Martedì 26 Gennaio 2021 | 13:03

NEWS DALLA SEZIONE

I dati
Coronavirus in Puglia, Agenas: «Occupato il 37% dei posti in terapia intensiva»

Covid 19 in Puglia, Agenas: «Occupato il 37% dei posti in terapia intensiva»

 
L'emergenza
Coronavirus, mancano bagni e studi medici: ritarda l’ospedale in Fiera a Bari

Coronavirus, mancano bagni e studi medici: ritarda l’ospedale in Fiera a Bari

 
prevenzione
Foggia, emergenza Covid: oltre 3mila operatori sanitari vaccinati, 176 hanno ricevuto «richiamo»

Foggia, emergenza Covid: oltre 3mila operatori sanitari vaccinati, 176 hanno ricevuto «richiamo»

 
Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
L'emergenza
Puglia, vaccini anti Covid: utilizzato 80% dosi a disposizione. Attese domani 27mila fiale Pfizer, poi quelle Moderna

Puglia, vaccini Covid: utilizzato 80% dosi disponibili. Attese domani 27mila fiale Pfizer, poi quelle Moderna

 
Emergenza contagi
Carpino, focolaio Covid in centro psichiatrico con 6 positivi: 4 operatori e due pazienti

Carpino, focolaio Covid in centro psichiatrico con 6 positivi: 4 operatori e due pazienti

 
Emergenza contagi
Foggia, focolaio Covid in casa di risposo con 18 positivi: 14 pazienti e 4 operatori

Foggia, focolaio Covid in casa di riposo con 18 positivi: 14 pazienti e 4 operatori

 
dati regionali
Covid in Puglia, meno di mille nuovi casi (954) ma in calo i test effettuati (11%): registrati altri 14 decessi

Covid in Puglia, altri 14 decessi e 954 nuovi casi ma con meno test effettuati (11%): 3mila morti dall'indizio pandemia. Due focolai nel Foggiano: 24 positivi

 
contagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
la denuncia
Covid, test rapidi in farmacia: «In Puglia ancora zero»

Covid, test rapidi in farmacia: «In Puglia ancora zero»

 
Lotta al virus
Vaccino anti Covid 19, verso la fase 2. Lopalco: «Docenti in fascia prioritaria»

Vaccino anti Covid 19, verso la fase 2. Lopalco: «Docenti in fascia prioritaria»

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariRegione
La crisi congela l’assessorato ai 5S in Puglia

La crisi congela l’assessorato ai 5S in Puglia

 
FoggiaIl furto
Foggia, baby ladri nella scuola Catalano-Moscati: carabinieri arrestano un minorenne

Foggia, baby ladri nella scuola Catalano-Moscati: carabinieri arrestano un minorenne

 
PotenzaIl caso
Petrolio in Basilicata, timori per la fiammata: la seconda in 10 giorni

Petrolio in Basilicata, timori per la fiammata: la seconda in 10 giorni

 
BrindisiAgroalimentare
Carciofo brindisino, allarme Coldiretti: «Prezzi in crollo verticale»

Carciofo brindisino, allarme Coldiretti: «Prezzi in crollo verticale»

 
TarantoLa bomba
Esplosione distrugge bar a Taranto, indaga la polizia

Esplosione distrugge bar a Taranto, indaga la polizia

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

la denuncia

Altamura, guarito dal Covid vuole donare il plasma: «La burocrazia mi impedisce»

Gli manca il referto ufficiale della Asl. La singolare esperienza del consigliere comunale Difonzo, negativizzatosi dopo la malattia

Prelievo del plasma a ex malati di Coronavirus Covid-19

Prelievo del plasma a ex malati di Coronavirus Covid-19

ALTAMURA - «Sono guarito dal Covid-19 e voglio donare il plasma ma mi manca un certificato. Non sono riuscito a farlo a Bari e Altamura e mi sono rivolto a Matera. Ci sono persone che hanno bisogno di cure, occorre agire presto». Parole del consigliere comunale di Altamura, Raffaele Difonzo, che racconta la sua esperienza.

Sono giorni in cui si rincorrono gli appelli disperati di persone con familiari ricoverati in gravi condizioni in ospedale, intubati o in coma, nella speranza che la salvezza possa arrivare dalla trasfusione di plasma iperimmune.

Tanti guariti non sono indifferenti e vogliono fare la propria parte ma ci sono casi in cui i protocolli non lo prevedono. Nel caso di Difonzo, l’ostacolo è la mancanza di un referto ufficiale della Asl di tampone positivo. Nel suo caso la positività era stata accertata con tampone antigenico fatto in un laboratorio privato.

«Ho chiamato il Policlinico di Bari due settimane fa - racconta -. Il decorso del Covid su di me si è svolto con sintomi importanti, condizione essenziale per poter cominciare l’iter di donatore di plasma iperimmune. Al numero preposto nessuna attesa, evidentemente il numero non viene preso d’assalto come quello per fare i tamponi. Dall’altro capo del telefono mi è stato detto se, oltre a un recente tampone Asl negativo, avessi il tampone precedente Asl “positivo“, altrimenti non avrei potuto donare. Così prevede il protocollo - racconta Difonzo -. Quello di laboratorio non andava bene».
«Ma se io ho gli anticorpi e magari posso salvare vite umane - dice ancora - perché mi viene chiesto un tampone di positività che a mio modesto parere in questo momento non serve a niente? Ho chiamato al “Perinei” di Altamura, però il servizio non era stato ancora attivato. Come possibile donatore ho dovuto chiamare l’Ospedale di Matera. Dovrei fare a breve un prelievo di sangue e, se idoneo, donerò il plasma».

Quindi, pur con tutta la buona volontà, finora non è stato possibile essere di aiuto, perlomeno per essere individuato come candidato donatore. La procedura, infatti, prevede un primo prelievo per una valutazione del «titolo anticorpale» (per l’Ospedale di Matera se ne occupa l’Istituto Spallanzani di Roma, per gli ospedali pugliesi l’Istituto zooprofilattico di Foggia) se sia efficace per neutralizzare il virus. Pure la donazione prevede più tempo ma c’è tutta l’intenzione di farlo.

«I medici e gli infermieri non sono nelle condizioni di essere efficienti - sottolinea Difonzo -. Se le strutture del sistema sanitario comunicassero tra loro, non ci sarebbe bisogno di dover presentare i referti. Bisogna stendere un tappeto rosso ai possibili donatori, attivare corsie preferenziali, per raccogliere il plasma. Qui si tratta di vite umane. Ostacolare significa negare le possibili cure, con la diretta conseguenza di condannare a morte chi è in condizioni critiche per il Covid. Pagherà qualcuno per tutto questo? Si può parlare di responsabilità penali», si domanda il consigliere comunale di Altamura. Sperando che la burocrazia non ostacoli ulteriormente la sua iniziativa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie