro-faunistico degli habitat del parco regionale Bosco Incoronatà compromettendo tutti gli interventi realizzati con il progetto Life Natura tesi all’incremento della biodiversità e al miglioramento degli habitat (foreste e galleria di salix alba e populos alba, percorsi substeppici di graminacee e piante annue, boschi orientali di quercia bianca)».

Il torrente Cervaro, infatti, è il corso d’acqua più importante della Puglia per biodiversità tanto da comprendere nel suo bacino ben due siti di importanza comunitaria, una zona speciale di conservazione, il parco naturale regionale Bosco Incoronata, l’oasi Lago Salso del parco nazionale del Gargano e due importanti bird area. La Regione Puglia lo ha anche menzionato all’interno del piano paesaggistico regionale (pptr) quale «progetto integrato di paesaggio sperimentale» in virtù della sua particolare collocazione geografica di collegamento fra il subappennino dauno ed il tavoliere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie