Giovedì 21 Marzo 2019 | 00:08

NEWS DALLA SEZIONE

Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 
In pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
Al rione Bozzano
Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

 
Denunciato
Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

 
Ordinanza del Questore
San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

 
Indagano i Cc
Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

 
Maltrattamento di animali
Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

 
Il caso
Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

 
Champions League
CR7, dopo la vittoria la festa nel locale del fasanese Ancona

CR7, dopo la vittoria la festa nel locale del fasanese Ancona

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
LecceIl fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
BariCassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
BatNel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

fasano

Ticket mensa scolastica
sì al rito abbreviato

Prossima udienza il 27 febbraio e ci sarà anche l'Ente come parte civile

Ticket mensa scolasticasì al rito abbreviato

di Giannicola D’Amico

FASANO - Mancato versamento del ticket mensa nelle casse comunali: accolta la richiesta di giudizio abbreviato della presunta responsabile.

Si è svolta nei giorni scorsi l’udienza preliminare a carico della 22enne fasanese, S.P. (queste le sue iniziali) ritenuta responsabile di una ammanco di circa 47 mila euro nelle casse comunali, relativo a soldi versati dai genitori dei bambini che avevano usufruito della servizio ma che non sarebbero mai arrivati nelle casse del Comune.

A gennaio scorso la Procura della Repubblica di Brindisi aveva concluso le indagini preliminari e la Guardia di Finanza aveva notificato alla 22enne l’avviso di conclusione delle indagini ed un avviso di garanzia, a firma del sostituto procuratore della Repubblica di Brindisi Antonio Costantini. Il gup Paola Liaci, preso atto che la 22enne non ha restituito al Comune di Fasano alcuna somma, ha accolto la richiesta di giudizio abbreviato avanzata nel corso dell’ultima udienza da parte del difensore della ragazza, l’avvocato Marcello Zizzi. Ammessa anche la costituzione di parte civile del Comune, il quale si era costituito sempre nel corso dell’ultima udienza per il tramite del capo dell’Avvocatura comunale, Ottavio Carparelli. L’udienza per il giudizio abbreviato è stata fissata al 27 febbraio prossimo.

L’indagine era partita nell’ottobre 2016 quando il Comune di Fasano si era ritrovato con un “buco” di non poco conto nelle proprie casse. A riguardo il sindaco Francesco Zaccaria e i dirigenti comunali avevano presentato un esposto sia alla Procura della Repubblica di Brindisi che alla Procura regionale della Corte dei Conti, per fare luce su quanto accaduto.

A seguito dell’esposto era partita una indagine che si è conclusa a gennaio scorso con la notifica dell’avviso di garanzia alla 22enne che risulta indagata per peculato «poiché con più azioni ed omissioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, quale affidataria del servizio di riscossione in favore del comune di Fasano delle tariffe relative ai pagamenti dei pasti del servizio di mensa scolastica della scuola dell’infanzia e primaria del medesimo comune, quindi incaricata di un pubblico servizio, omettendo di versare gli incassi delle tariffe relative all’anno scolastico 2015/2016, si appropriava della somma complessiva di 47.663,80 euro».

In pratica secondo quanto accertato dalle indagini la 22enne, titolare di un pubblico esercizio di Fasano presso il quale il gestore del servizio mensa aveva installato un Pos per agevolare i pagamenti dei ticket da parte dei genitori, pur avendo riscosso poco più di 47 mila euro dai genitori dei bambini per il ticket mensa appunto, non ha poi versato il relativo importo nelle casse comunali. Di conseguenza il Comune si è ritrovato un “buco” di 47 mila euro nei conti.

Da ciò la decisione del sindaco e dei dirigenti di sporgere due denunce formali alla magistratura, una a quella penale e l’altra a quella contabile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400