Venerdì 26 Aprile 2019 | 11:44

NEWS DALLA SEZIONE

Nessun ferito
Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: fermato

Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: fermato

 
L'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiA francavilla fontana
In casa merce rubata e 2 pincher denutriti: denunciata coppia

In casa merce rubata e 2 pincher denutriti: denunciata coppia

 
GdM.TVNel barese
Scarafaggi in mulino ad Altamura, sequestrate 16 tonnellate di prodotti

Scarafaggi in mulino ad Altamura, sequestrate 16 tonnellate di prodotti

 
BatNessun ferito
Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: fermato

Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: fermato

 
PotenzaÈ ancora minorenne
Violentata per 9 anni dal papà e dal nonno: orrore nel Potentino

Violentata per 9 anni dal papà e dal nonno: orrore nel Potentino

 
LecceIl provvedimento
Lecce, prime multe per rifiuti organici nei sacchi di plastica

Lecce, prime multe per rifiuti organici nei sacchi di plastica

 
FoggiaNel foggiano
Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: morto cittadino straniero

Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: muore carbonizzato 26enne gambiano
Salvini: «Via grandi insediamenti»

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

trani

Ambulatorio sociale
dono di papa Francesco

Dalla Santa Sede un contributo di 5000 euro

Ambulatorio sociale dono di papa Francesco

Nico Aurora

Trani - «San Giuseppe Moscati, nella sua stanza, aveva una sedia con un cappello sul quale era posta una scritta: “Chi ha metta, chi non ha prenda.” Naturalmente il cappello era sempre pieno». Si è servito di questa citazione il parroco dello Spirito Santo, don Mimmo Gramegna, per porre in risalto il gesto della Santa Sede di destinare 5000 euro al nascente ambulatorio medico sociale presso l’area parrocchiale dello stesso Spirito Santo, in via Tolomeo, che sarà intitolato al Medico Santo.

Lo ha comunicato lo stesso don Mimmo, l’altra sera, in apertura del concerto di Capodanno tenutosi in cattedrale, eseguito dalla Grande orchestra Italiana a cura di Fondazione Seca, Basilica cattedrale e Comune di Trani. Introdotto dal rettore della cattedrale, don Nicola Maria Napolitano, Gramegna ha fatto sapere di avere recentemente inviato una lettera a Papa Francesco, presentando progetto e spirito dell’ambulatorio intitolato a San Giuseppe Moscati, e ricevendo in cambio una missiva di conferma di un contributo che, unito alle offerte che arriveranno dalla comunità parrocchiale e da tutta la città, anche grazie al lavoro dell’associazione Orizzonti, potranno contribuire a rendere sempre più spedito l’iter per la costruzione di un nuovo punto di riferimento in favore di soggetti con disagio fisico e sociale.

Recentemente è stata posta la prima pietra del centro, il 2018 sarà l’anno dell’inizio vero e proprio dei lavori. Questi i servizi che il poliambulatorio Moscati fornirà ai pazienti; medicina polispecialistica; infermeria; assistenza farmaceutica; indagini strumentali a supporto dell’attività medica specialistica. Tutte le prestazioni saranno eseguite all’interno della struttura ambulatoriale ed effettuate da personale medico e/o infermieristico. Per esami più complessi il personale sanitario, previa comunicazione, invierà i propri pazienti al vicino presidio ospedaliero. L’accesso ai servizi sarà regolato da un programma informatico elaborato ad hoc, con annessa “carta sanitaria elettronica” che ne gestirebbe la coerenza dei flussi sanitari.

Il costo orientativo per la realizzazione dell’opera, è 150mila euro, ma la somma destinata dal Vaticano, quale contributo alla sua edificazione, è una grande iniezione di fiducia per tutti coloro - e sono davvero tanti - che credono fortemente nell’avvento di questo nuovo punto di riferimento sociale, voluto fortemente, peraltro, proprio dal compianto vescovo, monsignor Giovan Battista Pichierri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400