Mercoledì 26 Giugno 2019 | 20:24

NEWS DALLA SEZIONE

#winemed
TIPICITA' - Pane e vino dalle Tavole di San Giuseppe a San Marzano

Vino? Le destinazioni turistiche

 
Altissima qualità
CALICI - Una degustazione  nel castello aragonese di Taranto

Vino a Orsara, Taranto e Lecce

 
Orgoglio pugliese in tutta Italia e nel mondo
I PILASTRI - La famiglia Maci e la direttrice Assunta De Cillis

I primi 30 anni di Cantine Due Palme

 
Ciak si gira
Lidia Bastianich e chef Pietro Zito

Lidia Bastianich torna in Puglia

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, ergastolano tenta di uccidere compagno di cella: è in coma

Lecce, ergastolano tenta di uccidere compagno di cella: è in coma

 
BariA Japigia
Bari, morti da roghi ex discarica: famiglie si oppongono ad archiviazione

Bari, morti da roghi ex discarica: famiglie si oppongono ad archiviazione

 
FoggiaLa tragedia
Foggia, muore infilzato nel cancello della Sapienza: in centinaia ai funerali

Foggia, muore infilzato nel cancello della Sapienza: in centinaia ai funerali

 
Potenza Graduation day Unibas
Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, la minaccia di Mittal: «Senza immunità, a settembre si chiude»E intanto parte il Cig per 1400 operai

Taranto, la minaccia di Mittal: «Senza immunità, a settembre si chiude».
Al via Cig per 1400. L'ira del Mise

 
GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 
MateraGiustizia
Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

 
BatIl caso
Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

 

i più letti

Buongusto

È festa, c’è frutta secca a tavola

Da San Paolo Civitate le indicazioni su come poter scegliere al meglio

LEGUMI - Le tipiche fave pugliesi durante  la lavorazione

LEGUMI - Le tipiche fave pugliesi durante la lavorazione

di ANTONELLA MILLARTE

BUONGUSTO - E’ il piatto ricco delle feste, che unisce tutti, grandi e piccini: l’amata frutta secca. E allora abbiamo chiesto come orientarci a chi, da tre generazioni, se ne occupa.

Quasi mezzo secolo fa sono stati Michele e suo fratello Mario a San Paolo Civitate, nel foggiano, ad avviare la Di Nunzio srl.

Oggi i loro figli Alessandro e Matteo portano avanti un’azienda che - negli ultimi quattro anni - ha raddoppiato la capacità di normale stoccaggio e quella refrigerata che è di ben 1500 mq, impiega 20 dipendenti fissi ed una decina di stagionali.

Se pensate che la torrefazione sia solo per il caffè, qui a San Paolo Civitate scoprirete come dopo aver scelto il miglior prodotto, la frutta secca venga poi torrefatta ovvero, tostata e salata, confezionata e messa in vendita.

Passando alla frutta secca essiccata ha un gran valore la scelta del dattero di Medjoul (fra i migliori al mondo) dalla Palestina, di cui siamo esclusivisti”.

In questo mondo di bontà, che va dall’Egitto fino al Cile e passa per l’Asia, brillano le produzioni di eccellenza pugliesi.

Commercio significa anche aiutare la crescita della comunità di contadini che produce e, allora - dice Alessandro con orgoglio “Abbiamo messo insieme 50 aziende agricole con un totale di 1500 ettari dell’alto Tavoliere. Attraverso il contratto di filiera garantiamo – dice Alessandro Di Nunzio – legumi pugliesi come fave in guscio, o quelle sgusciate di cui, insieme alle cicerchie, siamo fra i primi produttori in Italia, e poi lenticchie e fagioli borlotti, lupini, cece e cece nero. Dal nostro mulino a pietra, da questi legumi facciamo le farine, garantite senza glutine”.

Ed è in arrivo, dalla Di Nunzio srl, il marchio Legumi di Puglia.

Quindi, come scegliere il meglio per la nostra tavola delle feste? “E’ fondamentale che la frutta secca si possa vedere nella confezione, in modo che il consumatore possa apprezzarne lucentezza e calibro.

Il resto, suggerisce Alessandro Di Nunzio è nell’etichetta che ci aiuta anche a scegliere i prodotti senza olio di palma che, oramai, sono tantissimi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie