Domenica 21 Aprile 2019 | 22:35

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
BariL'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

I luoghi della cultura

Bat, musei aperti nei festivi? «Scarso personale, ma resta la protesta»

Buoni segnali arrivano dall’incontro romano ma i sindacati attendono riscontri concreti

castel del monte

TRANI - Confermato lo stato d’agitazione del personale in servizio presso il luoghi della cultura di Puglia, che in ogni caso continueranno a garantire le aperture dei siti solo ed esclusivamente nel rispetto dei numeri minimi di sicurezza. Tutto questo in attesa che i provvedimenti promessi dall’amministrazione centrale del Ministero per un incremento seppur minimo del personale, prenda corpo: è questo in sintesi il risultato dell’incontro svoltosi nei giorni scorsi a Roma presso il Mibac (Ministero beni culturali) dopo la mobilitazione del personale dei luoghi della cultura pugliesi che il 9 novembre scorso avevano manifestato astenendosi dal lavoro per una assemblea sindacali sui temi della mancanza di unità lavorative.

L’incontro si è tenuto presso il Collegio Romano, sede centrale tra l’amministrazione centrale del Ministero, con le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil nazionali e territoriali appunto in merito allo stato di agitazione del personale degli Istituti della Puglia. La delegazione ministeriale era composta dalla Direzione generale organizzazione, rappresentata nei suoi vertici dalla direttrice dott.ssa Marina Giuseppone e dal Dirigente del Servizio II prof. Alessandro Benzia; dalla Direzione Generale Musei, rappresentata da due funzionari delegati (non essendo presente il direttore dott. Lampis), e dalla Direttrice del Polo della Puglia dott.ssa Maria Stella Margozzi.

I delegati territoriali Cgil-Cisl-Uil, Matteo Scagliarini, Valentina Di Stefano e Patrizia Festa, supportati dai rappresentanti nazionali, hanno prima presentato puntualmente l’attuale situazione del personale in servizio presso i luoghi della cultura pugliesi ed hanno illustrato il percorso che, partendo dalle assemblee del personale sulla sicurezza dei luoghi di lavoro, ha condotto alla proclamazione dello stato di agitazione vista l’evidente carenza di momenti di confronto presso il tavolo di contrattazione locale.

E’ stato segnalato che i siti della Puglia stanno aprendo con personale in servizio ben al di sotto dei numeri minimi concordati in sede di trattativa locale: “Le aperture sono frutto dell’impegno e del senso di responsabilità dei colleghi pugliesi – hanno spiegato - che, rinunciando spesso a ferie e permessi, permettono la fruizione del patrimonio culturale e lo sviluppo turistico della regione”. Durante la discussione, la Direttrice del Polo ha dichiarato di aver chiesto ad Ales (Arte lavoro e servizi spa, società in house del Ministero) in supporto al personale del Mibac, 6 addetti alla vigilanza (per Castel del Monte) e funzionari, tra cui architetti e archeologi, per svolgere la funzione di stazione appaltante.
Le organizzazioni sindacali hanno segnalato l’inefficacia dell’azione di monitoraggio e coordinamento del personale e della gestione dei luoghi della cultura da parte della Direzione Generale Musei; confermando la necessità di rivedere il rapporto tra Ministero e Ales, hanno chiesto alla Direzione del Polo di “ripristinare le corrette forme delle relazioni sindacali, confrontandosi con le parti sociali prima di avanzare richieste ad Ales, tra l’altro del tutto inappropriate rispetto alle esigenze del territorio, e prima di modificare forme di gestione e valorizzazione dei siti pugliesi”.

La parte romana “ha preso l’impegno – si legge in un comunicato congiunto delle organizzazioni sindacali - di tentare di risolvere il prima possibile il problema della carenza del personale in Puglia, sollecitando intanto l’entrata in servizio delle unità Ales in supporto alla vigilanza nel numero di 7, modificando la richiesta iniziale del Polo di 4 unità di vigilanza e 3 unità amministrative, in tutte unità di personale; in aggiunta si verificherà la possibilità di ricollocare in Puglia 6 unità della Fondazione Petruzzelli. Inoltre ha avviato un confronto con la Regione Puglia per verificare la possibilità di avere 25 unità di vigilanza provenienti dal personale delle ex province già entro il 2018”.
Le organizzazioni sindacali, pur accogliendo “con favore la disponibilità e l’impegno assunto dalla Direzione generale organizzazione, non ritengono conclusa la vertenza”. E così “in attesa della concretizzazione degli impegni assunti dall’Amministrazione, confermano lo stato d’agitazione del personale della Puglia e continueranno a garantire le aperture dei siti solo ed esclusivamente nel rispetto dei numeri minimi di sicurezza”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400