Martedì 04 Agosto 2020 | 21:36

Il Biancorosso

SERIE C

Bari, una panchina per 4: Vivarini in pole position

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa decisione
Roghi nelle campagne di Mola, Colonna: «Droni per scovare i piromani»

Roghi nelle campagne di Mola, Colonna: «Droni per scovare i piromani»

 
PotenzaIn Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
TarantoLa richiesta
Arcelor Mittal, i sindacati: «Magazzini chiusi, difficile reperire Dpi»

Arcelor Mittal, i sindacati: «Magazzini chiusi, difficile reperire Dpi». Aziende lamentano ritardi nei pagamenti

 
MateraLa novità
Rete 5G: a Matera nascerà la Casa delle Tecnologie

Rete 5G: a Matera nascerà la Casa delle Tecnologie

 
LecceIL MISTERO
Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

 
Batl'operazione
Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

 
BrindisiVANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 

i più letti

Serie B

Foggia, comincia la rincorsa l’«Everest» è il -8

Oggi il debutto in B, in casa, allo «Zaccheria» di scena contro il Carpi. Grassadonia: «Bisogna partire forte»

Gianluca Grassadonia

Gianluca Grassadonia

FOGGIA - L’Everest del Foggia è il -8 in classifica. Il campionato dei rossoneri parte con l’handicap: una montagna da scalare in fretta, per recuperare il gap dalle altre squadre. Il processo sportivo è alle battute finali (si attende il terzo grado di giudizio), nel frattempo la parola passa al campo. La formazione allenata da Gianluca Grassadonia non può indugiare: serve una partenza sprint, per cancellare prima possibile il segno meno e cominciare a prendere quota. Obiettivo, innanzitutto, mantenere la categoria: blindare la permanenza. Dopodiché, si proverà a guardare più in alto.

Oggi il debutto in B, in casa. Allo «Zaccheria» di scena il Carpi. Calcio d’inizio alle 21. «Sono sereno, più che emozionato - ha dichiarato ieri pomeriggio Grassadonia nella conferenza di presentazione della partita -. Dobbiamo cercare di partire forte, di fare subito punti. In settimana abbiamo lavorato bene, con intensità. Adesso il responso spetta al campo. Iniziamo il campionato con 8 punti di penalizzazione e con la rosa non al completo, per via di squalifiche ed infortuni. Ma non sono a caccia di alibi. Ho a disposizione una rosa ampia e importante, alleno una squadra forte. Dobbiamo essere subito determinati e cattivi agonisticamente, cercare di trovare gli equilibri giusti in campo, per provare ad ottenere il massimo».

Primo avversario il Carpi, che quanto alla guida tecnica si è affidato al duo Bortolas-Chezzi. «Una squadra verso cui nutriamo grande rispetto - ha affermato il tecnico del Foggia -. Il club emiliano si è rinnovato, sul mercato, migliorando la rosa e al tempo stesso ha conservato il nucleo dei suoi giocatori storici. Una formazione che dispone di ottimi calciatori in tutti i reparti, ha acquistato attaccanti del calibro di Arrighini e Mokulu. Un avversario che ci affronterà compatto, proverà a metterci in difficoltà nell’uno contro uno, in velocità, nelle ripartenze. Una partita, dunque, da interpretare con calma, pazienza, raziocinio: senza andare all’arrembaggio, ma cercando le soluzioni migliori per fare in modo che il match possa svilupparsi in modo a noi favorevole».

Raffica di defezioni in casa rossonera, fra squalifiche e infortuni. Bersagliati centrocampo e attacco. Panchina corta. Grassadonia non ha invocato attenuanti: «Parlando degli assenti farei un torto a chi gioca. L’organico che ho a disposizione mi consente di affrontare al meglio anche questa partita. Dobbiamo dare tutti qualcosa in più, sul piano dell’apprendimento, della velocità nel fare progressi sul piano atletico e tecnico-tattico. Sono fiducioso: mi hanno affidato una squadra forte, faremo un buon campionato».

Sfida preparata a porte chiuse per l’intera settimana, il trainer rossonero non si è sbilanciato su modulo e formazione: «Mi porto dietro un paio di dubbi, che scioglierò poco prima del match».

In città c’è attesa ed entusiasmo: stasera lo «Zaccheria» offrirà, come di consueto, un bel colpo d’occhio: «Ora è il momento di stare tutti uniti e compatti - ha concluso Grassadonia - e farci trascinare dalla grande spinta della nostra tifoseria, che mi ha impressionato per il calore e l’affetto con cui ci ha accolto allo stadio, qualche giorno, fa in occasione della presentazione della squadra».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie