Martedì 07 Luglio 2020 | 17:56

NEWS DALLA SEZIONE

tra carovigno e brindisi
In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

 
L'incidente
Mesagne, scontro tra due auto. Muore un anziano

Mesagne, scontro tra due auto sulla complanare: muore un anziano

 
Il caso
Fasano, la Tari è da pagare, Conforama deve al Comune 300mila euro

Fasano, la Tari è da pagare: Conforama deve al Comune 300mila euro

 
In serata
Latiano, agguato sotto casa a sorvegliato speciale: feriti lui e la moglie

Latiano, agguato sotto casa a sorvegliato speciale: feriti lui e la moglie

 
nel brindisino
Ostuni, carabiniere fuori servizio salva ragazzina picchiata dal fidanzato: 19enne arrestato

Ostuni, carabiniere fuori servizio salva ragazzina picchiata dal fidanzato: 19enne arrestato

 
in città
Brindisi, esplodono le condotte dell’acqua

Brindisi, esplodono le condotte dell’acqua: disagi

 
Nel brindisino
Bruciati automezzi di una casa vinicola a Cellino San Marco

Cellino San Marco, bruciati automezzi di una casa vinicola

 
I controlli dei cc
Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

 
SOLIDARIETÀ
Brindisi, ponte aereo europeo: partito primo dei tre voli umanitari per Mogadiscio

Brindisi, ponte aereo europeo: partito primo dei tre voli umanitari per Mogadiscio

 
Traffico droga
Fasano, sequestrati 20 kg di cocaina: due arresti

Sequestrati 20 kg di cocaina vicino Latina: arrestati anche 2 fasanesi

 
nel brindisino
Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

 

Il Biancorosso

Serie C
Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzaper 24 tifosi
Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

 
Batper i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
Tarantoambiente
Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

 
Foggial'episodio a giugno
Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

 
Brindisitra carovigno e brindisi
In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

 
MateraIl caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 

i più letti

Inquinamento

Brindisi, il sindaco Rossi: «Sblocco se Versalis investe su salute e lavoro»

Spuntano concentrazioni abnormi di idrocarburi non metanici. Oggi il confronto tra le parti col prefetto e il viceministro Todde

Brindisi, il sindaco: sblocco se Versalisi investe su salute e lavoro

Brindisi - Ora spuntano anche gli NMHC, gli idrocarburi non metanici, in quantità abnormi. «Confermerò ciò che più volte ho affermato in questi giorni. Il superamento dell'ordinanza lo si ha con la volontà da parte di Versalis di confrontarsi con tavoli tecnici, con la presenza dell'Arpa, per trovare tutte le soluzioni impiantistiche e tecnologiche per ridurre i blocchi degli impianti e le emissioni di sostanze inquinanti. Occorre inoltre rivedere sempre in Aia i limiti emissivi di benzene, toluene e NMHC i cosiddetti idrocarburi non metanici», così in un post in serata il sindaco Riccardo Rossi preannuncia la posizione a cui siederà al tavolo di oggi convocato in videoconfrenza dal prefetto. All’incontro ci saranno anche il Governo rappresentato dal il Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo economico Alessandra Todde, le aziende del petrolchimico e i sindacati che lo avevano richiesto. Quella di oggi è una giornata cruciale nel duro «braccio di ferro» in corso tra Comune di Brindisi e Versalis dopo il fermo degli impianti disposto dal sindaco Riccardo Rossi con una doppia ordinanza.

La diatriba è in corso da oltre una settimana dopo che a causa dell’allarme dato dai cittadini di diversi quartieri - alcuni hanno dato mandato agli avvocati per verificare i presupposti per una eventuale azione legale - molti brindisini hanno lamentato emissioni odorigine che hanno reso l’area irrespirabile determinando anche fastidi e irritazioni alle vie aeree e agli occhi. Emissioni avvenute in concomitanza temporale con i lavori in corso da parte di Eni Versalis. L’Arpa Puglia ha consegnato un rapporto preliminare al sindaco in cui sono stati fotografati picchi di benzene e toluene nell’aria fino anche a 300 volte le «normali» concentrazioni. E subito dopo il sindaco ha emesso la seconda ordinanza che limita l’attività di Versalis fino allo relazione finale dell’Arpa in base alla quale deciderà altre azioni. Il caso è seguito attentamente dalla Procura.

Ma ora a benzene e toluene si aggiungono gli idrocaburi non metanici.

«Occorre implementare una rete di centraline interne ed esterne allo stabilimento - dice il sindaco -, con dati da valutare da parte di Arpa, per un controllo puntuale delle emissioni. Chiedo scusa ma una considerazione tecnica è importante. Nel report che Versalis ha inviato al comune sui dati delle centraline Nord e Sud interne allo stabilimento si evidenziano valori elevatissimi di NMHC gli idrocarburi non metanici che raggiungono un valore di 1400 microgrammi per metro cubo.

Queste sostanze erano precedentemente normate ed avevano un valore limite di 200. La norma è stata poi abrogata, ma resta il tema del controllo del loro valore. Presso il Senato è depositata dallo scorso anno una proposta di legge per riportare il limite a 200. In Basilicata il gruppo regionale del M5S propone una legge regionale per portare il valore a 100. È evidente che occorre controllare questo valore che nei report Versalis è elevatissimo, la salute dei lavoratori va protetta. Ho esposto in particolare questo argomento rappresentativo delle tante criticità esistenti e che solo la volontà di Versalis con investimenti importanti può avviare a soluzione. Questo è il cuore del problema: investimenti a difesa della salute e del lavoro o status quo che non assicura né la salute né il lavoro».

La tensione è alta. A temere per il loro futuro sono i 1500 lavoratori del petrolchimico e tra sindacati e sindaco in particolare c’è stato un copioso e duro confronto.

Eni Versalis, intanto oltre a difendere la correttezza del proprio operato e dichiarare l’estraneità alle emissioni odorigene, aver prodotto le osservazioni alla ordinanza del sindaco per chiederne l’annullamento, ha boicottato nei giorni scorsi un tavolo alla Regione Puglia - alla presenza del Governatore Michele Emiliano - subordinando la propria partecipazione ai tavoli al ritiro dell’ordinanza da parte del primo cittadino.

La società avrebbe ormai pronto anche un eventuale ricorso al Tar per tentare di bloccare gli effetti dell’ordinanza sindacale. Per questo la giornata odierna è fondamentale nell’evoluzione della vertenza. Si vedrà se Eni-Versalis prenderà parte al tavolo e se possano esserci margini per una ricomposizione della vertenza. Non è escluso che in caso negativo la multinazionale possa far partire il ricorso al Tar.

Sulla delicata vicenda torna a riflettere il segretario generale della Uiltec provinciale Carlo Perrucci: «Brindisi non può fare a meno di Eni… Eni non può fare a meno di Brindisi», è in estrema sintesi il suo pensiero. «Abbandoniamo - invita Perrucci - questa lotta fratricida. È giusto chiedere e conoscere i Piani Industriali di tutte le Aziende del territorio, ma con le dovute maniere, ritirando immediatamente l’Ordinanza di blocco della produzione che ha già causato ingenti danni economici.

Danni che un Comune, come quello di Brindisi, già in dissesto finanziario non potrebbe sostenere». E ancora: «L’impegno di tutti, deve essere quello di attrarre altri investimenti e di rendere più accogliente la nostra Città. Essere presenti quotidianamente sulle testate giornalistiche anche di livello nazionale, sui quali paragoniamo l’inquinamento di Brindisi con quello di Taranto evidenziando caratteristiche negative non supportate da nessuna rilevanza scientifica, crea molto imbarazzo e difficoltà alla Città stessa». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie