Mercoledì 08 Luglio 2020 | 06:20

NEWS DALLA SEZIONE

per i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
tecnologia
Barletta, il colosso Arè «rivive» in 3d

Barletta, il colosso Arè «rivive» in 3d

 
nella bat
Bisceglie, insulti e lancio di sassi a uomo disabile: misure cautelari per 3 giovanissimi

Bisceglie, insulti e lancio di sassi a uomo disabile: misure cautelari per 3 giovanissimi

 
Amministrative
Andria, Marmo corre da solo e rispolvera la civica di Tatarella

Andria, Marmo corre da solo e rispolvera la civica di Tatarella

 
Amministrative
Andria, Centrosinistra compatto con Giovanna Bruno

Andria, centrosinistra compatto con Giovanna Bruno

 
nel nordbarese
Mafia, droga e armi: sgominata banda a Trinitapoli, 12 misure cautelari

Mafia, droga e armi: sgominata banda a Trinitapoli,12 arresti VD

 
Il processo
Giustizia svendita a Trani, parla il carabiniere da cui partirono le indagini

Giustizia svendita a Trani, parla il carabiniere da cui partirono le indagini

 
«Sistema Trani»
Lecce, processo ai giudici .«Così nacque l’inchiesta»

Giustizia svenduta: processo ai magistrati, Nardi ai domiciliari a casa della madre

 
Giustizia
Trani, carcere femminile: serve subito una nuova sede

Trani, carcere femminile: serve subito una nuova sede

 
In Località Fiumara
Barletta, tragedia in mare 43enne muore dopo aver salvato la figlia

Barletta, tragedia in mare 43enne muore dopo aver salvato la figlia

 

Il Biancorosso

Serie C
Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa scoperta
Giallo a Ruvo, resti umani di tre donne trovati in un pozzo

Giallo a Ruvo, resti umani di tre donne trovati in un pozzo

 
BrindisiE' ricoverato
Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

 
TarantoPreso dai Cc
Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

 
Potenzaper 24 tifosi
Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

 
Batper i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
Foggial'episodio a giugno
Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

 
MateraIl caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 

i più letti

La storia

Andria, estetista dal cuore d’oro: tatua gratis le ciglia a donne malate di cancro

L'idea di Monica Schiraldi: ecco perché l’iniziativa

Andria, estetista dal cuore d’oro: tatua gratis le ciglia a donne malate di cancro

ANDRIA - Una bella storia di squisita umanità. Di quelle che fanno bene al cuore. Eccola. «Qualche anno fa persi Rosa una mia cliente speciale. A dire il vero ne ho perse tante ed ogni volta è un colpo al cuore. Lei era unica. Oggi sua figlia Natasha è il mio braccio destro e senza di lei oggi non sarei quella che sono». E' necessario partire da questa dolce e dolorosa premessa per comprendere cosa spinge Monica Schiraldi, truccatrice e dermopigmentista andriese da 25 anni, a tatuare gratuitamente le sopracciglia a donne che le hanno perse a seguito di un trattamento chemioterapico. Andriese 43enne, sposata e mamma di un bimbo, ha iniziato il suo percorso professionale avviato nel centro estetico di sua mamma Enza estetista dal 1970. Oggi è fondatrice di una piccola Urban spa con annesso Luxury Shop, inaugurata nel dicembre 2017.

«La dermopigmentazione visagistica prende piede circa 30 anni fa quando l'esigenza era quella di ricostruire l'arcata sopraccigliare andatasi ad assottigliare seguendo la moda degli anni sessanta. Oggi il trattamento in questione è fortemente richiesto, in quanto la tendenza dettata dai social network vuole che l'arcata sopraccigliare sia compatta e piena a differenza da qualche anno fa. Purtroppo, però si rivolgono a me anche quelle persone che non avrebbero mai pensato di tatuarsi le sopracciglia se non ne avessero avuto la necessaria l'esigenza avendole perse a causa di malattie come la alopecia o per sindromi post chemioterapiche» ha chiarito Monica.

Poi, roteando il caleidoscopio dei ricordi, ritorna alla amica: «In onore di Rosa pensai che sarebbe stato bello   regalare un trattamento che  ridonasse il sorriso a chi si accingeva a fare la chemio. Una terapia che non solo le avrebbe abbattute fisicamente, ma le avrebbe trasformate per sempre. Cercai le  donne alle quali fare questo dono, ma pochissime  aderirono, mi chiesi il perché. Solo dopo molto tempo sono riuscita a rispondere a questa domanda: queste donne lottano quotidianamente come leonesse per restare mamme, mogli, o semplicemente donne. Non gli interessa di perdere capelli o sopracciglia oppure vedersi scomparire il seno. Il loro scopo è tenere in vita e ben salda la loro famiglia e continuare a crescere i propri figli».

Monica prosegue: «Quando capii questa forza immensa delle donne, decisi che potevo fare qualcosa per loro tutto l'anno, ritagliando mi un po' di tempo dal lavoro. Nel corso del tempo le donne hanno risposto, ma ancora di più le persone che gli stanno intorno. Sono i mariti, gli amici, i parenti che le accompagnano da me per vederle sorridere e regalarle un po' di spensieratezza. Oggi il trattamento non solo è gratuito  prima della chemio ma diamo anche la possibilità di farlo con priorità assoluta». 

Racconta: «Ogni incontro è speciale, tante emozioni, tante lacrime, con donne che vedo per la prima volta ma quando le accompagno alla porta mi sento ricca e felice. Ho ricevuto dei fiori, dei girasoli da una signora meravigliosa che ancora vedo perché ha vinto la malattia. Tanti messaggi meravigliosi. Uno per tutti “Che Dio ti benedica”».

Poi l'appello di Monica ai colleghi: «Tutti i professionisti di questo settore potrebbero dare il loro contributo per rendere felice una donna. Mi piacerebbe molto se si creasse una squadra di “volontari” della bellezza, professionisti al servizio delle donne colpite dal cancro». Perchè non provarci?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie