Lunedì 19 Agosto 2019 | 02:32

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
L'evento
S. Michele Salentino, il paese si racconta con le video proiezioni

S. Michele Salentino, il paese si racconta con le video proiezioni

 
Nel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 
Nel Brindisino
Lineamediterranea: a Fasano si parte con il sacrificio virtuale di solidarietà all'Ulivo Monumentale della Puglia

Lineamediterranea: a Fasano si parte con il sacrificio virtuale di solidarietà all'Ulivo Monumentale della Puglia

 
decenni di violenze
Ostuni, maltratta la compagna per 20 anni: allontanato da casa

Ostuni, maltratta la compagna per 20 anni: allontanato da casa

 
L’operazione
Porto Brindisi, GdF sequestra 40mila scarpe Converse contraffatte

Porto Brindisi, GdF sequestra 40mila scarpe Converse contraffatte

 
L'episodio
Brindisi, distrugge un'auto parcheggiata a martellate: arrestata 37enne

Brindisi, distrugge un'auto parcheggiata a martellate: arrestata 37enne

 
Nel Brindisino
Mesagne: raid contro auto maresciallo dei cc, data alle fiamme sotto casa

Mesagne: raid contro auto maresciallo dei cc, data alle fiamme sotto casa

 
Storia a lieto fine
Brindisi, i medici del «Perrino» salvano le ferie di una turista francese

Brindisi, i medici del «Perrino» salvano le ferie di una turista francese

 
3 arresti
Tentano di ucciderlo perché ha una relazione con la moglie di un detenuto: arresti a Brindisi

Brindisi, è l'amante di una moglie di un detenuto: pestato da mamma e figli
 

 
Violenza domestica
Cisternino, picchia il padre e minaccia la madre: arrestato 34enne

Cisternino, picchia il padre e minaccia la madre: arrestato 34enne

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceVandalismo
Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

 
HomeGuardia costiera
Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli

Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli. L'Ordinanza

 
FoggiaLa polemica
Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

 
BrindisiIl caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
HomeIncidenti stradali
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Puglia, domenica di sangue sulle strade: 4 morti a Laterza, Trinitapoli e Veglie

 
GdM.TVIl ritrovamento
Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

 
PotenzaIl caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 

i più letti

Violenza domestica

Carovigno, voleva i soldi per la droga: pesta madre e sorella, in manette

Pretendeva dai congiunti soldi e auto per rifornirsi di droga: ha anche rotto il vetro della macchina per convincere le donne ad assecondare le sue richieste. Tempestivo intervento dei militi: accuse di estorsione, maltrattamenti e resistenza a pubblico ufficiale

Violenza di genere, un milionedi finanziamento dalla Regione

BRINDISI - Pretendeva dai genitori i soldi per comprarsi la droga e dalla sorella l’auto con cui avrebbe raggiunto Taranto per approvvigionarsi di sostanza stupefacente. Di fronte al rifiuto dei familiari di dargli quello che voleva, Alessandro Di Latte, 38 anni, carovignese, è diventato una furia. Neanche i carabinieri, il cui intervento è stato sollecitato dai familiari del 38enne, sono riusciti a riportarlo alla calma. Non gradendo quella che, a suo giudizio, era una indebita intromissione dei militari dell’Arma in una sua faccenda personale, Di Latte ha prima schiaffeggiato la sorella dinanzi ai carabinieri e poi ha spinto la madre, che è andata a sbattere contro l’auto di servizio dei militari dell’Arma. I militi sono immediatamente intervenuti in difesa della donna e, di tutta risposta, il 38enne si è avventato contro uno dei carabinieri e, spintonandolo, gli ha fatto perdere l’equilibrio. A quel punto i militi lo hanno bloccato e condotto negli uffici dell’Arma. Dalla caserma Alessandro Di Latte è uscito per essere condotto nel carcere di Brindisi. E’ accusato di maltrattamenti in famiglia, tentata estorsione e resistenza a pubblico ufficiale.

I fatti sono accaduti l’altra notte in contrada Bosco, a Carovigno, dove è ubicata l’abitazione della famiglia Di Latte. Nel cuore della notte alla centrale operativa della compagnia CC di San Vito dei Normanni è arrivata la richiesta di intervento per un violento litigio in corso in una casa. L’operatore che ha risposto alla telefonata ha inviato sul posto la gazzella del nucleo operativo e radiomobile. I carabinieri sanno bene che in questi frangenti l’immediatezza dell’intervento delle forze dell’ordine può scongiurare che le cose degenerino ulteriormente e, di conseguenza, dopo la telefonata al 112, il numero di pronto intervento dell’Arma, la pattuglia è letteralmente corsa in contrada Bosco. Quando i militi sono giunti sul posto i familiari di Alessandro Di Latte hanno raccontato loro che avevano richiesto l’intervento dei carabinieri perché erano preoccupati per il comportamento del loro congiunto. Di fronte al loro rifiuto di dargli i soldi, che gli occorrevano per comprare la droga, e l’auto per raggiungere Taranto (una delle piazze più gettonate dai consumatori di eroina), il 38enne era andato su tutte le furie. Ogni tentativo di riportare alla calma il giovane è stato inutile, anzi ha finito con il peggiorare ulteriormente la situazione. Preso atto di questo e dell’aggressione, compiuta dinanzi ai carabinieri, in danno della madre e della sorella e di uno dei carabinieri, ai militari dell’Arma non è restato altro da fare che arrestare, in flagranza di reato, il 38enne e condurlo in caserma. La notte di straordinaria follia di Alessandro Di Latte si è conclusa con il suo ingresso nella casa circondariale di via Appia, a Brindisi, dove il 38enne resterà almeno sino all’udienza di convalida del provvedimento restrittivo adottato a suo carico dai carabinieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie