Venerdì 26 Aprile 2019 | 08:48

NEWS DALLA SEZIONE

L'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaNel foggiano
Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: morto cittadino straniero

Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: morto cittadino straniero

 
LecceSalento
Melpignano, Francesco Guccini inaugura Palazzo Marchesale

Melpignano, Francesco Guccini nel giardino del palazzo Marchesale tra musica e parole

 
BariIl protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa
Bagarre tra Sisto e Decaro

 
BrindisiIl concerto
Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

Ambiente

Trani, spiaggiata tartaruga decapitata

Secondo indiscrezioni, gli animali sarebbero uccisi dai pescatori «superstiziosi»

Eternit e plastica killer: 3 tartarughe morte nel Brindisino

foto Matulli

TRANI - Dieci centimetri di puro argento vivo. Efe è uno scricciolo di tartaruga marina trovata spiaggiata a sud di Bari nei giorni della mareggiata che ha portato il mercantile turco, Efe Murat (ed ecco il perché del nome) ad incagliarsi lungo i frangiflutti della spiaggia cittadina, e consegnata a Pasquale Salvemini responsabile del Centro recupero tartarughe marine Wwf di Molfetta.
«Efe sta bene, mangia e nuota - sottolinea Salvemini - dimostra di voler ritornare al più presto in mare libero, cosa che faremo entro questo fine settimana da Bisceglie, appena le condizioni meteo saranno favorevoli».

E se Efe tornerà libera, in tante, troppe, stanno trovando la morte in questo braccio di Adriatico e in modo orribile: decapitate. La denuncia viene sempre da Salvemini che in pochi mesi ne ha trovate ben sei orribilmente mutilate. La cosa non è passata inosservata tanto che la Gazzetta se ne è occupata già una decina di giorni fa, sollevando un polverone, tanto che alcuni hanno provato a minimizzare, escludendo la modalità volontaria.
«E due giorni fa ecco un’altra carcassa mutilata – racconta addolorato Salvemini – trovata a Matinelle a sud di Trani. Non è solo una fatalità. Certo, ci capita di trovare carcasse in decomposizione, ma con tutto il corpo in decomposizione, non con solo la testa mancante».

Le tartarughe specie in questo periodo restano impigliate nelle reti dei pescatori, ce ne sono alcuni più sensibili che allertano il centro recupero, altri che scelgono di ucciderle, come a volersi “disfare” di un problema.
«C'era giunta voce che c'erano alcuni pescatori del nord Barese che uccidevano le tartarughe marine che trovavano impigliate nelle loro reti. L'indiscrezione ci è arrivata dal mondo stesso della pesca, perché le imbarcazioni comunicano tra loro attraverso la radio e alcuni amici avevano raccolto queste macabre dichiarazioni – racconta Salvemini -. Ma non ci volevo credere, specie perché la motivazione è ancora più sconvolgente: sembra che alcuni pensino che porta male trovare una tartaruga tra le reti, che portino con sé la sfortuna di pescare poco nei giorni a venire. Ecco allora che come forma “sacrificale” o per vendicarsi le decapitano».

Le reti rischiano di rompersi se si impiglia un grosso animale potente come una tartaruga marina, anche se poi ad avere la peggio è sempre l’animale, che si ferisce e non riesce a liberarsi, così alcuni pescatori pensano di poter tagliare il problema alla radice, in senso letterale. Dimenticando che le «caretta caretta» sono animali a rischio estinzione. Super protette dalla legge, tanto che chi si macchia di uno scempio del genere commette un reato.

«Questi sono mesi “caldi” per le tartarughe – spiega Salvemini – sono costantemente chiamato da nord a sud lungo la costa adriatica. I pescatori operano con le loro reti tra le 6 e le 10 miglia, dove nuotano le tartarughe, ecco che è facile che finiscano nelle reti. Fa freddo e le caretta caretta tendono ad avvicinarsi alla costa per trovare acque più tiepide. E questo è loro fatale». Creature fragili, messe a rischio dalla presenza umana e dall'inquinamento.

«La stragrande maggioranza delle tartarughe nei nostri mari muoiono perché incappano nelle reti da pesca – sottolinea Salvemini -. Nel Barese la pesca è una attività molto intensa, troppo, per non danneggiare l'habitat delle tartarughe marine. Le reti hanno maglie molto strette e loro restano intrappolate, senza la possibilità di riaffiorare per respirare. Le troviamo morte soffocate, annegate, oppure colpite da embolia. Capita quando sono aggrovigliate alle reti che vengano troppo velocemente tirate a bordo dei pescherecci. Come per i sub che riemergono troppo velocemente, anche le tartarughe marine possono avere gli emboli che le uccidono. Ci sono pescatori che collaborano con noi, che hanno cura di fare le cose per bene, altri no. Ma siamo rimasti sconvolti da queste decapitazioni, mai vista una cosa simile. Abbiamo bisogno di capire chi sono i responsabili e fermarli. Chi sa qualcosa, parli».

E per togliersi ogni scrupolo sono stati allertati anche gli organismi di controllo delle coste in Montenegro e Albania.
«Sono convinto che la mattanza sia purtroppo nostra responsabilità, ma è meglio che il problema sia monitorato anche dall’altra parte dell’Adriatico. Abbiamo trovato carcasse dai tagli troppo freschi per far pensare ad un crimine perpetrato lontano da qui. In ogni caso si deve far fronte comune».

Efe intanto nuota tranquilla nella bacinella. Lei non lo sa, ma è in buone mani. Tra qualche giorno tornerà libera e dovrà lottare per la sua sopravvivenza. E’ la natura, certo, ma l’uomo e la sua cattiveria rende tutto più difficile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400