Domenica 17 Novembre 2019 | 23:01

NEWS DALLA SEZIONE

serie a
Lecce, Mancosu pronto per il «suo» Cagliari

Lecce, capitan Mancosu pronto per il «suo» Cagliari

 
Serie A
Lecce calcio, Liverani: «Con Lazio creato tanto, peccato per gli errori»

Lecce calcio, Liverani: «Con Lazio creato tanto, peccato per gli errori»

 
serie a
Lecce, niente ricorso per gol annullato a Lapadula contro la Lazio

Lecce, niente ricorso per gol annullato a Lapadula contro la Lazio

 
Serie A
Lecce finisce ko all'Olimpico, battuto dalla Lazio 4-2

Lecce finisce ko all'Olimpico, battuto 4-2 da Lazio. «Errore clamoroso su Lapadula» Foto

 
nel corso del match
Lanciò fumogeno verso il campo durante Lecce-Sassuolo: denunciato ultras giallorosso

Lanciò fumogeno verso il campo durante Lecce-Sassuolo: denunciato ultras giallorosso

 
serie a
Lecce, Petriccione: «Contro la Lazio compito difficile»

Lecce, Petriccione: «Contro la Lazio compito difficile»

 
Il caso
Razzismo contro Balotelli, la solidarietà del Lecce in un tweet

Razzismo contro Balotelli, la solidarietà del Lecce in un tweet

 
Serie A
Lecce-Sassuolo 2-2, Berardi firma il pari al Via del Mare

Lecce-Sassuolo 2-2, Berardi firma il pari al Via del Mare

 
serie a
Liverani: «Il Sassuolo mi preoccupa, serve fisicità»

Liverani: «Il Sassuolo mi preoccupa, serve fisicità»

 
Domenica
Lecce, per gara con Sassuolo ancora fermi Majer, Benzar e Farias

Lecce, per gara con Sassuolo ancora fermi Majer, Benzar e Farias

 

Il Biancorosso

serie c
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Bari batte Paganese 1-0. Decide la rete di Antenucci. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica

Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica
Voci su blocco uscita dei camion

 
Leccemusica
«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

 
Barila storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
Materail personaggio
Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

 
Foggiadai carabinieri
Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

 
Brindisiin via Longobardo
Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

 
Batnel nordbarese
Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

 
Potenzail personaggio
Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

 

i più letti

le dichiarazioni

Mancosu guarda lontano: «Lecce, ci salveremo»

Il capitano assicura che la squadra è carica per la trasferta di domenica prossima a San Siro, contro il Milan

Mancosu guarda lontano: «Lecce, ci salveremo»

«I miei quattro gol nella classifica dei marcatori? In realtà è una situazione che sto vivendo male, perché avrei preferito che fossero serviti per avere qualche punto in più…». Una frase che ben rappresenta Marco Mancosu, che del Lecce è capitano e leader sul campo. Il trequartista sardo mette in cima ai propri obiettivi il bene della squadra, a discapito delle gioie personali che in questo inizio di campionato non gli sono certo mancate. Così come non sono mancati, del resto, gli spunti positivi della squadra giallorossa, che con sei punti in classifica è in piena bagarre nella lotta alla salvezza.

«Stiamo affrontando la serie A più difficile ed equilibrata degli ultimi anni - analizza Mancosu - ma credo che i risultati siano in linea con le aspettative. Ciò che conta è che il Lecce arrivi a fine campionato con tre squadre alle sue spalle, del resto non mi importa nulla».

Il centrocampista classe ‘88 è in netta crescita dopo un inizio di campionato a rilento, a causa di un infortunio che gli ha impedito di prendere parte al ritiro in estate. «In carriera non avevo mai saltato la preparazione estiva - spiega - quest’anno è accaduto per la prima volta ed è stata una brutta sensazione, soprattutto perché in campo sentivo il corpo che non assecondava le mie richieste. Non sono ancora al 100% ma mi sento sempre meglio, col tempo raggiungerò la forma migliore».

Dopo la batosta sul campo dell’Atalanta, per il Lecce si prospettano due impegni dall’elevato coefficiente di difficoltà. La squadra di Liverani sarà impegnata dapprima a San Siro contro il nuovo Milan di Pioli e la settimana seguente al Via del Mare, contro la Juventus. Mancosu focalizza l’attenzione sulla sfida con i rossoneri: «Il Milan durante la sosta ha avuto il tempo per assimilare le idee di Pioli, anche se personalmente mi dispiace per Giampaolo, perché è stato l’allenatore che mi ha fatto esordire in serie A e mi sarebbe piaciuto rincontrarlo. Il cambio in panchina può essere una scintilla dal punto di vista motivazionale, noi dobbiamo essere bravi a spegnerla sul nascere».

«Siamo molto carichi per questa partita - prosegue Mancosu - sarà fondamentale mettere in campo una prestazione importante, perché al di là del risultato è la prestazione a darti fiducia e consapevolezza nei tuoi mezzi».

Quel che è certo è che i giallorossi scenderanno in campo nel posticipo di domenica con il loro piglio spiccatamente offensivo e con la voglia di esprimere la propria idea di gioco in uno degli stadi più affascinanti e al mondo. A tal riguardo, Mancosu non ha dubbi: «La nostra idea è sempre quella di scendere in campo per imporre il nostro calcio, anche contro le avversarie più quotate. Talvolta ci viene rimproverato che in alcune situazioni sarebbe più opportuno giocare un calcio più difensivo, ma questa visione non mi trova d’accordo. La bravura sta nel saper leggere i momenti della partita e riuscire a portarli a nostro favore, questo è un aspetto sul quale anche mister Liverani insiste molto. Noi dobbiamo restare equilibrati e lavorare duramente: col tempo i risultati ci daranno ragione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie