Lunedì 20 Maggio 2019 | 22:45

NEWS DALLA SEZIONE

Le dichiarazioni
Lecce in serie A, presidente Sticchi Damiani: «Promozione inaspettata»

Lecce in serie A, Sticchi Damiani: «Promozione inaspettata»

 
I giallorossi festeggiano
Lecce da sogno, ritorna in serie ALa città in delirio: ora si festeggiaDall'inferno al paradiso: il miracolo in 60"

Lecce da sogno, ritorna in serie A, la città in delirio Dall'inferno al paradiso: il miracolo

 
Lecce-Spezia
Liverani: «Tutto pronto per domani, ultimo tassello per la A». Via del Mare sold out

Liverani: «Tutto pronto per domani, ultimo tassello per la A». Via del Mare sold out

 
La promessa
Lucioni: «Lecce, se saliamo in A torno a Benevento in bici»

Lucioni: «Lecce, se saliamo in A torno a Benevento in bici»

 
sconfitta padova
Lecce, Liverani: eravamo stanchi, ma la festa è soltanto rimandata

Lecce, Liverani: eravamo stanchi, ma la festa è soltanto rimandata

 
Serie B pugliese
Lecce, spreca anticipo promozione in A: battuto dal Padova 2-1

Lecce spreca anticipo promozione in A: battuto dal Padova 2-1 Foto
Foggia vince ma deve lottare per playout

 
Calcio
Lecce col batticuore, a un passo dal sogno della A

Palermo pareggia 2-2, Lecce brucia anticipo della promozione in A
Padova-Lecce 2-1 (definitivo)

 
Serie B
Il Lecce vince al Via del Mare contro il Brescia: la A è sempre più vicina

Il Lecce vince al Via del Mare contro il Brescia: la A è sempre più vicina

 
Serie B
Lecce calcio, mister Liverani resta fino al 2022: confermato contratto

Lecce calcio, mister Liverani resta fino al 2022: confermato contratto

 
Il caso
Lecce-Brescia, commento su web scatena la polemica: l'amministratore del forum prende le distanze

Lecce-Brescia, commento su web scatena la polemica: l'amministratore del forum prende le distanze

 
Serie B
Calcio, i giallorossi ancora in corsa: Lecce batte Perugia 2-1

Calcio, i giallorossi ancora in corsa: Lecce batte Perugia 2-1

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

 
BariL'evento
Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

 
BrindisiL'appello di Adelina
Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
BatSanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 
LecceIl sopralluogo
Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato»

Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato» FT
Ulivi infetti anche nel Tarantino

 
MateraAi domiciliari
Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

 

i più letti

Serie B

Monaco tiene in quota il Lecce: «A Venezia colto punto pesante»

L'ex centrocampista: «La squadra salentina ha dimostrato di non essere una meteora»

lecce calcio

LECCE - «In questa fase della stagione, il pareggio ottenuto dal Lecce a Venezia è un risultato positivo». La pensa così Walter Monaco che, cresciuto nel vivaio del club giallorosso, ha indossato la maglia della formazione maggiore dal 1986 al 1991, per poi vestire la casacca della compagine lagunare nel 1993/1994 e fare quindi ritorno al club salentino, nel quale ha militato nuovamente dal 1994/1995 al 1995/1996.

«L’undici allenato da Liverani era reduce dalla serata-choc vissuta in occasione della partita interna con l’Ascoli, nella quale si è registrato il brutto incidente occorso a Scavone, che per fortuna si è risolto con un enorme spavento e nulla più, in quanto il calciatore si è rimesso - nota l’ex centrocampista - La formazione lagunare veniva dalla batosta di Benevento e voleva rifarsi, mentre il team salentino puntava a riprendere il cammino che lo ha proiettato stabilmente tra le migliori compagini della B. Era prevedibile che il match sarebbe stato combattuto com’è accaduto. Per come sono andate le cose in campo, Mancosu e compagni avrebbero potuto vincere, ma anche perdere, se Vigorito non avesse compiuto un paio di interventi super. Il punto raggranellato è quindi da considerare in termini positivi».
Monaco è convinto che il club presieduto da Saverio Sticchi Damiani sarà protagonista sino in fondo. «A torneo oramai inoltrato, nessuno può pensare che il Lecce sia una meteora - sottolinea l’ex giallorosso - Liverani sta facendo un eccellente lavoro ed il suo complesso è destinato a giocarsi la promozione diretta con altre 4-5 compagini. Nella peggiore delle ipotesi, proverà a conquistarla attraverso i playoff».
Dovendo sostituire Scavone, il tecnico capitolino ha puntato su Thom Haye. «Personalmente ipotizzavo l’utilizzo di Tabanelli - rimarca Monaco - Ma le mie valutazioni, come quelle di tutti gli addetti ai lavori, sono fatte dall’esterno. Liverani ha il polso della situazione ed opera le sue scelte valutando i propri calciatori per quanto mettono in mostra in allenamento, tutti i giorni. Del resto, l’olandese si è disimpegnato abbastanza bene, come ha fatto Tabanelli quando è stato gettato nella mischia nella ripresa».

L’ex centrocampista ripercorre l’esperienza vissuta sull’asse Lecce-Venezia. «Nel 1992/1993, il club salentino, proprietario del mio cartellino, mi prestò al Giarre, squadra nella quale feci molto bene sotto la guida di Giampiero Ventura, che in estate passò alla società lagunare e mi volle con sé, in B - racconta Monaco - Il sodalizio giallorosso mi cedette in comproprietà. Grande annata. In Coppa Italia approdammo ai quarti, eliminando la Juventus di Maifredi, Baggio e Schillaci, e la Fiorentina di Ranieri, Batistuta ed Effemberg, mentre nel torneo cadetto ci piazzammo alle spalle degli squadroni che andavano per la maggiore».
Terminata la stagione, il Lecce decise di fare tornare Monaco nel Salento. «Il direttore sportivo Cataldo mi volle nuovamente in maglia giallorossa e risolse la comproprietà in proprio favore - rammenta l’ex centrocampista - Incappammo in una annata disastrosa, retrocedemmo in C».
Buone notizie, intanto, per il Lecce e soprattutto per Manuel Savone. Il centrocampista, dopo il grande spavento per quanto accaduto lo scorso 1 febbraio all’inizio della gara con l’Ascoli, l’altro pomeriggio «accompagnato dal medico sociale Giuseppe Congedo, ha effettuato un consulto medico a Milano dal professor Castagna. Confermata la diagnosi di una lussazione acromion-claveare della spalla destra. Il consulto medico ha evidenziato la non necessità di intervento chirurgico. Il giocatore, assieme allo staff sanitario della società, ha deciso di non sottoporsi all’operazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400