Martedì 17 Settembre 2019 | 04:32

NEWS DALLA SEZIONE

L'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 
La lite
Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

 
La difesa
Andria, ucciso per mancata precedenza, il presunto killer: «Si è scagliato e ha urtato il coltellino»

Andria, ucciso per mancata precedenza, il presunto killer: «Si è scagliato e ha urtato il coltellino»

 
Nel nordbarese
Barletta, 17enne con marijuana e cocaina in casa: arrestato

Barletta, 17enne con marijuana e cocaina in casa: arrestato

 
Nel Nordbarese
Andria, nega precedenza e viene accoltellato davanti a moglie e figlia: muore 28enne

Andria, nega precedenza, muore accoltellato davanti a moglie e figlio Fermato 50enne

 
Il campione
Mennea, a 40 anni dal record i numeri e le curiosità sul barlettano che ha cambiato la storia della corsa

Mennea, a 40 anni dal record i numeri e le curiosità sul barlettano

 
Giustizia svenduta
Trani, magistrati arrestati: anche Nardi pronto a dire la sua verità

Trani, magistrati arrestati: anche Nardi pronto a dire la sua verità

 
L'inchiesta continua
Trani, «Giustizia svenduta»: ora Stato e Avvocatura chiedono i danni

Trani, «Giustizia svenduta»: ora Stato e Avvocatura chiedono i danni

 
Il caso
Margherita di Savoia, rete da pesca a strascico in mare per sfuggire ai controlli: recuperata

Margherita di Savoia, rete da pesca a strascico in mare per sfuggire ai controlli: recuperata

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari pensa in grande, la Reggina per volare

Bari pensa in grande, la Reggina per volare

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLotta alla droga
Cagnano Varano, spunta piantagione di 100 piante di marijuana: arrestato 56enne

Cagnano Varano, spunta piantagione di 100 piante di marijuana: arrestato 56enne

 
BariIl bando
Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

 
MateraNel Materano
Frana Pomarico, Bardi: «In arrivo un piano specifico per le nuove case»

Frana Pomarico, Bardi: «In arrivo un piano specifico per le nuove case»

 
Tarantonel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
LecceLa tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
BatL'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 
PotenzaLa challenge
Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

 
BrindisiL'omicidio
Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: domani i funerali

Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: oggi i funerali

 

i più letti

L'inchiesta continua

Trani, «Giustizia svenduta»: ora Stato e Avvocatura chiedono i danni

Oggi l’udienza preliminare sulle vicende che hanno portato all’arresto di nardi e savasta

Giustizia svenduta a Trani, un avvocato sotto procedimento disciplinare a Bari

TRANI - La presidenza del Consiglio dei ministri chiederà i danni ai magistrati accusati di far parte del cosiddetto «Sistema Trani». Stamattina, nell’udienza preliminare che si apre a Lecce davanti al gup Cinzia Vergine, l’Avvocatura dello Stato si costituirà parte civile nei confronti dell’ex gip Michele Nardi, dell’ex pm Antonio Savasta e del giudice Luigi Scimè (tuttora in servizio), i primi due accusati di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari, oltre che – a vario titolo – di concussione, millantato credito, estorsione, truffa aggravata e minacce, mentre Scimè risponde «solo» di corruzione in atti giudiziari.

I pm Roberta Licci e Giovanni Gallone hanno chiesto il processo per dieci persone tra cui, per il momento, non figura Flavio D’Introno, l’imprenditore che rappresenta la figura chiave della vicenda: il 46enne coratino, un poliedrico personaggio che continua a frequentare locali vip e resort di lusso (gli stessi in cui ha raccontato di aver portato a proprie spese Nardi e Savasta), ha confessato di aver pagato oltre due milioni di euro per cercare (invano) di salvarsi dai suoi problemi giudiziari, e il suo racconto ha consentito di far scattare gli arresti di gennaio. Ora, in questo troncone, potrà anche lui costituirsi parte civile e chiedere i danni, ma bisognerà capire l’orientamento della Procura nei suoi confronti (D’Introno resta indagato): se intenderà optare per un patteggiamento, oppure se chiederà il processo al termine dell’inchiesta che non è ancora conclusa e che in queste settimane è andata avanti con ulteriori accertamenti e riscontri.

Savasta, che ha confessato parlando per ore durante l’incidente probatorio e che per questo ha ottenuto gli arresti domiciliari, dovrebbe chiedere il giudizio abbreviato così da assicurarsi uno sconto di pena. Viceversa Nardi, che non ha mai aperto bocca ed è rimasto in carcere, opterà per il dibattimento ed ha già chiesto l’annullamento della proroga della custodia cautelare che scadrà comunque il 10 ottobre (salvo che non intervenga prima il rinvio a giudizio, nel qual caso ci sono ulteriori sei mesi). E’ in carcere anche l’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro, anche lui accusato – con Nardi, Savasta e l’avvocato barese Simona Cuomo (attualmente sospesa dalla professione) – di associazione per delinquere. Scimè dovrebbe optare per il giudizio abbreviato condizionato ad alcuni approfondimenti investigativi che il suo difensore, Mario Malcangi, aveva già chiesto in una memoria: la difesa chiederà anche l’interrogatorio del magistrato. Saranno molte le richieste di costituzione di parte civile: oltre a quella dell’Ordine degli avvocati di Trani, anche quella dell’imprenditore coratino Paolo Tarantini (avvocato Beppe Modesti) cui Nardi e Savasta – secondo l’accusa – avrebbero tolto 400mila euro per far sparire una falsa indagine per reati fiscali. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie