Domenica 05 Luglio 2020 | 19:16

NEWS DALLA SEZIONE

maltempo
Barletta, pomeriggio di allagamenti tra disagi e pericoli

Barletta, pomeriggio di allagamenti tra disagi e pericoli

 
La sentenza
Trani, Palazzo Telesio, arriva l'ordinanza per rimuovere il roofgarden

Trani, Palazzo Telesio, arriva l'ordinanza per rimuovere il roof-garden

 
Occupazione e salute
Fase 3, Asl Bat proroga tutti i contratti degli Oss fino a gennaio

Fase 3, Asl Bat proroga tutti i contratti degli Oss fino a gennaio

 
L’avviso «bis»
Trani, inchiesta sul Fortino: un altro indagato

Trani, inchiesta sul Fortino: un altro indagato

 
Criminalità
Andria, operazione antidroga 9 arresti: preparavano colpo al caveau di un'azienda

Andria, operazione antidroga 9 arresti: preparavano colpo al caveau di azienda

 
Nela bat
Margherita di Savoia, scoperta piantagione di cannabis vicino fiume Ofanto: arrestati 2 fratelli

Margherita di Savoia, scoperta piantagione di cannabis vicino fiume Ofanto: arrestati 2 fratelli

 
fase 3
Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

 
Ambiente
Barletta, verde e rifiuti senza regola al villaggio turistico Fiumara

Barletta, verde e rifiuti senza regola al villaggio turistico Fiumara

 
il sindacato
BAT, cambio al vertice della Fp Cgil: Ileana Remini è la nuova segretaria generale

BAT, cambio al vertice della Fp Cgil: Ileana Remini è la nuova segretaria generale

 
Verso il voto
Andria, Nino Marmo ha deciso: si candida a sindaco Pastore

Andria, Nino Marmo ha deciso: si candida a sindaco. Forza Italia: «Si ritiri, deve rispettare i patti»

 
In aula
Strage treni Andria-Corato, tecnici a pm: «Ben 146 errori come nel giorno del disastro»

Strage treni Andria-Corato, tecnici a pm: «Disastro sfiorato altre 146 volte»

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL’impegno civico
Giuseppe, primo da sinistra

Giuseppe, volontario precoce, sogna una Terlizzi superpulita

 
TarantoIl siderurgico
ArcelorMittal, sindaco di Taranto: «Valutiamo esposto su emissioni»

ArcelorMittal, sindaco di Taranto: «Valutiamo esposto su emissioni»

 
LecceSocial news
Gianni Morandi da Matera a Lecce: continua la vacanza del cantante al Sud

Gianni Morandi da Matera a Lecce: continua la vacanza del cantante al Sud

 
HomeLa tragedia
Femminicidio a Cerignola, una donna uccisa a colpi di pistola

Femminicidio a Cerignola, donna uccisa a colpi di pistola: fermato il marito

 
Batmaltempo
Barletta, pomeriggio di allagamenti tra disagi e pericoli

Barletta, pomeriggio di allagamenti tra disagi e pericoli

 
PotenzaSanità
Potenza, il gioco dell'oca delle prescrizioni: le strutture possono rifiutarle

Potenza, il «gioco dell'oca» delle prescrizioni: le strutture possono rifiutarle

 
MateraIl fenomeno
Marina di Pisticci, chiazze sullo Jonio, già scomparse. Al via gli accertamenti

Marina di Pisticci, chiazze sullo Jonio, già scomparse: al via gli accertamenti

 
BrindisiNel brindisino
Bruciati automezzi di una casa vinicola a Cellino San Marco

Cellino San Marco, bruciati automezzi di una casa vinicola

 

i più letti

L'inchiesta continua

Trani, «Giustizia svenduta»: ora Stato e Avvocatura chiedono i danni

Oggi l’udienza preliminare sulle vicende che hanno portato all’arresto di nardi e savasta

Giustizia svenduta a Trani, un avvocato sotto procedimento disciplinare a Bari

TRANI - La presidenza del Consiglio dei ministri chiederà i danni ai magistrati accusati di far parte del cosiddetto «Sistema Trani». Stamattina, nell’udienza preliminare che si apre a Lecce davanti al gup Cinzia Vergine, l’Avvocatura dello Stato si costituirà parte civile nei confronti dell’ex gip Michele Nardi, dell’ex pm Antonio Savasta e del giudice Luigi Scimè (tuttora in servizio), i primi due accusati di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari, oltre che – a vario titolo – di concussione, millantato credito, estorsione, truffa aggravata e minacce, mentre Scimè risponde «solo» di corruzione in atti giudiziari.

I pm Roberta Licci e Giovanni Gallone hanno chiesto il processo per dieci persone tra cui, per il momento, non figura Flavio D’Introno, l’imprenditore che rappresenta la figura chiave della vicenda: il 46enne coratino, un poliedrico personaggio che continua a frequentare locali vip e resort di lusso (gli stessi in cui ha raccontato di aver portato a proprie spese Nardi e Savasta), ha confessato di aver pagato oltre due milioni di euro per cercare (invano) di salvarsi dai suoi problemi giudiziari, e il suo racconto ha consentito di far scattare gli arresti di gennaio. Ora, in questo troncone, potrà anche lui costituirsi parte civile e chiedere i danni, ma bisognerà capire l’orientamento della Procura nei suoi confronti (D’Introno resta indagato): se intenderà optare per un patteggiamento, oppure se chiederà il processo al termine dell’inchiesta che non è ancora conclusa e che in queste settimane è andata avanti con ulteriori accertamenti e riscontri.

Savasta, che ha confessato parlando per ore durante l’incidente probatorio e che per questo ha ottenuto gli arresti domiciliari, dovrebbe chiedere il giudizio abbreviato così da assicurarsi uno sconto di pena. Viceversa Nardi, che non ha mai aperto bocca ed è rimasto in carcere, opterà per il dibattimento ed ha già chiesto l’annullamento della proroga della custodia cautelare che scadrà comunque il 10 ottobre (salvo che non intervenga prima il rinvio a giudizio, nel qual caso ci sono ulteriori sei mesi). E’ in carcere anche l’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro, anche lui accusato – con Nardi, Savasta e l’avvocato barese Simona Cuomo (attualmente sospesa dalla professione) – di associazione per delinquere. Scimè dovrebbe optare per il giudizio abbreviato condizionato ad alcuni approfondimenti investigativi che il suo difensore, Mario Malcangi, aveva già chiesto in una memoria: la difesa chiederà anche l’interrogatorio del magistrato. Saranno molte le richieste di costituzione di parte civile: oltre a quella dell’Ordine degli avvocati di Trani, anche quella dell’imprenditore coratino Paolo Tarantini (avvocato Beppe Modesti) cui Nardi e Savasta – secondo l’accusa – avrebbero tolto 400mila euro per far sparire una falsa indagine per reati fiscali. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie