Lunedì 18 Gennaio 2021 | 06:16

NEWS DALLA SEZIONE

Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 
Paura in città
Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

 
Storie
Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

 
Teatro
Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

 
Agroalimentare
Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

 
L'inchiesta
Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

 

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
FoggiaIl caso
Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Sentenza

Trani, truffa fondi europei. Dissequestrati i soldi

Restituito agli agricoltori il denaro dei presunti illeciti

Trani, truffa fondi europei. Dissequestrati i soldi

TRANI - Il Tribunale del Riesame delle Misure Reali di Trani ha annullato il decreto di sequestro preventivo di 380mila euro a carico di 14 imprenditori agricoli di Minervino Murge (13 persone ed una cooperativa) e di 2 funzionari comunali emesso dal giudice per le indagini preliminari Maria Grazia Caserta nell’ambito dell’inchiesta su presunte truffe ai danni dell’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura: l’ente che eroga al comparto agricolo finanziamenti dell’Unione Europea. Il sequestro fu eseguito il 17 aprile dalla Guardia di Finanza di Andria, che, secondo quanto si leggeva in una nota, eseguì sequestri per 300mila euro.
La stessa che è stata incaricata del dissequestro disposto dal collegio tranese del Riesame: presidente Giulia Pavese, giudice a latere Paola Buccelli, relatore Filomena Sara De Rosa.

Secondo l’accusa sostenuta dal pubblico ministero Giuseppe Aiello che chiese il sequestro (ereditò le indagini della collega Silvia Curione ora alla Procura di Bari) le dichiarazioni necessarie per ottenere i contributi gestiti dall’AGEA si sarebbero basate su certificazioni false, con la presunta complicità di funzionari comunali. I conduttori originari, assegnatari di terreni di proprietà comunale concessi in locazione dal 1976, non avrebbero ottemperato al rilascio dei fondi. Grazie alle presunte condotte omissive dei funzionari comunali (pubblici ufficiali), che non avrebbero intrapreso azioni legali per far rientrare il Comune nel possesso dei terreni, si sarebbe consentito ad interi nuclei familiari di far indebitamente affidamento sulla possibilità di continuare a detenere i fondi in violazione della normativa sugli usi civici. Sarebbe così stata sfruttata la fittizia disponibilità dei fondi per conseguire indebiti contributi da parte dell’UE, tramite i Centri di Assistenza Agricola (CAA).

Dunque, 14 conduttori-affittuari di quote comunali di demanio, seppur destinatari di disdetta da parte del Comune, avrebbero continuato a detenere i fondi comunale senza titolo autorizzativo. E per dimostrare falsamente il requisito giuridico della disponibilità dei terreni avrebbero ottenuto da funzionari comunali falsi attestati di conduzione di quote comunale a fronte della corresponsione di un irrisorio canone annuale. Poi avrebbero inoltrato all’AGEA le domande di aiuto all’agricoltura per le campagne 2016-17-18 ottenendo contributi per oltre 380 mila euro complessivi.

Diciotto gli indagati, a vario titolo sono contestati i reati di falso ideologico e truffa, nell’ambito dell’inchiesta battezzata “Common Land” (Terra Comune): Antonio Calamita Di Tria, Sabatina Calamita Di Tria, Angelo Carlone, Giuseppe Carlone, Michele Chieppa, Francesco Di Forenza, Giuseppe Di Palma, Michele Di Tria, Antonio Loreto, Quintino Lotito, Annamaria Maggiulli, Michele Maggiulli, Salvatore Maggiulli, Cooperativa a r.l. Verde Murgia, tutti “esercenti attività agricole”; nonchè i funzionari/pubblici ufficiali del Comune di Minervino Murge Giuseppe Mastropasqua, responsabile del settore tributi patrimonio ed attività produttive, Rosa Maria Anna Tursi, responsabile dell’ufficio imposte e tasse, Luigi Mazzone e Vincenzo Nezi, rispettivamente responsabile dell’ufficio agricoltura e capo servizio del quinto settore agricoltura.

Tranne che per gli ultimi due, il gip dispose “il decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca di beni mobili ed immobili”, ora annullato e le cui motivazioni saranno depositate nei prossimi 30 giorni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie