Lunedì 27 Gennaio 2020 | 04:17

NEWS DALLA SEZIONE

In piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
Una 50enne romena
Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

 
Le dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
L'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
Nel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, trovati morti in casa: si sono uccisi a coltellate dopo una lite

 
Nel Brindisino
Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

 
L'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
nel brindisino
Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

 
Il caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Operazione della Polizia
Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

 
Nel Brindisino
Fasano, ha il divieto di avvicinamento e incendia auto degli amici dell'ex compagna: arrestato

Fasano, incendiava auto degli amici dell'ex compagna: arrestato stalker

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato. Alle 15 la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatESERCITO
Barletta, tutti di corsa per la "Toro Ten"1.300 partecipano alla gara con le stellette

Barletta, tutti di corsa per la «Toro Ten»
1.300 partecipano alla gara con le stellette

 
HomeLa tragedia
San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

 
HomeAggressione
Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

 
BrindisiIn piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
PotenzaCittà europea dello sport 2021
Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

Al «Ferraris», evitano la sanzione

Studenti imbrattano l’aula
poi la ridipingono a loro spese

La preside: «Consapevolmente cittadini», Per evitare la punizione, si tassano e rimettono a nuovo la classe

Imbrattano l’aula, poi la ridipingono a loro spese

Si «auto sanzionano» dopo aver imbrattato il muro di una classe e anzichè accettare la classica punizione conseguente, dopo aver dimostrato « un serio pentimento», si rimboccano le maniche e ridipingono la classe.

«Questa volta la preside “di ferro”, come i ragazzi appellano il Dirigente scolastico dell’Ipsia “G. Ferraris” Rita Ortenzia De Vito, si è lasciata intenerire dai buoni propositi dei ragazzi, ben motivati ad evitare una sospensione che avrebbe compromesso l’anno scolastico, con attività a vantaggio degli ambienti scolastici». A raccontare la storia è la stessa dirigente: «Tutto ha origini da un sopralluogo della preside nelle aule di via Adamello, dal quale emerge, nella classe 3^ BI, una condizione indecente delle pareti, prese dai ragazzi come una superficie su cui sperimentare nuove tecniche di astrattismo grafico. Alla comunicazione del Dirigente di un immediato Consiglio di classe che avrebbe deliberato sonore sanzioni per l’intera classe, gli studenti, prontamente, con aria di contrito pentimento, avendo riconosciuto l’errore e pronti e solerti a rimediare, propongono al Dirigente di concedere loro due ore dell’attività didattica per rimediare al danno e ripristinare decoro e pulizia nell’aula».

È nota la rigidità e l’intransigenza della preside De Vito di fronte ad azioni che esprimono mancanza di rispetto per luoghi e persone, violazione delle regole, comportamenti borderline verso ogni forma di legalità. Ma in questa circostanza la Dirigente ha colto un grande segnale di maturità nei ragazzi: si sono offerti di acquistare pittura e pennelli, autotassandosi, ed espiare, in tal modo, la punizione che si preannunciava davvero pericolosa.

«La proposta dei ragazzi è stato un successo dei nostri metodi educativi – commenta la preside Rita De Vito – che non risparmiano opportunità di confronto, riscatto morale e sociale, propositività e incoraggiamento alla sfida e al coraggio; quando però i ragazzi sbagliano vengono puniti e portati a riconoscere l’errore, senza alcun margine, se non una scelta della sanzione calibrata sulla gravità del caso; ma pur sempre una sanzione. Contro ogni campagna mediatica dissacrante che demolisce le giovani generazioni, come indolenti, irresponsabili, ignoranti, analfabeti funzionali, incapaci di rielaborazione emotiva e malati di ineducazione sentimentale, la scuola può ancora agire per contrastare questo dilagante luogo comune che rischia di innescare un meccanismo vizioso di emulazione negativa. C’è tanta scuola che applica le regole, che ha sposato “I no che aiutano a crescere” come insegna Paolo Crepèt, che è vicina a tanti genitori incapaci di fronteggiare l’emergenza educativa, che denuncia alle autorità giudiziarie chi sbaglia, che pur in balia di una solitudine istituzionale, data l’assenza di un sistema assistenziale di sostegno all’Istruzione, non si rassegna e afferma il proprio ruolo sociale, di rieducazione e di accompagnamento a diventare consapevolmente cittadini. E questa scuola è l’Ipsia “G. Ferraris” di Brindisi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie