Lunedì 19 Novembre 2018 | 19:38

NEWS DALLA SEZIONE

Dopo una discussione
Oria, sedicenne ferisce con una coltellata un compagno di scuola

Oria, sedicenne ferisce con una coltellata un compagno di scuola

 
Le indagini
Brindisi, preso a pistolettate dopo una rissa: ferito 19enne

Brindisi, preso a pistolettate dopo una rissa: ferito 19enne

 
Promozione
Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita con Barletta

Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita col Barletta

 
Lotta allo spaccio
Brindisi, nasconde la droga nella stanza giochi del figlio: arrestato

Brindisi, nasconde la droga nella stanza giochi dei figli: arrestato

 
Commercio in crisi
Brindisi, in città chiudono negozi al ritmo di dieci al mese

Brindisi, in città chiudono negozi al ritmo di dieci al mese

 
Controllo automatico
Mai passare col rosso: controllo attivo a Ceglie Messapica

Mai passare col rosso: controllo attivo a Ceglie Messapica

 
Operazione dei cc
Dall'Albania con 250kg di marijuana nel gommone, 6 arresti a Brindisi

Nei tubolari del gommone 250kg di droga dall'Albania, 6 arresti a Brindisi VD

 
A Carovigno
Brindisi, distributore ambulante di carburante illegale: scatta sequestro e denuncia

Brindisi, distributore ambulante di carburante: sequestro e denuncia

 
Il folle gesto
Brindisi, il rush finaledei 5 candidati sindaco

Brindisi, disoccupato minaccia di darsi fuoco davanti al Comune

 
A Cisternino
Brindisi, spacciava a 15 anni: preso vicino alla scuola

Brindisi, spacciava a 15 anni: preso vicino alla scuola

 
Premiato a Vienna
Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Ai ferri corti

Brindisi, il sindaco Rossi diffida Versalis e minaccia il fermo dell’impianto

Il comune non vuole più concedere sconti al petrolchimico

Brindisi, il sindaco Rossi diffida Versalis e minaccia il fermo dell’impianto

BRINDISI - Dopo l’ultima - l’ennesima - sfiammata della torcia, avvenuta precisamente un mese fa, l’Amministrazione guidata dal sindaco Riccardo Rossi ha deciso di fare sul serio, notificando nei giorni scorsi alla società una formale diffida finalizzata ad imporle «l’urgente predisposizione di adeguate misure e idonei strumenti volti a garantire il non verificarsi di eventi emissivi incontrollati».
Lo ha annunciato ieri mattina lo stesso primo cittadino, in una conferenza stampa appositamente convocata, alla presenza anche dell’assessore alle Politiche Ambientali, arch. Roberta Lopalco, e del dirigente del settore preposto, ing. Gaetano Padula.

La diffida - In buona sostanza, il Comune ha imposto alla società «di adottare le misure e di predisporre il personale e il materiale tecnico idoneo a contenere strutturalmente il fenomeno» o, in alternativa, «di eseguire tutti gli interventi necessari ad evitare il ripetersi degli eventi emissivi anche attraverso ditte specializzate». Il tutto entro il termine di trenta giorni, con ulteriore diffida «a comunicare al Comune e a ciascuna delle competenti autorità e organi di controllo l’avvenuta esecuzione al fine di consentire agli stessi di effettuare le opportune verifiche, inviando altresì la necessaria documentazione attestante lo svolgimento delle attività implementate».
Non solo: «L’inizio delle operazioni richieste dovrà essere preceduto dalla presentazione a approvazione del piano interventi alle autorità competenti “Aia” e all’autorità di controllo, assicurando il coinvolgimento di Arpa Puglia, nonchè dalla comunicazione preventiva della data di inizio delle attività a Procura, Polizia Locale, Servizio Ecologia e Ambiente del Comune, Provincia, Arpa Puglia e Asl». In più, «in caso di inottemperanza, l’Amministrazione procederà ad ulteriore disposizione volta ad intimare la cessazione delle fonti inquinanti e si riserverà di attuare d’ufficio ogni possibile misura a salvaguardia della popolazione, nonchè a presentare denuncia alla Procura».

Le dichiarazioni di Rossi - Il sindaco, al riguardo, non è più disposto a concedere sconti. «La questione è estremamente seria - ha detto a margine della conferenza - e, dopo l’ultimo episodio, vogliamo capire sino in fondo cosa succede. Versalis ci deve delle risposte perchè è inammissibile, in relazione all’ultima sfiammata, che l’impianto vada in blocco, con conseguente immissione nell’ambiente di sostanze nocive, per un banale guasto ad un filtro per il raffreddamento nel contesto di un sito ad alta tecnologia. Gli episodi accadono soprattutto in estate quando si alzano le temperature, ed è quindi lecito ritenere che il motivo sia sempre lo stesso e che, soprattutto, si possa intervenire preventivamente. Ora pretendiamo che la società dia seguito alla nostra diffida e siamo pronti, all’occorrenza, anche al fermo dell’impianto».

L’ultima sfiammata - A scatenare l’”ira” del sindaco, come detto, è stata l’ultima sfiammata e il caso ha voluto che quel 18 settembre scorso fossero presenti, per un’ispezione all’interno dello stabilimento Versalis, i tecnici dell’Arpa e dell’Ispra, i quali non solo constatarono le cause del blocco («determinato - si legge nella diffida - per semplici innalzamenti dell’acqua di raffreddamento degli armadi dovuti ad intasamenti del filtro posto sul circuito d’acqua, oppure per errori durante la fase di manutenzione»), ma effettuarono altresì in tempo reale i rilievi del caso, accertando che «gli eventi transitori, pur non comportando generalmente superamenti dei valori limite di inquinanti, hanno comunque comportato immissioni tali da non poter escludere effetti sanitari nella popolazione esposta».

La nota di Legambiente - Sulla vicenda, infine, si registra una nota di Legambiente Brindisi: «Finalmente, dopo tanti anni, l’Amministrazione assume una posizione ferma e tecnicamente motivata in merito alle continue sfiammate in torcia nel petrolchimico di Brindisi. Versalis non ha adempiuto a quanto riportato nella diffida e del tutto immotivata è l’attribuzione del blocco del compressore ad un surriscaldamento impossibile in rapporto alla differenza tra la temperatura nel compressore e quella esterna. Legambiente conferma il pieno sostegno alle iniziative istituzionali che tendono ad impedire i continui “incidenti” e i danni ambientali conseguenti e chiede che si intensifichi l’azione tesa a favorire la sostenibilità e tecnologie innovative nei processi industriali del petrolchimico, all’interno del quale Eni è necessario che investa in quella chimica verde altrove dalla società magnificata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400