Domenica 05 Luglio 2020 | 03:20

NEWS DALLA SEZIONE

I controlli dei cc
Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

 
SOLIDARIETÀ
Brindisi, ponte aereo europeo: partito primo dei tre voli umanitari per Mogadiscio

Brindisi, ponte aereo europeo: partito primo dei tre voli umanitari per Mogadiscio

 
Traffico droga
Fasano, sequestrati 20 kg di cocaina: due arresti

Sequestrati 20 kg di cocaina vicino Latina: arrestati anche 2 fasanesi

 
nel brindisino
Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

 
Pianificazione e sviluppo urbanistico
Piano urbanistico generale, affidato l'incarico: così Fasano cambia volto

Fasano, Piano urbanistico generale, affidato l'incarico: così la città cambia volto

 
Ambiente
Brindisi, parcheggi a Torre Guaceto: accuse a gestori e Comuni

Brindisi, parcheggi a Torre Guaceto: accuse a gestori e Comuni

 
Il caso
Brindisi, multata per guida in stato di ebbrezza ma il giudice di pace annulla il verbale

Brindisi, multata per guida in stato di ebbrezza ma il giudice di pace annulla il verbale

 
Nel brindisino
Erchie, attentato incendiario contro azienda agricola

Erchie, attentato incendiario contro azienda agricola: arrestati 2 giovanissimi

 
Lo spot
FASANO

La bellezza di Fasano in 90 secondi: il turismo a diversa velocità

 
trasporti
Aeroporto Brindisi: da oggi riprendono i voli Alitalia per Roma e Milano

Aeroporto Brindisi: da oggi riprendono i voli Alitalia per Roma e Milano

 
Solidarietà
Brindisi, bambino di 7 anni perde la bici. La Polizia gliene regala un’altra

Brindisi, bambino di 7 anni perde la bici, la polizia gliene regala un’altra

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl ritrovamento
Auto, 200 pneumatici e bare abbandonati nel bosco di Gravina: sequestrati

Auto, 200 pneumatici e bare abbandonati nel bosco di Gravina: sequestrati

 
TarantoPolveri sottili
Arcelor Mittal, Bonelli: «L'inquinamento a Taranto è legalizzato. Indaghi la Procura»

Arcelor Mittal, Bonelli: «L'inquinamento a Taranto è legalizzato. Indaghi la Procura»

 
LecceMaltempo
Pioggia e grandine a Casarano: le strade si trasformano in torrenti

Pioggia e grandine a Casarano: le strade si trasformano in torrenti. FOTO

 
BatOccupazione e salute
Fase 3, Asl Bat proroga tutti i contratti degli Oss fino a gennaio

Fase 3, Asl Bat proroga tutti i contratti degli Oss fino a gennaio

 
PotenzaTemporali
Maltempo, 9 allagamenti nel Potentino: 9 squadre dei vigili del fuoco

Maltempo, allagamenti nel Potentino: 9 squadre dei vigili del fuoco a lavoro

 
FoggiaFine campagna
Foggia, il grano duro di alta qualità, ma allarmano le rese basse

Foggia, il grano duro di alta qualità, ma allarmano le rese basse

 
BrindisiI controlli dei cc
Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

 

i più letti

Il caso

Riconversione Enel Brindisi, 50 aziende al governo chiedono tavolo per crisi

Operatori portuali scrivono al governo: "altrimenti è sciopero"

Tangenti Enel Brindisi, chiesto processo per sette

BRINDISI - L’apertura di un tavolo di crisi per il porto di Brindisi è stato chiesto al governo da 50 aziende portuali e alcune associazioni locali, per affrontare il processo di decarbonizzazione della centrale Enel di Cerano. In caso contrario, annunciano forme di protesta, compreso lo sciopero generale.

«Il processo di decarbonizzazione avviato anche in Italia (che dovrà concretizzarsi entro il 2025) - fanno notare - porterà indubbiamente benefici all’ambiente e la finalità di tale processo, pertanto, è assolutamente condivisibile e nulla dovrà essere fatto per frenarlo». Tuttavia «a Brindisi, come è noto - aggiungono in una nota - il problema si pone in maniera dirompente, visto che per decenni una buona fetta dell’economia industriale e portuale ha ruotato intorno all’esercizio di due centrali termoelettriche alimentate a carbone. Molte aree e banchine del porto commerciale sono state vincolate proprio all’attività di queste due centrali e in particolare, a quella dell’impianto Enel 'Federico II'. Il tutto, come è facilmente riscontrabile, ha limitato lo sviluppo di altre tipologie di traffici».

La centrale, stando alla richiesta formulata da Enel al ministro dello Sviluppo economico, potrebbe essere trasformata a turbogas e alimentata via terra con il gasdotto Snam. «Ai ridimensionamenti della forza-lavoro diretta all’interno della centrale - fanno notare gli operatori - e alla scontata diminuzione dell’indotto andranno ad aggiungersi ripercussioni gravissime per l’intera economia portuale di questo territorio». Il comparto conta oltre 2.000 lavoratori. Da qui la richiesta di un tavolo di crisi con Mise, Ministeri del Lavoro e dei Trasporti, Regione Puglia, Comune e Provincia di Brindisi, Autorità portuale, Enel e multinazionali presenti nell’area. 

«La protesta degli imprenditori portuali brindisini è assolutamente giustificata e trova fondamento in una crisi gravissima che mina la sopravvivenza delle stesse aziende. Nessuno è più autorizzato a rimanere in silenzio e soprattutto a non fare tutto il possibile perché la questione-Brindisi venga posta all’attenzione del Governo nazionale». Lo afferma in una nota il presidente della commissione sanità della Regione Puglia, Pino Romano, ritenendo che «la misura sia ormai colma».
«Per troppo tempo Brindisi - prosegue - ha subito un ruolo predominante della grande industria che, di fatto, ha condizionato lo sviluppo economico dell’intera area, sacrificando alcune vocazioni naturali del territorio per far posto a produzioni ad alto rischio, nell’esclusivo interesse dello Stato (vedi energia, chimica, farmaceutica). Oggi l'esigenza prevalente è quella di salvaguardare l’ambiente e la salute dei cittadini. Da qui partono grandi sconvolgimenti, a cominciare dalla decarbonizzazione che interesserà direttamente il territorio brindisino. Una scelta importante, che certamente va nella giusta direzione. Ma il peso del cambiamento epocale non può e non deve pesare solo sulle spalle degli imprenditori e dei lavoratori brindisini. Per Brindisi, al pari di Taranto, va chiesto immediatamente il diretto coinvolgimento del Governo nazionale, affinché la crisi possa essere affrontata con risorse e strumenti adeguati».

Il parlamentare brindisino Mauro D’Attis (Fi) annuncia che lunedì mattina rivolgerà, assieme alla collega Vincenza Labriola, una interrogazione al presidente del Consiglio dei Ministri sulla «crisi ormai insostenibile che interessa le attività portuali ma, più in generale, il comparto produttivo della città di Brindisi e per sollecitare interventi decisi».
«E' evidente - afferma D’Attis - che non può bastare la promessa di un CIS (Contratto Istituzionale di Sviluppo) per far fronte ad una situazione a dir poco drammatica, così come emerso anche dagli ultimi incontri di consultazione delle parti sociali che abbiamo svolto con il presidente Antonio Tajani. La denuncia degli operatori portuali di oggi è la goccia che fa traboccare il vaso. In realtà, l’interrogazione sarà solo il primo passo perché il gruppo di Forza Italia alla Camera, per volontà diretta della presidente Gelmini, porterà a giorni in Parlamento la questione-Mezzogiorno e, in quel contesto, io e la collega Vincenza Labriola inseriremo lo stato di grave crisi che riguarda le città di Brindisi e Taranto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie