Venerdì 23 Aprile 2021 | 09:59

NEWS DALLA SEZIONE

L'emergenza
Puglia, vaccini anti Covid quasi finiti: Fissato tetto alle dosi: 150mila in 6 giorni. Commissario Figliuolo oggi a Bari

Puglia, vaccini anti Covid quasi finiti: Fissato tetto alle dosi: 150mila in 6 giorni. Commissario Figliuolo oggi a Bari

 
Covid
Puglia, il bollettino quotidiano: sono 1.895 i nuovi casi

Puglia, il bollettino quotidiano: sono 1.895 i nuovi casi

 
L'annuncio
Bari, caso Covid fra alunni: chiude scuola per sanificazione

Bari, caso Covid fra alunni: chiude scuola per sanificazione

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 13.844 nuovi casi e 364 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 13.844 nuovi casi e 364 morti nelle ultime 24 ore

 
Il virus
Scuola e Covid in Puglia: oltre 1.100 contagi tra alunni dal 6 al 17 aprile

Scuola e Covid in Puglia: oltre 1.100 contagi tra alunni dal 6 al 17 aprile

 
L'emergenza
Prima visita in Puglia per il generale Figliuolo

Prima visita in Puglia per il generale Figliuolo

 
dati regionali
Covid in Puglia, in calo curva contagi (+1141) e indice positività invariato (828%): altri 25 decessi

Covid in Puglia, in calo curva contagi (+1141) e indice positività invariato (8,8%): altri 25 decessi

 
L'intesa
Emergenza Covid, anche medici odontoiatri vaccineranno: accordo con Regione Puglia

Emergenza Covid, anche medici odontoiatri vaccineranno: accordo con Regione Puglia

 
L'emergenza
Bari, video-colloqui con i pazienti ricoverati nei reparti Covid in Fiera

Bari, video-colloqui con i pazienti ricoverati nei reparti Covid in Fiera

 

Il Biancorosso

Serie C
Turris e Bari a confronto

Turris e Bari a confronto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariSicurezza
Arsenale sequestrato a Picone: il video dell'irruzione

Arsenale sequestrato a Picone: il video dell'irruzione

 
BrindisiIl caso
S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

 
Leccetrasporti
Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

 
MateraLavori pubblici
Matera, cambia volto il teatro Quaroni

Matera, cambia volto il teatro Quaroni

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

 
GdM MultimediaCultura
Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

 
FoggiaTragedia sfiorata
Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

 

i più letti

L'emergenza

Covid Puglia, pazienti «estremamente vulnerabili» senza vaccino: numero verde Regione preso d'assalto

Sindacati: «Anziani penalizzati, basta ritardi»

Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%)

BARI - Decine di pugliesi «estremamente vulnerabili», ancora in attesa della propria dose, stanno chiamando il numero verde regionale per chiedere di essere vaccinati contro il Covid. A segnalarlo è il segretario regionale della Fimmg Puglia, Donato Monopoli, in una comunicazione interna ai medici di famiglia.

I soggetti «vulnerabili» devono essere vaccinati a domicilio proprio dai medici di medicina generale o, in alternativa, nei centri in cui sono in cura.

«Giungono segnalazioni - scrive Monopoli - che molti pazienti cosiddetti «estremamente vulnerabili» si stanno rivolgendo in maniera impropria, intasando il numero verde regionale, chiedendo informazioni. Si ricorda che i pazienti «estremamente vulnerabili» di cui al piano vaccinale nazionale e nelle modalità indicate dalla circolare regionale sono in carico ai medici di medicina generale. Fermo restando che sono in via di definizione le modalità operative della vaccinazione da parte dei medici di medicina generale è opportuno tranquillizzare i pazienti di questa categoria. Sarà il medico di medicina generale, nei modi previsti, a organizzare la vaccinazione ai pazienti estremamente vulnerabili».

VACCINI, SINDACATI: «ANZIANI PENALIZZATI. BASTA RITARDI» - «In Puglia, gli anziani, contrariamente a quanto previsto dal piano vaccinale, continuano ad essere penalizzati. I dati pubblicati a livello nazionale vedono la Puglia in fondo alla classifica delle regioni che rispettano la priorità per gli anziani. L’impegno era di completare la vaccinazione per gli ultra 80enni entro marzo. Ad oggi la percentuale di coloro che hanno ottenuto la seconda dose si aggira purtroppo ancora intorno al 25%». Lo denunciano in una nota i segretari regionali Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil della Puglia. "Drammatica - aggiungono - è poi la situazione relativa a coloro che hanno richiesto la prestazione domiciliare, alle prese con un patetico rimpallo di responsabilità tra Asl e medici di base. Occorre una direttiva chiara e precisa».

«Allo stesso modo - proseguono in sindacalisti - siamo preoccupati per l’inizio della campagna per la fascia di età 60/79. Si tratta di 880 mila persone circa. Perché è stato previsto l’inizio solo dal 12 aprile? Non si sarebbe potuto anticipare? Ogni giorno in Puglia non si va oltre le 12 mila somministrazioni. Di queste solo il 60% è riservato agli anziani. E’ insostenibile e inaccettabile assistere ogni giorno ad un numero altissimo di figure non previste dal piano vaccinale ricevere il vaccino. Si tratta di un dato di 1500 al giorno. Tutti finiscono per acquisire priorità rispetto agli anziani. Occorre che si metta fine».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie