Sabato 19 Gennaio 2019 | 19:12

NEWS DALLA SEZIONE

Arte
Ostuni e Mesagne: Andy Warhol arriva in mostra

Ostuni e Mesagne: Andy Warhol arriva in mostra

 
Nel Brindisino
Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

 
Comune costituito parte civile
Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
Da Maria De Filippi
Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

 
Nel pieno della movida
Brindisi, spari dopo una lite in un locale: ferito un 27enne

Brindisi, sparò a 27enne dopo lite in un locale, 20enne si costituisce

 
Ss 172 dir.
Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

 
Lotta con il sindaco
Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

 
L'iniziativa
Canale reale a Latiano diventerà parco fluviale: accordo Regione-Politecnico

Canale reale a Latiano diventerà parco fluviale: accordo Regione-Politecnico

 
Cucina
La Prova del Cuoco: uno chef brindisino per la sfida sulle seppie ripiene

La Prova del Cuoco: uno chef brindisino per la sfida sulle seppie ripiene

 
Istruzione
Brindisi, «Diritto allo studio» arrivano i fondi dalla Regione

Brindisi, «Diritto allo studio» arrivano i fondi dalla Regione

 

Atto doloso

Brindisi, sabotaggio al Poliambulatorio: struttura allagata e inagibile

La scoperta all’apertura degli uffici, saltate tutte le visite di ieri

polizia

BRINDISI - Un gravissimo atto di sabotaggio ha messo «ko» il poliambulatorio della Asl di via Dalmazia. La struttura è stata dichiarata inagibile a causa dell’enorme quantità d’acqua che nel week end ha inondato tutto il palazzo provocando un autentico disastro. La triste scoperta è avvenuta ieri mattina all’atto dell’apertura degli uffici: ambulatori allagati, controsoffitti in cartongesso crollati, intonaci rovinati, pianterreno e seminterrato inondati, col risultato della paralisi totale di qualsiasi servizio. Si tratta di un atto evidentemente deliberato come conferma lo stesso direttore generale dell’Asl Giuseppe Pasqualone.
Qualcuno nelle ultime ore di operatività degli uffici, nella giornata di venerdì scorso, ha divelto una cassetta di scarico di un bagno e otturato lo scarico dello stesso bagno. In seguito a questo sabotaggio nel corso del week end la struttura è stata inondata da una quantità d’acqua impressionante. Non sono state quindi le piogge abbondanti a causare danni, ma la mano di qualcuno. Se si tratti di un utente o peggio ancora di qualche dipendente è tutto da stabilire.
Nei giorni scorsi sarebbero stati notificati dei provvedimenti disciplinari nei confronti di alcuni dipendenti legati all’inchiesta della Procura sull’assenteismo. Gli investigatori indagano per capire se questo fatto possa essere il movente alla base del gesto.
«Escludiamo a priori che si tratti di cattiva manutenzione - tiene a precisare il dg dell’Asl Giuseppe Pasqualone -, c’è stata una fuoriuscita d’acqua per tutto il week end. La struttura è stata dichiarata inagibile dai vigili del fuoco che hanno svolto il sopralluogo. Abbiamo subito provveduto a denunciare il fatto in questura. Ci scusiamo con l’utenza per i disagi conseguenti ed indipendenti dalla nostra volontà, stiamo provando a riportare la situazione alla normalità. Abbiamo affidato i lavori in urgenza per riaprire gli uffici quanto prima. Stiamo provando a tamponare le urgenze». Il direttore generale non si sbilancia sulla possibile matrice del gesto, limitandosi a «condannare questi atti di vandalismo» per usare un comodo eufemismo, ma è certo che nel momento in cui saranno accertate delle responsabilità la Asl agirà di conseguenza. «La cosa disarmante - aggiunge Pasqualone - è la totale mancanza di rispetto per la cosa pubblica». La vicenda comporta un grosso danno per l’Azienda sanitaria locale che è tutto in corso di quantificazione, un danno che ricade anche sulla testa dei dipendenti, una cinquantina di loro da ieri mattina sono in congedo straordinario. La Asl stima di poter ripristinare l’operatività nell’arco di tre giorni. Gli utenti non dovranno preoccuparsi di eventuali sanzioni per aver saltato le visite di ieri: «Terremo conto di questo fatto - conclude il dg Asl - non dipende da loro, stiamo provvedendo a riprogrammare l’ agenda chiamando l’utenza aggiornando tutte le prenotazioni, nessuno perderà nulla». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400