Giovedì 13 Maggio 2021 | 01:44

NEWS DALLA SEZIONE

I numeri
Vaccini, consegnate 141mila dosi Pfizer in Puglia

Vaccini, consegnate 141mila dosi Pfizer in Puglia: prima in Italia con 96,1% somministrazioni

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, quasi 1,7 mln di dosi somministrate. Isole Tremiti verso il Covid Free

Vaccini in Puglia, quasi 1,7 mln di dosi somministrate. Isole Tremiti verso il Covid Free

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 7.852 nuovi casi e 262 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 7.852 nuovi casi e 262 morti nelle ultime 24 ore

 
Covid
Basilicata, continua a calare il numero di positivi

Basilicata, continua a calare il numero di positivi - LE FOTO

 
Lotta al virus
Vaccini: Puglia al top, da domani prenotazioni per 57enni e 56enni. Più dosi di Pfizer-Moderna a medici famiglia

Vaccini: Puglia al top, da domani prenotazioni per 57enni e 56enni. Più dosi di Pfizer-Moderna a medici famiglia

 
Il bollettino regionale
Coronavirus Puglia, su 10932 tamponi 615 positivi (5,6%), aumentano i morti: 36 in un giorno

Covid, su 10932 tamponi 615 nuovi positivi (5,6%). Aumentano i morti: 36 in un giorno. E da lunedì anche in Puglia prenotazioni per i 40/49enni

 
Il virus
Vaccini in Puglia, dosi a fasce produttive entro giugno: prima tocca ai fragili. Furbetti? Chiarimenti in corso

Vaccini in Puglia, dosi a fasce produttive entro giugno: prima tocca ai fragili. Furbetti? Chiarimenti in corso

 
Lotta al virus
Covid Puglia, scende occupazione posti letto in Intensiva: 29%. Emiliano: «Coprifuoco va tolto per gradi». Vaccini: prima dose per il 30% dei pugliesi

Covid Puglia, scende occupazione posti letto in Intensiva: 29%. Emiliano: «Coprifuoco va tolto per gradi». Vaccini: prima dose per il 30% dei pugliesi

 
La decisione
Basilicata gialla ma 4 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

Basilicata gialla ma 5 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, domani toccherà a 59enni e 58enni: saranno in 1.600

Vaccini in Puglia, domani toccherà a 59enni e 58enni: saranno in 1.600

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAmbiente
Ex Ilva, esposto in Procura sugli attuali livelli di inquinamento

Ex Ilva, esposto in Procura sugli attuali livelli di inquinamento

 
BatL'appuntamento
«The master class», in onda alle 20 su Amica 9 Tv il format in collaborazione con la Gazzetta del mezzogiorno

«The master class», in onda alle 20 su Amica 9 Tv il format in collaborazione con la Gazzetta del mezzogiorno

 
FoggiaIl caso
Arresti al Comune di Foggia: consigliere indagato ancora ricoverato

Arresti al Comune di Foggia: consigliere indagato ancora ricoverato

 
BariL'iniziativa
Grumo, arriva «Sulle ali della libertà», premio in memoria di Alessandro Fariello

Grumo, arriva «Sulle ali della libertà», premio in memoria di Alessandro Fariello

 
BrindisiL'inchiesta
Corruzione, gip concede domiciliari a giudice arrestato

Corruzione, gip concede domiciliari a giudice arrestato

 
Lecceil progetto
San Foca, il mare accessibile ai pazienti fragili

San Foca, il mare accessibile ai pazienti fragili

 
PotenzaCovid
Basilicata, continua a calare il numero di positivi

Basilicata, continua a calare il numero di positivi - LE FOTO

 
PotenzaLa condanna
Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

 

i più letti

L'intervista

Puglia, parla la virologa: «Il virus circola la tregua estiva non è scontata»

La virologa dell'Università di Bari Maria Chironna

«Il virus circola la tregua estiva non è scontata»

Bari - «Il virus è clinicamente morto». L’affermazione di circa un anno fa, smentita clamorosamente dai fatti, ritorna sotto altre spoglie proprio nel momento in cui si sospetta in Puglia la presenza della variante indiana. Maria Chironna non è in prima linea nell’unità operativa di emergenza e urgenza («cari signori giornalisti - ha postato qualche giorno fa Alberto Zangrillo, primario di Anestesia e Rianimazione del San Raffaele di Milano - il Pronto soccorso dell’ospedale è vuoto»), ma conosce le dinamiche epidemiologiche come igienista del Policlinico e coordinatrice della rete regionale dei laboratori che si occupano di testing di Sars-CoV-2 (processano i tamponi) e di sequenziamento (verificano se ci sono nuove varianti).

Professoressa, in risposta al suo collega milanese, ha parlato di déjà vu imperdonabile. Nella situazione attuale, è sufficiente una pressione ridotta sugli ospedali per dire che il virus stia sparendo?
«Credo che questa pandemia ci abbia insegnato, tra le tante cose, che la prudenza è la cifra necessaria per poter affrontare l’emergenza. Perciò, ancora una volta, di fronte ad uno scenario epidemiologico completamente diverso da quello dello scorso anno, con numeri molto diversi, non si può riproporre lo stesso entusiastico messaggio. Il virus è vivo e vegeto e sa come riproporsi sulla scena. Da noi, pur in presenza di una flessione dei contagi, la regione rimane in arancione a causa di una situazione ancora critica. Cosa succederà in futuro dipenderà da molti fattori: stagione estiva alle porte, campagna vaccinale in pieno svolgimento, attività produttive, commerciali ed economiche in ripartenza, circolazione di varianti virali. Questo mix determinerà cosa succederà. Probabilmente ci sarà una circolazione endemica del virus con l’auspicio di poter tirare un sospiro di sollievo in estate. Ma non è scontato. Sappiamo molte cose del Sars-CoV-2, ma, certamente, la circolazione delle varianti potrebbe disegnare un panorama differente. Il virus muta a prescindere, perché è insita nella sua natura questa capacità. Se poi lo si fa circolare più liberamente in presenza di una quota ancora molto rilevante di soggetti suscettibili, soprattutto delle fasce d’età più giovani, le probabilità di ritrovarsi in una situazione critica potrebbero aumentare».

La variante inglese a quanto pare è più aggressiva, e quindi anche più letale. La variante brasiliana, oltre a essere molto contagiosa, sembra riuscire a sfuggire parzialmente alla neutralizzazione degli anticorpi e quindi del vaccino. La variante indiana appare ancor più pericolosa. La sensazione è che sconfiggere il virus sia un’operazione molto lunga e complessa. Ma come e quando sarà possibile contenerlo a tal punto da poter ritornare, se non a una vita normale, a svolgere almeno le attività necessarie?
«La circolazione di più varianti è già una realtà. Starà a noi, ai nostri comportamenti, decidere quanto farle circolare ed eventualmente mettere a rischio la faticosa riapertura, che è la prospettiva delle prossime settimane. Credo che sia nell’interesse di tutti evitare di tornare indietro. E le misure di contenimento le conosciamo. Ci vorrà ancora del tempo per tornare a una piena normalità. Comprendo l’impazienza e l’insofferenza della gente verso le limitazioni di alcune libertà, ma è il prezzo da pagare per salvaguardare la salute collettiva. Dovremo poi vaccinare la gran parte della popolazione e, probabilmente, dovremo rifarlo con vaccini aggiornati a causa delle varianti per poter ridurre il rischio di malattia».

Il Governo ha parlato di irreversibilità delle progressive riaperture, perché il Paese altrimenti non reggerebbe. Tenuto conto che però il virus è una variabile decisiva, è stata sancita la prevalenza dell’economia sulla salute?
«La scelta delle riaperture è stata una scelta tutta politica. I sanitari pensano soprattutto a salvaguardare la salute delle persone e a come evitare contagi, ospedalizzazioni e decessi. L’economia è però fortemente compromessa in questo momento. Perciò è toccato alla politica decidere il momento delle riaperture, cercando di coniugare la crescita economica con la tutela della salute. Sicuramente c’è un prezzo da pagare. L’importante è che non sia troppo salato e freddamente calcolato».

La stagione estiva è alle porte: sarà diversa rispetto alla precedente?
«Sarà una stagione estiva che forse ci farà rifiatare, a patto di non abbassare la guardia. Il virus ha armi spuntate grazie ai vaccini, ma può trovare il modo di sorprenderci. Pertanto, meglio non farsi trovare impreparati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie