Martedì 26 Maggio 2020 | 09:34

NEWS DALLA SEZIONE

Festa
VIDEO EMMA MARRONE

Buon compleanno Emma Marrone: e si canta da sola il «Tanti auguri»

 
LA CARRIERA
Clint, il duro 90 anni a tutta grinta

Clint Eastwood il duro, 90 anni a tutta grinta

 
Musica
Noci, «Antonio Tinelli soloist with clarinet ensemble»

Noci, il maestro Tinelli dirige concerto online per clarinetti

 
Cultura
Palazzo Ducale

Martina Franca, il Festival della Valle d'Itria si farà, nel segno di Strauss

 
La festa
Oggi è la Giornata mondiale della biodiversità, Legambiente: 10 regole per salvare la natura

Oggi è la Giornata mondiale della biodiversità, Legambiente: 10 regole per salvare la natura

 
Ostaggi Selvaggi
Lino Banfi

Ripartenza Banfi come marchio alimentare

 
Curiosità
Spiedone sfida i mariuoli e il contagio: il commissario imbranato spopola in tv

«Spiedone» sfida i mariuoli e il contagio: il commissario imbranato spopola in tv

 
Musica
Il meglio del black firmato MariTé K

Il meglio del black firmato MariTé K

 
Televisone
Da Argentero a Gassmann. Silenzio sui set

Da Argentero a Gassmann, silenzio sui set: ferme le nuove stagioni

 
La scomparsa
Musica in lutto: è morto il maestro Ezio Bosso. Aveva 48 anni

Musica in lutto: è morto il maestro Ezio Bosso. Aveva 48 anni. Il cordoglio della Puglia VD

 
La vittoria
Cinema, «Esecizi virali» girato tra Bari e Barletta vince il festival Corti

Cinema, «Esecizi virali» girato tra Bari e Barletta vince il festival Corti

 

Il Biancorosso

SERIE C

Il Bari vuole e prepara lo sprint. L’eventuale stop fa meno paura

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'idea
Bari, «Una barba a metà simbolo di una vita a metà», la protesta artistica contro il Covid

Bari, «Una barba a metà simbolo di una vita a metà», la protesta artistica contro il Covid

 
BatAmbiente
La discarica di Trani verso la bonifica

La discarica di Trani verso la bonifica: ora inquina di meno

 
Foggianel foggiano
San Severo, blitz dei cc: arresti per usura ai danni di un imprenditore, perquisizioni per armi e droga

Blitz cc a San Severo: usura, armi e droga, arresti e perquisizioni

 
PotenzaL'ordinanza
Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da oggi palestre e piscine

 
TarantoLa provocazione
Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

 
BrindisiSanità
Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

 
LecceIl rilancio del turismo
OTRANTO

La bellezza di Otranto d'estate in totale sicurezza: lo spot con Lele Spedicato

 

i più letti

musica

Buon compleanno Mina: gli 80 anni della tigre di Cremona

Grande ricorrenza per una voce inconfondibile, lontana dalle scene ormai da anni

Buon compleanno Mina: gli 80 anni della tigre di Cremona

Se c’è una voce, uno stile, un fascino che è giunto fino ad oggi senza smentire la sua contagiosità, lo si può tutto sintetizzare senz’altro con un nome, brevissimo ed esplosivo: Mina. Oggi compie ottant’anni e questo ci stupisce facendoci sospettare che i calendari abbiano sbagliato persona. Invece è proprio lei, la «tigre di Cremona», che Natalia Aspesi seppe felinamente individuare già all’inizio della sua carriera e di cui Oriana Fallaci in un articolo del ’61 sull’Europeo scrisse: «Ma chi è dunque questa ragazza che in nemmeno due anni è diventata una specie di mito degli italiani giovani e vecchi, poveri e ricchi, babbei e intelligenti, comunisti e cattolici […] e se dite di non averla mai vista cantare vi trattano alla stregua di un ignorante, di un traditore della patria o di un cretino?».

Da quando aveva diciott’anni Mina non si è più fermata, da quando sbucò dal retro di un mastodontico juke-box piazzato ne Il Musichiere del compianto Mario Riva cantando Nessuno e vagando col suo pericoloso carico di munizioni musicali per l’Italia e il mondo. Basta avere un po’ di Teche Rai a disposizione per dare slancio alla memoria e ripassare i momenti culminanti che sono rimasti nella cultura ormai latamente piccolo-borghese degli italiani televisivi sempre più propensi a gradire l’aspetto anticonvenzionale e insieme rassicurante di Mina, la sua singolare mimica e gli occhi bistrati di profondità psichedeliche, la sua potenza vocale unita alla capacità di farsi sentire una di noi. C’è ancora molto al di là di quel 1978 in cui si esibì per l’ultima volta alla Bussola di Viareggio e registrò il video di Ancora ancora ancora, riuscendo a scandalizzare i benpensanti.

Ora esce un libro da Rizzoli che la magnifica in centinaia di foto con gli interventi di molti nomi noti (tra cui Fiorello, Ivano Fossati e Natalia Aspesi), interviste ormai introvabili con appendici storico-discografiche curate dal «Mina Fan Club». S’intitola semplicemente Mina ripetuto quattro volte su tutta la superficie della copertina dominata dal suo volto. L’Università di Torino le aveva preparato un convegno e una rassegna, ma l’emergenza sanitaria ha rinviato gli appuntamenti. Questo non fermerà certo il flusso dei ricordi dei suoi successi: È l’uomo per me, Città vuota, Un anno d’amore, Se telefonando, Sono come tu mi vuoi, Vorrei che fosse amore, E se domani, Non credere. Se fosse già per queste e per le altre 1500 canzoni che ha inciso vendendo 150 milioni di dischi, già potremmo accontentarci di chiamarla il numero uno.

Ma Mina è stata sorprendente anche come conduttrice di famosi show del sabato sera, da Studio Uno (iniziato nel 1961) a Teatro 10 del 1972 a Milleluci che segna nel 1974 il suo ultimo impegno televisivo. È diventata così regina dello spettacolo popolare italiano ospitando soprattutto al Teatro delle Vittorie di Roma i più famosi attori (Totò, Marcello Mastroianni, Alberto Sordi, Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Ugo Tognazzi, Giorgio Albertazzi, Enrico Maria Salerno) e duettando con altre star. Soprattutto con Lucio Battisti stabilì un feeling ineguagliabile, interpretandone pezzi come Insieme, Io e te da soli, Amor mio, La mente torna. Memorabile è rimasta la puntata del 23 aprile 1972 di Teatro 10, quando Mina e Lucio cantarono insieme famosi successi, sostenuti da una band rigorosamente in diretta. Mina è stata femminista ante litteram, quando si trattò di rivendicare il diritto di unirsi con la persona amata. Le fece nel ’62 con Corrado Pani, già sposato, da cui ebbe il figlio Massimiliano. Per questo comportamento fu sospesa dai programmi della Rai, che poté riprendere solo qualche tempo dopo.
La sua vita sentimentale, malgrado una carriera da primatista, fu abbastanza tormentata.

Dopo Pani si unì al musicista Augusto Martelli e poi al giornalista Virgilio Crocco, morto tragicamente nel 1973. Dopo un’altra breve parentesi sentimentale, finalmente ha trovato il suo porto tranquillo col cardiochirurgo Eugenio Quaini, ormai inseparabile compagno da più di quarant’anni, di cui ha assunto il cognome risiedendo in Svizzera. Carattere indipendente, Mina è stata sempre un po’ più avanti del suo tempo, anche quando ha preso la penna e ha scritto su «La Stampa» e «Vanity Fair», o ha prospettato un futuro che altri non vedevano (non a caso è stata la prima, nel campo dei costumi, a sventolare la sua minigonna). È da sempre cara amica e sodale di Adriano Celentano. Insieme hanno inciso album (Mina Celentano - dove c’è un molto foggiano Che t'aggia di' -, Le migliori, Tutte le migliori), insieme passeggiano per le strade di Lugano senza essere sommersi dai paparazzi, non è detto che non ritorneranno in studio per altre imprese.

Sono ormai più di quarant’anni che Mina si è ritirata dalle scene, restando per tutti l’unico corrispettivo italiano di The Voice. Proprio Frank Sinatra l’avrebbe voluta negli show americani, ma Mina ha preferito restare in un giro meno frenetico. La sua immagine è diventata un’icona . E la storia del suo itinerario è la storia stessa di un’Italia che non ha mai davvero mollato con lo slancio del primo grande boom economico iniziato sei decenni fa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie