Giovedì 21 Febbraio 2019 | 13:50

NEWS DALLA SEZIONE

A ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
l'emergenza
Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

 
Il caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
A Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
Lotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
Il caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto Sassari 86-87

 
Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
LecceNel Salento
Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BariPremiato a Rimini
Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

In azione due banditi

Latiano, rapinatori legano
e imbavagliano gioielliera

Nel mirino è finita Shiny: portati via contanti e oggetti preziosi

Accoltella il padre dopo la lite

LATIANORapina in gioielleria: due banditi immobilizzano la titolare del negozio di preziosi e portano via denaro e gioielli.
E’ successo ieri, attorno alle 11, a Latiano. Nel mirino di due rapinatori, che hanno agito a viso scoperto, è finita la gioielleria Shiny, negozio di preziosi ubicato in via Della libertà, pieno centro di Latiano. Per farsi aprire la porta dalla titolare della gioielleria i due malviventi si sono finti clienti. Una volta dentro al negozio hanno tirato fuori una pistola e l’hanno puntata contro Annamaria Vendetta, la titolare dell’esercizio. A seguire hanno immobilizzato la donna legandole i polsi con delle fascette in plastica e l’hanno chiusa nel retro negozio. In questo modo i due rapinatori hanno avuto tutto il tempo che gli è stato necessario per ripulire la cassa, in cui hanno trovato 4mila euro in contanti, e fare man passa di monili (il valore dei gioielli rubati è in corso di quantificazione da parte della vittima). Terminato il saccheggio, i due banditi sono andati via. Quando finalmente è riuscita a liberarsi la gioielliera ha dato l’allarme ai carabinieri. In pochi minuti in via Della libertà, la strada che collega Latiano a Mesagne e che attraversa la città che ha dato i natali al beato Bartolo Longo da un capo all’altro, sono arrivate diverse pattuglie dell’Arma. Giusto il tempo di raccogliere dalla vittima della rapina la descrizione dei due banditi e sono state diramate le ricerche dei rapinatori in fuga. Al momento il vantaggio temporale accumulato dai rapinatori sulle forze dell’ordine si è rivelato incolmabile.
Prima di uscire dalla gioielleria i due banditi hanno sradicato e portato via l’hard disk del sistema di videosorveglianza del negozio di preziosi. In questo modo i due malviventi si sono assicurati che non restasse alcuna foto dei loro volti. Questo non significa, però, che nessun aiuto potrà arrivare agli investigatori dalla tecnologia: i carabinieri hanno, infatti, esteso le ricerche di eventuali immagini a telecamere in funzione nelle adiacenze della gioielleria Shiny. Con un po’ di fortuna un occhio elettronico potrebbe aver ripreso i due rapinatori mentre arrivavano o si allontanavano, sempre a viso scoperto, dalla gioielleria.
Non è la prima volta che la gioielleria Shiny subisce una rapina. E’ già successo l’8 ottobre del 2011. Quella sera un commando composto da cinque banditi mise a segno un ricco colpo nello stesso negozio di preziosi: i banditi fecero letteralmente razzia di gioielli. Ieri i rapinatori non hanno neanche atteso che calasse il buio della sera per entrare in azione: hanno bussato alla porta della gioielleria fingendosi “normali” clienti in piano giorno. Gli è andata bene: la rapina è filata liscia coma l’olio e gli ha fruttato un consistente bottino.
[m. mong.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400