Martedì 07 Luglio 2020 | 16:00

NEWS DALLA SEZIONE

per i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
tecnologia
Barletta, il colosso Arè «rivive» in 3d

Barletta, il colosso Arè «rivive» in 3d

 
nella bat
Bisceglie, insulti e lancio di sassi a uomo disabile: misure cautelari per 3 giovanissimi

Bisceglie, insulti e lancio di sassi a uomo disabile: misure cautelari per 3 giovanissimi

 
Amministrative
Andria, Marmo corre da solo e rispolvera la civica di Tatarella

Andria, Marmo corre da solo e rispolvera la civica di Tatarella

 
Amministrative
Andria, Centrosinistra compatto con Giovanna Bruno

Andria, centrosinistra compatto con Giovanna Bruno

 
nel nordbarese
Mafia, droga e armi: sgominata banda a Trinitapoli, 12 misure cautelari

Mafia, droga e armi: sgominata banda a Trinitapoli,12 arresti VD

 
Il processo
Giustizia svendita a Trani, parla il carabiniere da cui partirono le indagini

Giustizia svendita a Trani, parla il carabiniere da cui partirono le indagini

 
«Sistema Trani»
Lecce, processo ai giudici .«Così nacque l’inchiesta»

Giustizia svenduta: processo ai magistrati, Nardi ai domiciliari a casa della madre

 
Giustizia
Trani, carcere femminile: serve subito una nuova sede

Trani, carcere femminile: serve subito una nuova sede

 
In Località Fiumara
Barletta, tragedia in mare 43enne muore dopo aver salvato la figlia

Barletta, tragedia in mare 43enne muore dopo aver salvato la figlia

 

Il Biancorosso

Serie C
Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batper i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
Tarantoambiente
Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

 
Baria polignano
Costa Ripagnola, secondo rinvio per l'istituzione del Parco

Costa Ripagnola, secondo rinvio per l'istituzione del Parco

 
Foggial'episodio a giugno
Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

 
Brindisitra carovigno e brindisi
In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

 
MateraIl caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 
PotenzaRandagismo
Potenza, adotti Fido e gli dai un tetto? Meno tasse e una card-bonus

Potenza, adotti Fido e gli dai un tetto? Meno tasse e una card-bonus

 

i più letti

tragedia nella bat

Canosa, auto contro edificio, 26enne sbalzato fuori: morto sul colpo

Si chiamava Giuseppe Caliendo: ancora da definire le cause del fortissimo impatto

Canosa, auto contro edificio, 26enne sbalza fuori: morto sul colpo

CANOSA - È il pianto lamentoso e inconsolabile di alcuni amici colpiti dal dolore a rompere il silenzio di una maledetta notte di sangue e disperazione. Da dimenticare. Erano da poco trascorse le due quando uno schianto terribile, violentissimo, ha disintegrato la vita di Giuseppe Caliendo, 26enne di Canosa (Bt), morto sul colpo dopo essere sbalzato all’esterno dell’abitacolo della Kia «Picanto» nera sulla quale viaggiava.

Cosa sia successo nessuno, per il momento, può confermarlo. Forse la velocità, forse una disattenzione, forse un maledetto imprevisto. Qualunque sia stata la causa, però, quella che si è consumata la scorsa notte, l’ennesima sciagura stradale che ha distrutto una giovane vita. L’incidente sul quale stanno indagano i carabinieri, è avvenuto alla periferia di Canosa, all’altezza dell’incrocio tra via Imbriani e via Murgetta. L’auto, guidata dal giovane canosino, ha impattato violentemente contro lo spigolo di un edificio. In gran parte del paese si è avvertito un vero e proprio boato e c’è chi ha pensato all’ennesima bomba scoppiata in piena notte. Giuseppe Caliendo è stato sbalzato fuori e per lui non c’è stato nulla da fare.

Sul posto, oltre ai carabinieri, sono intervenuti anche i vigilanti della «Vegapol» che hanno dato manforte ai militari per delimitare l’intera zona dagli amici di Giuseppe e dai tanti curiosi che si sono riversati in strada. Per un'assurda coincidenza, anche il fratello del 26enne canosino, Gabriele Caliendo, nel 2006 rimase vittima di un altro incidente stradale. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie