Lunedì 25 Marzo 2019 | 00:09

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
Guidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
Tra Cellino S.Marco e S.pietro Vernotico
Scontro fra due auto nel Brindisino, morti 3 ragazzi, 2 persone gravi in ospedale

Scontro fra due auto nel Brindisino, morti 3 ragazzi, 2 feriti in ospedale

 
Fino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
A brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 
Nel Brindisino
Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

 
Nel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 

Il Biancorosso

DOPO I 5 ANNI DI DASPO
La difesa dello steward della Turris"False accuse e tanta cattiveria"

La difesa dello steward della Turris
"False accuse e tanta cattiveria"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa storia
Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

 
Lecce
Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

nel brindisino

Picasso in mostra fa «boom», in 13mila in fila

A due mesi dall’inaugurazione sono state superate le 13mila presenze a Mesagne, Ostuni e Martina Franca

mostra di Picasso

BRINDISI - A due mesi dall’inaugurazione, la mostra dedicata a Pablo Picasso dal titolo «L’Altra Metà del cielo», registra già 13.000 presenze. Dati che confermano il successo di un progetto che ha previsto un investimento in cultura da parte di tanti attori territoriali fra pubblico e privato. Le tre location (Castello Normanno Svevo di Mesagne, Palazzo Tanzarella di Ostuni e Palazzo Ducale di Martina Franca) in appena sessanta giorni sono stati presi letteralmente d’assalto dai visitatori che hanno apprezzato l’esposizione dedicata al genio spagnolo. Venerdì è stata la volta, a Mesagne, di un gruppo di quaranta crocieristi della nave Noble Caledonia «Panorama», attraccata nel Porto di Brindisi. «L’Altra Metà del cielo» potrà essere visitata sino al prossimo 4 novembre con unico ticket.

«Il filo conduttore che unisce la mostra è la tematica scelta. Cioè, il rapporto di Picasso con il complesso universo femminile. La figura della donna nella sua vita è stata una figura reale perché molte donne hanno interagito con la sua vita quotidiana, con la sua vita matrimoniale ed amorosa», spiega il curatore, professor Francesco Gallo Mazzeo che poi aggiunge: «Quello di Picasso è stato un continuo studio dell’immagine femminile che poi si è ritrovato nella pittura, nel disegno, nella scultura, nella lavorazione della ceramica. Picasso è stato sempre un artista dello straordinario e quindi ha sempre mescolato il senso della sua vita reale con la sua vita ideale. Un Picasso quello di Mesagne, Ostuni e Martina Franca che appartiene ai segmenti delle sue opera più importanti».

Gli fa eco il sindaco di Mesagne, Pompeo Molfetta, che rimarca l’importanza della mostra per la promozione dei tre territori. «Ho avuto modo di valutarla nelle tre sedi e posso definirlo un evento davvero eccezionale. Normalmente queste mostre non arrivano nel Mezzogiorno d’Italia perché riservate ai grandi musei nazionali o del Nord e quindi questo è già un elemento molto importante. L’altro elemento non secondario e quello che nell’organizzazione di questo evento c’è il concorso delle amministrazioni pubbliche, dei soggetti privati, di enti ed associazioni. Un tessuto sociale che si è saputo predisporre al meglio nell’accoglienza del movimento turistico collegato alla mostra».

Un progetto che attraverso Picasso ha l’obiettivo anche di far conoscere al grande pubblico l’arte sacra dell’Alto Salento e della Valle d’Itria. «Abbiamo inteso accompagnare il visitatore, dopo la visita alla mostra di Picasso, attraverso le tante testimonianze dell’arte sacra presenti fra i territori di Brindisi e Taranto. Idem per i musei archeologici di Ostuni e Mesagne», aggiunge Pierangelo Argentieri presidente di Federalberghi Brindisi e vero ideatore della mostra. A Mesagne, in particolare, è possibile visitare il Sum (Sistema urbano museale) ed i siti di interesse culturale ubicati fuori dal tessuto urbano quali Muro Tenente e Malvindi. Ad arricchire l’offerta turistica in questi giorni è arrivato un pacchetto creato ad hoc da un’agenzia specializzata a carattere nazionale inclusivo di 3 notti in masseria (4 stelle) in mezza pensione e dell’ingresso alla mostra, 3 degustazioni all’interno della struttura ricettiva e un “Welcome Kit Picasso” che prevede guide, informazioni utili e gadget per l’itinerario enogastronomico. Sarà inoltre possibile personalizzare Picasso in Puglia aggiungendo visite guidate a Mesagne, Ostuni e Martina Franca con percorsi ecologici in bicicletta o in auto elettriche.

Contestualmente sono tante le iniziative collaterali che le tre Amministrazioni comunali hanno organizzato per tutta la durata della mostra dedicata a Picasso. La prossima, in ordine di tempo, oggi pomeriggio con l’escursione curata dalla Pro Loco “Marina di Ostuni” che insieme all’Associazione Culturale “Espressioni d’Arte”, Rassegna Italia Sas e Comune della Città Bianca fa partire un tour nelle tre location con la guida di Giulio Marchioli design e critico d’Arte. Il tour prevede la visita con partenza alle 15:00 da Ostuni in pullman e rientro sempre a nella Città Bianca previsto per le 20:00.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400