Giovedì 20 Giugno 2019 | 18:02

NEWS DALLA SEZIONE

Shock in città
Tragedia ad Andria, sedicenne leccese si impicca in comunità

Tragedia ad Andria, sedicenne leccese si impicca in comunità

 
Maltrattamento di animali
Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

 
Cinema
Da Trani a Bari, i primi ciak per Sophia Loren

Da Trani a Bari, i primi ciak per Sophia Loren

 
Dal geologo Dellisanti
Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

 
Arrestato aggressore
Barletta, vigilessa aggredita da ambulante: solidarietà del sindaco

Barletta, vigilessa aggredita da ambulante: solidarietà del sindaco

 
L'incidente
Trani, sedicenne precipitato da Villa Comunale: è mistero sulle cause

Trani, sedicenne precipitato da Villa Comunale: è mistero sulle cause

 
Tragedia sfiorata
Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

 
Il ritrovamento
San Ferdinando, Nascondeva nel box un fucile: arrestato incensurato

San Ferdinando, nascondeva nel box un fucile: arrestato incensurato

 
L'iniziativa
Barletta, vincolo di tutela per l’ex Cartiera e per Palazzo Tresca

Barletta, vincolo di tutela per l’ex Cartiera e per Palazzo Tresca

 
Giustizia truccata
Trani, magistrati arrestati: altre denunce, arresti prorogati

Trani: «Potrebbero inquinare le prove», arresti prorogati per Savasta e Nardi

 
Pallavolo
Canosa, l'eurocampionessa Sansonna è cittadina benemerita

Canosa, l'eurocampionessa Sansonna è cittadina benemerita

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Dazn e il Bari anche in serie CFunziona l'accordo in televisione

Dazn e il Bari anche in serie C: funziona l'accordo in televisione

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeL'incidente
Castellaneta Marina, scooter sbatte contro marciapiede: morto 30enne

Castellaneta Marina, scooter sbatte contro marciapiede: morto 30enne

 
TarantoToghe sporche
Rossi: «Le correnti non c’entrano. La colpa è dei personalismi»

Caos Csm, Rossi: «Le correnti non c’entrano. La colpa è dei personalismi»

 
BariA partire dalle 23
Bari, ponte di viale Traiano in attesa del collaudo: prova da carico nella notte

Bari, ponte di viale Traiano in attesa del collaudo: prova da carico nella notte

 
FoggiaElezioni
Università Foggia, si ritira candidato corsa a due per il rettore

Università Foggia, si ritira candidato corsa a due per il rettore

 
HomeCalcio
Frode sportiva: la finanza nella sede del Bitonto e del Picerno

Frode sportiva: la finanza perquisisce la sede del Bitonto e del Picerno

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, in giro con la droga nei pantaloni: arrestato 27enne

Carovigno, in giro con la droga nei pantaloni: arrestato 27enne

 
MateraSanità
Matera contro Policoro per il servizio di psichiatria

Matera contro Policoro per il servizio di psichiatria

 
BatShock in città
Tragedia ad Andria, sedicenne leccese si impicca in comunità

Tragedia ad Andria, sedicenne leccese si impicca in comunità

 

i più letti

Giustizia truccata

Trani: «Potrebbero inquinare le prove», arresti prorogati per Savasta e Nardi

La Procura di Trani ha ottenuto la proroga della custodia cautelare fino al 14 ottobre

Trani, magistrati arrestati: altre denunce, arresti prorogati

Fu l’ex gip Michele Nardi il «determinatore» delle condotte illecite dell’ex pm Antonio Savasta. È questa la linea che la Procura di Trani ha sottoposto al gip Giovanni Gallo per chiedere (e ottenere) la proroga della custodia cautelare dei due magistrati e dell’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro fino al 14 ottobre.

L’ordinanza del gip dà il senso di una indagine, quella sulla giustizia truccata nel Tribunale di Trani, che è ancora in corso e potrebbe rilevare sorprese. Non sono infatti concluse «le analisi dei dati ricavabili dalle agende sequestrate a Michele Nardi, dati da leggere in correlazione anche con le dichiarazioni rese da D’Introno (Flavio, l’imprenditore di Corato le cui dichiarazioni hanno dato il via agli arresti di gennaio, ndr) e Savasta anche in ordine al coinvolgimento del magistrato Luigi Scimè, il cui ruolo di concorrente nelle vicende che interessano il D’Introno appare ovviamente di immediato rilievo». Durante le perquisizioni disposte a gennaio, sono stati effettuati 48 sequestri tra computer, chiavette usb e cellulari su cui è ancora in corso l’esame dei dati.

Ma c’è di più. Dopo la notizia degli arresti sono state presentati denunce «da altri soggetti (imprenditori del luogo e avvocati) che hanno riferito di vicende di natura corruttiva coinvolgenti gli indagati, sui quali sono in corso riscontri particolarmente complessi anche in considerazione dell’epoca remota di datazione dei fatti». È ad esempio il caso degli imprenditori Casillo e Ferri, ma anche della vicenda che riguarda l’hotel Salsello di Bisceglie: vicende che «si connotano per la svendita ed il mercimonio della funzione giudiziaria» e giustificano - secondo la Procura - una conferma «al contestato delitto di associazione a delinquere» finalizzata alla corruzione in atti giudiziari.

La Procura di Lecce ritiene che fosse in atto «la creazione di false apparenze documentali per screditare D’Introno», fino a tre mesi fa il perno dell’indagine con il racconto dei 2 milioni di euro dati a Nardi e Savasta, poi integrato con i soldi dati a Scimè e ad altre persone le cui posizioni sono ancora al vaglio.

Senza la proroga di tre mesi, i tre arrestati sarebbero tornati liberi prima di metà luglio. Secondo il gip Gallo esiste sia il pericolo di reiterazione dei reati sia, soprattutto, quello di inquinamento probatorio: se Nardi, Savasta e Di Chiaro tornassero liberi potrebbero influenzare l’incidente probatorio che riprenderà mercoledì prossimo. Peraltro - aggiunge il gip - «dalle indagini emerge la trama di rapporti intessuti dagli indagati a più livelli, sia a livello locale che nazionali, sia legati alle professioni svolte che esterni al mondo lavorativo». Il riferimento è ai contatti di Savasta (che è ai domiciliari) «con imprenditori di rilievo in grado di rendersi garanti per Savasta stesso», e per Nardi (che è in carcere a Taranto) con il mondo della massoneria: l’ex gip è l’unico degli arrestati che non ha mai aperto bocca, se non per smentire tutte le accuse. Il suo interrogatorio di garanzia, secondo il Tribunale del Riesame, è stato un «ulteriore tentativo di mistificare la realtà».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie