Venerdì 23 Aprile 2021 | 11:21

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

 
Covid
Brindisi, contagi in calo: «Merito della zona rossa»

Brindisi, contagi in calo: «Merito della zona rossa»

 
L'episodio
Fasano, bimba aggredita dal cane di famiglia

Fasano, bimba aggredita dal cane di famiglia: è in prognosi riservata

 
Il caso
Mesagne, trovate 20 tonnellate di rifiuti su un camion abbandonato

Mesagne, trovate 20 tonnellate di rifiuti su un camion abbandonato

 
L'emergenza
Asl Brindisi, completato ciclo vaccini anti Covid a dializzati e trapiantati

Asl Brindisi, completato ciclo vaccini anti Covid a dializzati e trapiantati

 
Il caso
Brindisi, il rush finaledei 5 candidati sindaco

Pressioni su ex dirigente del Comune: indagato il sindaco di Brindisi

 
Il caso
Carovigno, all’alt dei Carabinieri si disfa della droga

Carovigno, all’alt dei Carabinieri si disfa della droga

 
controlli anti covid
Brindisi, tifosi della squadra di calcio intenti a realizzare striscione in un locale: 6 sanzionati

Brindisi, tifosi della squadra di calcio intenti a realizzare striscione in un locale: 6 sanzionati

 
agricoltura
Brindisi, i sacrifici dei contadini nelle rime di nonno Cosimo

Brindisi, i sacrifici dei contadini nelle rime di nonno Cosimo

 
al Perrino
Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

 
Nel Brindisino
Latiano, innamorata non corrisposta di un dipendente di banca, fa irruzione con un coltello: arrestata

Latiano, innamorata non corrisposta di un dipendente di banca, fa irruzione con un coltello: arrestata

 

Il Biancorosso

Serie C
Turris e Bari a confronto

Turris e Bari a confronto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantola novità
Taranto ex Ilva, Acciaierie d'Italia sceglie logo con tricolore

Taranto ex Ilva, Acciaierie d'Italia sceglie logo con tricolore

 
Potenzail provvedimento
Potenza, condannati dopo indagini della Dda su omicidio Cassotta: tre arresti

Potenza, condannati dopo indagini della Dda su omicidio Cassotta: tre arresti

 
BrindisiIl caso
S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

 
Leccetrasporti
Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

 
MateraLavori pubblici
Matera, cambia volto il teatro Quaroni

Matera, cambia volto il teatro Quaroni

 
GdM MultimediaCultura
Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

 
FoggiaTragedia sfiorata
Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

 

i più letti

la denuncia

Pezze di Greco, locali confiscati alla mafia abbandonati

Consigliera comunale accusa: «Così i soldi pubblici sperperati»

Pezze di Greco, locali confiscati alla mafia abbandonati

FASANO - Ieri è stata celebrata la Giornata della Memoria e dell'Impegno per ricordare le vittime innocenti di tutte le mafie.
«Una questione di cui mi sto occupando tra le altre, riguarda un immobile confiscato alla mafia che trovasi in Pezze di Greco sul corso Nazionale, angolo con Via Minò; una struttura composta da un appartamento in corso Nazionale e da due locali di pertinenza a piano terra e di cui si parla da più di 10 anni ormai, purtroppo non con riscontri positivi». È quanto scrive la consigliera Emanuela Della Campa.

«Occorre ricordare che il detto immobile è stato confiscato alla mafia e grazie alla legge 109 del 1996, fortemente voluta dall’associazione “Libera”. Il maltolto viene restituito al Comune di Fasano nel 2008, in particolare alla collettività territoriale al fine di conseguire scopi sociali. Ebbene, questo immobile - prosegue -, fu oggetto di un progetto di ristrutturazione, riconversione e ampliamento, grazie a soldi pubblici provenienti da un Fondo Progetto Astrea per un importo iniziale dell’opera pari a 783.200 euro, tutti a carico del Ministero degli Interni. Con l’amministrazione Di Bari, in tal modo si disse che “si dava vita ad una sinergia pubblico-privata”, giacché l’associazione onlus “Casa dei giovani” si sarebbe dovuta occupare della gestione dell’immobile, con stipula di una convenzione con il Comune per inizio attività al gennaio 2011; questo almeno fu sbandierato. I centri sarebbero dovuti essere due, un Centro socio-educativo diurno per minori e un Centro di ascolto e di segretariato sociale. I centri non sono mai entrati in funzione e l’immobile non è mai stato utilizzato fino ad ora».

«Ad oggi risulta infatti - secondo la consigliera -, che il piano terra e il primo piano, se non anche il secondo piano, saranno sede di diversi progetti, con la nascita di un centro di sostegno alle donne vittime di violenza. Ora ci domandiamo, perché abbiamo aspettato tutto questo tempo, oltre 10 anni, per utilizzare questa palazzina? Cosa ha comportato il mancato affidamento della gestione, (se effettivamente non vi è stato) per un tempo così prolungato che ha reso vana l’azione di legalità? Ma soprattutto erché non si è fatto alcun lavoro di manutenzione a questo immobile che è stato trovato alla riapertura delle porte, poco prima di Natale 2020, ovvero quasi un decennio dopo la consegna dei lavori in uno stato di degrado? Ora l’immobile necessita di lavori ulteriori che in parte, nell’ultimo trimestre del 2020, sono stati già eseguiti per avviarne l’utilizzo, stavolta con soldi del Comune di Fasano, responsabile di non aver custodito nella maniera opportuna il bene ottenuto. Come cittadina, in primis, e come consigliera comunale quale portavoce dei diritti dei miei concittadini, sono amareggiata per il torto subito dal mancato utilizzo del bene confiscato, per l’inerzia che ha caratterizzato l’ente pubblico che rappresenta la nostra comunità, per la rovina dello stato dei luoghi in cui al momento si trovano taluni locali, tra cui persino la scomparsa di circa 20 pannelli solari a suo tempo installati sul tetto e l’inagibilità e il non funzionamento dei due ascensori ivi ubicati. Ho richiesto tutta la documentazione perché l’argomento, come tanti altri ahimè, merita la dovuta attenzione. La ratio di quella Legge tanto voluta da “Libera” che faceva sì che il riciclaggio del denaro sporco, le ricchezze accumulate con attività illecite dalle mafie contribuissero, quasi per dispetto, al miglioramento delle condizioni di tanti soggetti deboli della nostra società, viene vanificata, privata di ogni contenuto. A mio avviso trattasi di un’offesa a quanto disposto da chi legifera, non preservare quel che a ristoro torna ai cittadini, a cui niente viene mai regalato, che sembra vengano chiamati sempre e solo a contribuire, senza vedere i frutti di ciò che con sforzo corrispondono allo Stato, una prova fallita di cui ancora una volta non risultano sconfitti per davvero i “Mafiosi”».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie