Venerdì 24 Gennaio 2020 | 19:04

NEWS DALLA SEZIONE

L'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
nel brindisino
Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

 
Il caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Operazione della Polizia
Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

 
Nel Brindisino
Fasano, ha il divieto di avvicinamento e incendia auto degli amici dell'ex compagna: arrestato

Fasano, incendiava auto degli amici dell'ex compagna: arrestato stalker

 
sulla ss 379
Auto esce fuori strada e finisce contro alberi nel Brindisino: grave 18enne di Ostuni

Ostuni, auto finisce fuori strada e si schianta contro alberi: grave 18enne

 
Intimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
Nel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Nel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaProduzione
Fca Melfi, da febbraio stop per 20 turni: ma si riprende con Jeep Compass

Fca Melfi, da febbraio stop per 20 turni: ma si riprende con Jeep Compass

 
BariLavoro
Bari, il 31 gennaio sciopero e sit-in dei lavoratori Arif

Bari, il 31 gennaio sciopero e sit-in dei lavoratori Arif

 
TarantoLa manifestazione
Sanità, operatori 118 Taranto scendono in piazza: la protesta lunedì

Sanità, operatori 118 Taranto scendono in piazza: la protesta lunedì

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 
LecceGiornata della Memoria
Shoah, l'accoglienza di Nardò: in dono al Comune le foto dei rifugiati ebrei

Shoah, l'accoglienza di Nardò: in dono al Comune le foto dei rifugiati ebrei

 
BrindisiL'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
FoggiaIl caso
Foggia, prendevano reddito di cittadinanza ma lavoravano in nero in centri scommesse

Foggia, prendevano reddito di cittadinanza ma lavoravano in nero in centri scommesse

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 

i più letti

Nel brindisino

Latiano, mise guinzaglio del cane alla moglie: condannato

Sono cadute, tuttavia, le accuse di violenza sessuale: furono «solo» maltrattamenti

Brindisi, imputato di stalking  colto da infarto in tribunale

«Mi legava alla catena come un cane e pretendeva sesso».
Riconosciuti i maltrattamenti ma non la violenza sessuale. Per questa ragione, un incensurato latianese di 45 anni è stato condannato a due anni (con pesa sospesa). La stessa condanna era stata chiesta dal pubblico ministero Pierpaolo Montinaro.
L’uomo, nel 2015, era stato denunciato dalla moglie in quanto, tra le altre cose, l’avrebbe costretta a fare sesso controvoglia, schiaffeggiata, chiusa in casa e legata - come si diceva - con la catena del cane.
Secondo il giudice di primo grado, che ha in parte concordato con le tesi dell’avvocato Domenico Attanasi, difensore dell’imputato, il 45enne non violentò la congiunta anche se la maltrattò minacciuando addirittura di ucciderla. Inoltre, secondo l’accusa, la percosse con schiaffi e calci, “ricattandola nel caso in cui avesse denunciato, impedendole di vedere la madre se non avesse fatto quello che diceva lui”. L’istruttoria ha condotto tanto il pubblico ministero quanto poi il giudice monocratico a escludere la sussistenza dell’accusa di violenza sessuale “perché il fatto non sussiste”, mentre si tornerà a parlare di maltrattamenti in quanto il legale dell’uomo ha già annunciato l’intenzione di ricorrere in appello dopo aver letto la motivazione di questa prima sentenza: per lui e ovviamente per il suo assistito, non vi furono neppure i maltrattamenti.


Il processo penale - come si diceva - era scaturito dopo la denuncia sporta dalla donna, tuttora sposata con l’imputato, quattro anni fa. Il marito venne arrestato il 17 luglio 2015 e nel frattempo è stato rimesso in libertà. “Maltrattava la moglie convivente, minacciando di ucciderla”, era scritto nell’ordinanza di arresto.
“In un’occasione” avrebbe costretto la moglie a “fare sesso con la forza, l’avrebbe schiaffeggiata” e avrebbe anche “messo al collo della la catena del cane”. Tale condotta era stata contestata “fino al mese di aprile 2015”. La donna, sempre secondo l’accusa mossa dalla Procura, sarebbe stata anche chiusa a casa. In tal modo – si legge nel capo di imputazione – sarebbe stata costretta a “un regime di vita penoso e intollerabilmente vessatorio”. Accuse che sia pure in parte sono cadute.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie