Sabato 20 Aprile 2019 | 09:07

NEWS DALLA SEZIONE

È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIl caso
Neonato morto dopo parto in casa a Bari: indaga la Procura

Giallo a Bari, neonato morto dopo parto in casa: indaga la Procura

 
HomeL’operazione della Dia
Mafia e droga, maxi blitz della polizia: arrestati boss del Gargano

Blitz antidroga della polizia: 10 arresti tra cui boss del Gargano

 
LecceLa decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Le proteste

Trani, eternit abbandonato in cassetta tra i rifiuti

Le lastre sono spezzate e potrebbero rilasciare particelle di amianto

Trani, eternit abbandonato in cassetta tra i rifiuti

Non frutta, né verdura ma eternit: è quello contenuto in almeno due delle tre cassette di legno depositate da venerdì notte in via Mario Pagano all’incrocio, con via Alvarez. Un cittadino ha costantemente seguito quanto accaduto in questi giorni nell’attesa, vana, che qualcuno ritirasse quel materiale pericoloso. Le lastre sono tutte spezzate, alcune fuoriescono e potrebbero rilasciare particelle di amianto nell’atmosfera. Fino a domenica scorsa, accanto, c’erano dei cerchi di biciclette, che lunedì mattina sono stati rimossi. Il servizio di nettezza urbana si sta svolgendo regolarmente, ma le tre cassette, con dentro il materiale pericoloso, sono ancora lì e, ieri mattina, sono state urtate e sono cadute, facendo così accrescere le preoccupazioni.


Tutto questo proprio mentre il Comune di Trani ha ottenuto un importante contributo regionale per la bonifica di tutti i manufatti in amianto presenti presso abitazioni e immobili di privati: in particolare, la Regione Puglia ha finanziato Trani nella misura di 34.000 euro, con un cofinanziamento comunale di 8.500 euro ed un fondo incentivante di 4.000 euro. I cittadini interessati a liberarsi dell’amianto, in maniera legale, possono rivolgersi sia al Comune, sia alle imprese specializzate, per ottenere il rimborso di buona parte della spesa per i lavori di rimozione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400