Martedì 26 Maggio 2020 | 07:15

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

 
L'incontro
Petrolchimico di Brindisi, il sindaco avverte: «Picchi di cancerogeni»

Petrolchimico di Brindisi, il sindaco avverte: «Picchi di cancerogeni»

 
In volo
Brindisi, nell'aeroporto atterra uno degli aerei più grandi del mondo

Brindisi, nell'aeroporto atterra uno degli aerei più grandi del mondo

 
Fase 2
Brindisi, movida poco rispettosa: sindaco pronto a chiusura a mezzanotte

Brindisi, movida poco rispettosa: sindaco pronto a chiusura a mezzanotte

 
Il caso
Impianto Versalis

Brindisi, Versalis presenta ricorso al Tar

 
Nel brindisino
Valle d’itria: lupi nei pressi di masserie, razzia di pecore e asini

Valle d’Itria, lupi nei pressi delle masserie: razzia di pecore e asini

 
Il caso
Francavilla Fontana, picchiava l'anziana che accudiva: arrestata badante

Francavilla Fontana, picchiava l'anziana che accudiva: arrestata badante

 
L'iniziativa
1° Comprensivo De Amicis Milizia

Oria, una lezione di giornalismo in video-conferenza

 
Il personaggio
Albano Carrisi

Cellino San Marco, al compleanno di Al Bano anche le torte sono separate

 
La sperimentazione
Coronavirus, prima trasfusione al plasma all'ospedale Perrino di Brindisi

Coronavirus, prima trasfusione di plasma all'ospedale Perrino di Brindisi

 

Il Biancorosso

SERIE C

Il Bari vuole e prepara lo sprint. L’eventuale stop fa meno paura

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'intervista
Bari, parla Decaro, un anno da sindaco: «Ma il virus ha cambiato tutto»

Bari, parla Decaro, un anno da sindaco: «Ma il virus ha cambiato tutto»

 
PotenzaL'ordinanza
Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

 
TarantoLa provocazione
Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

 
BrindisiSanità
Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

 
FoggiaA Borgo Mezzanone
Covid 19, a Foggia distribuiti 1200 kit anticontagio ai migranti

Covid 19, a Foggia distribuiti 1200 kit anticontagio ai migranti

 
LecceIl rilancio del turismo
OTRANTO

La bellezza di Otranto d'estate in totale sicurezza: lo spot con Lele Spedicato

 
Batnella bat
Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

 

i più letti

lutto nello sport

Brindisi, si è spento Giovanni Custodero, calciatore malato che ha scelto la sedazione

In tanti l'avevano sostenuto sul web in queste ore dopo l'annuncio

Custodero calciatore malato di cancro dice stop: «Troppo dolore, vado in sedazione»

BRINDISI - Giovanni Custodero, il calciatore che qualche giorno fa aveva annunciato sul web la scelta di sottoporsi alla sedazione terminale per non soffrire più a causa dei dolori che il cancro gli stava provocando, ha messo la parola 'fine' alla sua agonia. Il 27enne, infatti, si è spento poche ore fa. Immense le dimostrazioni d'affetto che stanno arrivando in queste ore sulle sue pagine social.

«Ebbene sì, eccoci arrivati alla battaglia finale, siamo io e lui, uno dinanzi all'altro», scriveva Custodero pochi giorni fa. Da una parte c'è il calciatore guerriero, sostenuto da familiari, amici e da varie squadre calcistiche tra cui il Lecce (che ha raccolto fondi dalla vendita di magliette dello "Smiling warrior", simbolo dell'atteggiamento combattivo di Custodero, durante la partita con la Juventus disputata a ottobre 2019 - ndr), dall'altra il cancro che ha costretto il brindisino all'amputazione della gamba sinistra, a sedute di chemio e alla radioterapia. Cure non risolutive poiché il tumore si è esteso in altre parti del corpo.

«Sono ormai stanco. Ho deciso di trascorrere le festività lontano dai social ma accanto alle persone più importanti. Ora che le feste sono finite, al pari della mia forza, ho deciso che non potrò continuare a far prevalere il dolore fisico e la sofferenza su ciò che il destino ha in serbo per me. Sarò sedato e potrò alleviare il mio malessere». Il post shock di Custodero aveva dato il senso delle sue condizioni di salute. In molti hanno pianto e abbracciato virtualmente l'ex portiere di calcio a cinque, in C2 con la maglia del Fasano. Il suo addio al pallone, dopo aver scoperto la malattia, è stato l'inizio di una straziante lotta documentata sui social. E proprio dai social che era partito un gigante abbraccio virtuale da fan e amici, tra loro anche gente dello spettacolo come Pio e Amedeo che in un video hanno salutato affettuosamente la scelta di Custodero. Un giovane coraggioso, che difficilmente verrà dimenticato.

SINDACO DI FASANO: SIMBOLO DI CHI LOTTA - «Giovanni Custodero è diventato in questi anni il simbolo di quanti lottano ogni giorno contro la malattia e la sofferenza, con una forza d’animo che è di esempio per tutti. A nome mio personale e di tutta la città, che in queste ore sta manifestando alla famiglia tutta la sua vicinanza, con un calore e un affetto che mi rendono orgoglioso di esserne alla guida, voglio abbracciare idealmente lui, i suoi cari e tutti quanti stanno affrontando un percorso di dolore, dandoci esempio di amore per la vita, supremo bene». E' il messaggio di cordoglio di Francesco Zaccaria, sindaco di Fasano, il paese del giovane calciatore morto oggi.

«I nostri affanni quotidiani e le nostre discussioni - afferma ancora - appaiono trascurabili piccolezze di fronte ad un attaccamento alla vita e ai valori umani come quello che il nostro 'Guerriero' ha dimostrato, avvalendosi dei nuovi strumenti di comunicazione che affascinano i giovani: invito pertanto tutti a stare ancora più vicini ai tanti guerrieri che, ogni giorno, vivono nella sofferenza ma nella speranza. Coraggio!». 

IL CORDOGLIO - Sono tantissimi i messaggi di cordoglio che in queste ore vengono rivolti ai familiari per la morte di Giovanni Custodero. In tutti i messaggi, molti dei quali pubblicati sulla bacheca Facebook da cui Custodero aveva dato l’annuncio della propria scelta e in passato aveva pubblicato aggiornamenti sulla sua condizioni, ricorre la parola «guerriero». Sono scritti da amici, conoscenti, in alcuni casi anche da parenti. Per Giovanni, ex portiere della squadra di calcio a cinque, molti ringraziamenti per le iniziative svolte in vita, per il coraggio dato agli altri nonostante la propria sofferenza e la propria condizione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eleba

    12 Gennaio 2020 - 12:14

    Che Iddio sappia ricompensarti.

    Rispondi

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie