Sabato 16 Febbraio 2019 | 18:17

NEWS DALLA SEZIONE

Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
BariSanità
Medicina «narrativa» Un corso per i medici

Medicina «narrativa» Un corso per i medici

 
TarantoLa manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Villa Castelli

«Io corrompo i CC». Per portarla a letto millanta e minaccia

Pur di riuscire a convincere una donna, peraltro (felicemente) sposata, ad intrecciare una relazione con lui è arrivato persino a millantare di essere una persona così influente da poter corrompere i carabinieri

«Io corrompo i CC». Per portarla a letto millanta e minaccia

VILLA CASTELLI - Pur di riuscire a convincere una donna, peraltro (felicemente) sposata, ad intrecciare una relazione con lui è arrivato persino a millantare di essere una persona così influente da poter corrompere i carabinieri.

Evidentemente non era vero, dato che proprio i militari dell’Arma lo hanno arrestato. L’altro ieri un 44enne di Villa Castelli, di cui gli investigatori non hanno reso note le generalità nell’unica ottica di tutelare la vittima delle persecuzioni, è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. L’uomo, che è accusato di tentata estorsione, danneggiamento seguito da incendio e atti persecutori, è stato rinchiuso nel carcere di Brindisi.

Uno stalker infaticabile. Dal 2016, quando si è follemente invaghito di quella donna, il 44enne ha iniziato a perseguitare l’oggetto dei suoi desideri.

“Nello specifico – si legge nel provvedimento cautelare emesso dal gip del Tribunale di Brindisi su richiesta della Procura del capoluogo –, il 44enne ha monitorato costantemente la presenza della donna all’interno della sua abitazione, nonché in più circostanze si è appostato nelle adiacenze del luogo di lavoro della stessa al fine di incontrarla, per poi successivamente seguirla con la propria autovettura. Numerosi sono stati i messaggi. Infatti, è stata acquisita una cartella contenente ben 169 messaggi inviati sul suo telefono da quello in uso all’uomo, senza contare le telefonate ricevute quotidianamente dalla vittima, nel corso delle quali lo stalker ha millantato di essere un uomo potente al punto da poter corrompere i carabinieri, nonché di essere in possesso di informazioni private relative alla donna, il tutto finalizzato ad incontrarla per avere con lei rapporti di natura sessuale. Nel corso della vicenda non sono mancate molestie e gravi minacce telefoniche, anche di morte. Tale stato di cose ha gettato la vittima in un grave e perdurante stato di ansia e prostrazione, per il fondato timore che il molestatore potesse attentare alla sua incolumità e a quella della sua famiglia”.

VILLA CASTELLI - Alla fine la vittima delle persecuzioni ha trovato il coraggio di denunciare quello che le stava succedendo ai carabinieri. Al maresciallo ha “confessato” che, nel mezzo di una crisi coniugale, aveva intrecciato un rapporto di “confidenza” con il 44enne, un “uomo pericoloso”.

“Sintomatico – hanno reso noto gli investigatori – al riguardo un episodio risalente al 2016: il 44enne, dopo varie insistenze, ha collocato sul davanzale della finestra dell’abitazione della donna due boccette di sedativi intimandole tramite sms di prenderle. In precedenza aveva insistito affinché somministrasse al marito alcune gocce di quel medicinale da mescolare agli alimenti caldi. Le gocce sarebbero servite a farlo dormire e consentire alla donna di uscire liberamente per incontrarsi. Il contenuto delle boccette è risultato possedere un intenso effetto soporifero”.

A tutto questo si sommano gli incendi – tre – delle auto usate dalla donna e dal marito per recarsi al lavoro, “eventi avvenuti nell’arco temporale degli ultimi cinque mesi”.

“La condotta stalkizzante – concludono i CC –era finalizzata al solo scopo di costringere la donna ad incontrarlo per fini sessuali”.

Mimmo Mongelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400