Venerdì 10 Aprile 2020 | 09:04

NEWS DALLA SEZIONE

sport
Barletta, «Stop e niente gare ma c’è lo streaming»

Barletta, parla campionessa di scacchi: «Stop e niente gare ma c’è lo streaming»

 
Opere pubbliche
Barletta. «Ma quei silos sono patrimonio di tutti»

Barletta, «Ma quei 22 silos sono patrimonio di tutti»

 
il racconto
Barletta, «Così il mio parto al tempo del Covid 19»

Barletta: «Ecco il mio parto al tempo del Covid-19», papà e nonna in auto

 
L'iniziativa
Trani, su Fb i libri si leggono in lingua originale: l'idea virale di una libreria

Trani, su Fb i libri si leggono in lingua originale: l'idea virale di una libreria

 
LA SITUAZIONE NELLA BAT
 Canosa, ospedale «Post Acuzie»

Coronavirus Canosa, città in preda alla paura: sono 37 i «positivi» nella Rsa

 
L'idea
Barletta, #Uscirnesipuò parte l’asta di beneficenza anti Covid-19

Barletta, #Uscirnesipuò parte l’asta di beneficenza anti Covid-19

 
L'episodio
Coronavirus, da Trani a Molfetta a piedi: bloccato dai vigili urbani

Coronavirus, da Trani a Molfetta a piedi: bloccato dai vigili urbani

 
emergenza coronavirus
Andria, attivo al «Bonomo» servizio di telecardiologia

Andria, attivo al «Bonomo» servizio di telecardiologia

 
L'altra emergenza sociale
Barletta, «Donne liberatevi dalla violenza»

Barletta, «Donne liberatevi dalla violenza»

 
L'idea - consegna a domicilio
«Niente abbracci? Allora: Damm nu ves»

«Niente abbracci? Allora: Damm nu ves»

 

Il Biancorosso

L’iniziativa
«Museo del Bari» mette le maglie all’asta

«Museo del Bari» mette le maglie all’asta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccel'operazione
Lecce, GdF sequestra 27mila flaconi di gel igienizzante prodotto nel 1989 e rivenduto

Lecce, GdF sequestra 27mila flaconi di gel igienizzante prodotto nel 1989 e rivenduto

 
BariLa sinergia
Tecnologia, al Politecnico di Bari l'Innovation Hub di Terna

Tecnologia, al Politecnico di Bari l'Innovation Hub di Terna

 
FoggiaStorie di ordinario coraggio
Foggia, due sorelle nel reparto Covid della Casa Sollievo: «Nel dolore abbiamo trovato la speranza»

Foggia, due sorelle nel reparto Covid della Casa Sollievo: «Nel dolore abbiamo trovato la speranza»

 
TarantoSanità
Covid 19 a Taranto, Melucci: «Piano ospedaliero Puglia? È fragile»

Covid 19 a Taranto, Melucci: «Piano ospedaliero Puglia? È fragile»

 
PotenzaLa lettera
Potenza, la scuola al tempo del Covid, parla un'alunna «Grazie prof, senza di voi saremmo persi»

Potenza, la scuola al tempo del Covid, parla un'alunna «Grazie prof, senza di voi saremmo persi»

 
MateraImmagini del «belpaese»
Bernalda, Ford Coppola sogna l’Italia e spegne 81 candeline

Bernalda, Ford Coppola sogna l’Italia e spegne 81 candeline

 
BrindisiSi teme un focolaio in carcere
Brindisi, in quarantena 9 agenti di Polizia penitenziaria

Brindisi, in quarantena 9 agenti di Polizia penitenziaria

 
Batsport
Barletta, «Stop e niente gare ma c’è lo streaming»

Barletta, parla campionessa di scacchi: «Stop e niente gare ma c’è lo streaming»

 

i più letti

tragedia nella bat

Canosa, auto contro edificio, 26enne sbalzato fuori: morto sul colpo

Si chiamava Giuseppe Caliendo: ancora da definire le cause del fortissimo impatto

Canosa, auto contro edificio, 26enne sbalza fuori: morto sul colpo

CANOSA - È il pianto lamentoso e inconsolabile di alcuni amici colpiti dal dolore a rompere il silenzio di una maledetta notte di sangue e disperazione. Da dimenticare. Erano da poco trascorse le due quando uno schianto terribile, violentissimo, ha disintegrato la vita di Giuseppe Caliendo, 26enne di Canosa (Bt), morto sul colpo dopo essere sbalzato all’esterno dell’abitacolo della Kia «Picanto» nera sulla quale viaggiava.

Cosa sia successo nessuno, per il momento, può confermarlo. Forse la velocità, forse una disattenzione, forse un maledetto imprevisto. Qualunque sia stata la causa, però, quella che si è consumata la scorsa notte, l’ennesima sciagura stradale che ha distrutto una giovane vita. L’incidente sul quale stanno indagano i carabinieri, è avvenuto alla periferia di Canosa, all’altezza dell’incrocio tra via Imbriani e via Murgetta. L’auto, guidata dal giovane canosino, ha impattato violentemente contro lo spigolo di un edificio. In gran parte del paese si è avvertito un vero e proprio boato e c’è chi ha pensato all’ennesima bomba scoppiata in piena notte. Giuseppe Caliendo è stato sbalzato fuori e per lui non c’è stato nulla da fare.

Sul posto, oltre ai carabinieri, sono intervenuti anche i vigilanti della «Vegapol» che hanno dato manforte ai militari per delimitare l’intera zona dagli amici di Giuseppe e dai tanti curiosi che si sono riversati in strada. Per un'assurda coincidenza, anche il fratello del 26enne canosino, Gabriele Caliendo, nel 2006 rimase vittima di un altro incidente stradale. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie