Domenica 17 Febbraio 2019 | 08:31

NEWS DALLA SEZIONE

Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Tangenti a Brindisi

Un imprenditore confessa
«Pagai il sindaco Consales»

Avrebbe dato una mazzetta di 30mila euro per ottenere un contratto per il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti, senza il quale la società da lui guidata sarebbe andata incontro al fallimento

consales

BRINDISI - L’imprenditore Luca Screti ha confessato in due interrogatori di aver versato all’allora sindaco di Brindisi, Mimmo Consales (Pd), una mazzetta di 30mila euro per ottenere un contratto per il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti, senza il quale la società da lui guidata sarebbe andata incontro al fallimento. Lo scrive un quotidiano pugliese riportando stralci dell’ordinanza interdittiva con cui il gip di Brindisi Giuseppe Licci dispone lo stop delle attività per un anno a carico della Nubile. Screti e Consales sono agli arresti domiciliari per corruzione dal 6 febbraio scorso.

«La necessità e l’esigenza della Nubile di firmare il contratto di affidamento in gestione e di metterlo in servizio con l’illegittima ordinanza sindacale del 6 novembre 2013 - scrive il giudice - è stata riempita di contenuti dallo stesso Screti» nel corso di due interrogatori durante i quali egli «ha più volte in chiare lettere riferito che senza quell'appalto la Nubile sarebbe andata incontro al fallimento».

«La provvista di denaro contante utilizzata per pagare Consales - precisa il giudice - è stata costituita con denari che lo Screti ha percepito quali compensi per il suo ruolo di amministratore unico della Nubile, con la intuibile considerazione che, pur di far accaparrare alla Nubile il contratto di gestione in esercizio dell’impianto, non ha esitato a rimetterci denaro che gli spettava come amministratore della società e, quindi, sostanzialmente si è spinto fino al punto di agire in suo danno, ma nell’ottica di far guadagnare la Nubile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400