Venerdì 05 Giugno 2020 | 18:58

NEWS DALLA SEZIONE

I dati
Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

 
Il nuovo presidio ospedaliero
sarà realizzato in zona Macchie di rosa

Andria, un altro passo in avanti per la realizzazione del nuovo ospedale

 
Solidarietà
Barletta, l'imprenditore Crescente dona 21mila euro alla Asl Bt con l'iniziativa «uscirne si può»

Barletta, imprenditore batte il Covid 19 e dona all'Asl Bat 21mila euro

 
l'agguato
Trinitapoli, omicidio in via dei Mulini: 43enne freddato da colpi di pistola

Trinitapoli, ucciso con 3 colpi di pistola in pieno volto: forse guerra tra clan

 
dopo il lockdown
Bisceglie, appello ai turisti: «venite qui in vacanza»

Bisceglie, l'appello ai turisti: «Venite qui in vacanza»

 
nella bat
Bisceglie, 16enne picchiato in piazza durante una rissa: naso rotto, indagano i cc

Bisceglie, 16enne picchiato in piazza durante una rissa: naso rotto, indagano i cc

 
Nel Nord Barese
Trani porto

Trani, stop alla movida irresponsabile

 
Il caso
Rssa «Bilanzuoli» di Minervino

Minervino, anziani abbandonati: chiusa pure la Rsa «Bilanzuoli»

 
la scoperta della GdF
Gel «non igienizzante» venduto in tutta Italia: sequestri e denunce a Trani

Gel «non igienizzante» venduto in tutta Italia: sequestri e denunce a Trani

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaEdilizia
San Giovanni Rotondo, l'Arca consegna 18 alloggi. Emiliano: «Casa è sinonimo di dignità»

San Giovanni Rotondo, l'Arca consegna 18 alloggi. Emiliano: «Casa è sinonimo di dignità»

 
Brindisiterapia Covid
Brindisi, al «Perrino» prime 2 donazioni di plasma iperimmune

Brindisi, al «Perrino» prime 2 donazioni di plasma iperimmune

 
LecceCoronavirus
Soleto, anziana di nuovo malata di Covid dopo 4 tamponi negativi

Soleto, anziana di nuovo malata di Covid dopo 4 tamponi negativi

 
Potenzafase 3
Basilicata, piattaforma online per autosegnalazioni di lucani che tonano in regione

Basilicata, piattaforma online per autosegnalazioni di lucani che tonano in regione

 
BariI dati
Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

 
Tarantomobilità sostenibile
Taranto prima in Puglia nella graduatoria: 800mila euro per piste ciclopedonali

Taranto prima in Puglia nella graduatoria: 800mila euro per piste ciclopedonali. Stanziati 13,8 mln dalla Regione

 
BatIl nuovo presidio ospedaliero
sarà realizzato in zona Macchie di rosa

Andria, un altro passo in avanti per la realizzazione del nuovo ospedale

 

i più letti

il caso

InnovaPuglia, nessun abuso per Emiliano con la nomina del sindaco di Bisceglie

La Procura chiede l'archiviazione. Restano le accuse di Spina

InnovaPuglia, nessun abuso per Emiliano con la nomina del sindaco di Bisceglie

Michele Emiliano non ha compiuto alcun abuso con la nomina di Francesco Spina nel consiglio di amministrazione di InnovaPuglia. Ne è convinta la Procura di Bari, che ha chiesto l’archiviazione del fascicolo aperto lo scorso anno a carico del presidente della Regione e di un suo dirigente. A rischiare il processo, con l’accusa di falso ideologico, resta solo l’ex sindaco di Bisceglie, cui nelle scorse settimane è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini: secondo il pm Chiara Giordano, nell’attestare le cause di inconferibilità dell’incarico Spina si sarebbe «dimenticato» di scrivere che era primo cittadino di Bisceglie, modificando la dichiarazione dopo che la vicenda è stata raccontata in un articolo della «Gazzetta».

Il 18 dicembre – a causare la discovery degli atti è stata la notifica dell’avviso di conclusione che normalmente prelude alla richiesta di rinvio a giudizio – la Procura ha proceduto allo stralcio della posizione di Emiliano e di un dirigente della Regione, Nicola Lopane (difeso dall’avvocato Michele Laforgia), con l’obiettivo di chiedere l’archiviazione dell’ipotesi di abuso di ufficio per aver violato il decreto legge Severino (che proibisce la nomina in società pubbliche prima che siano trascorsi due anni dalla cessazione della carica di sindaco). L’accusa ha probabilmente valorizzato sia la mancanza dell’elemento psicologico (Emiliano e il dirigente erano sicuramente in buona fede al momento della nomina), sia il parere che l’Anac ha espresso su Spina dopo l’esposto dei consiglieri regionali M5S: l’allora primo cittadino di Bisceglie – aveva scritto l’Anticorruzione di Cantone – non aveva poteri di amministrazione e dunque non era in situazione di inconferibilità. La Finanza, però, ha documentato nell’indagine che per lunghi mesi Spina ha di fatto sostituito il presidente di InnovaPuglia (che si era dimesso), occupandosi di gare d’appalto.

Spina dovrà dunque rispondere di falso ideologico. Al momento dell’accettazione della nomina, il 2 agosto 2017, ha reso una dichiarazione di inconferibilità in cui erano riportate due precedenti elezioni a sindaco ma non la legislatura in corso (Spina è stato dichiarato decaduto a fine agosto 2017). L’avvocato di Bisceglie ha poi depositato una seconda dichiarazione il 16 agosto (in cui <sindaco di Bisceglie> è aggiunto in calce a matita) e un’altra ancora– è detto nell’avviso di conclusione dell’indagine - dopo la pubblicazione on-line di un articolo della <Gazzetta> a proposito dell’intervento della Corte dei conti. Spina (difeso dall’avvocato Mario Malcangi) ha chiesto come suo diritto di essere sentito: dovrebbe essere interrogato dal pm il 30 gennaio.

Già nei mesi scorsi, il governatore Emiliano ha definito <regolarissimo> l’iter che ha portato alla nomina di Spina.

«L'inconferibilità – aveva detto - è stata esclusa dall’Anac e dagli uffici del gabinetto del presidente perché Spina è un semplice consigliere di amministrazione senza deleghe. Il reato contestatomi tecnicamente non sussiste, i reati che sussistono ed anzi si ripetono (e che sono stati da me già denunziati al Procuratore della Repubblica), sono quelli dei pubblici ufficiali che veicolano notizie coperte dal segreto istruttorio, che poi vengono diffuse, determinando una rivelazione del segreto di ufficio e conseguentemente un danno alla mia immagine». Emiliano è indagato sempre a Bari con l’accusa di abuso d’ufficio, induzione indebita e false fatture nell’ambito dell’inchiesta sui finanziamenti alle primarie Pd del 2017, mentre a Foggia risponde di corruzione in merito alla nomina (mai avvenuta) del commissario della Asp di Chieuti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie