Domenica 18 Novembre 2018 | 10:58

NEWS DALLA SEZIONE

Ius soli
Margherita, la cittadinanza onoraria a 22 stranieri

Margherita, la cittadinanza onoraria a 22 bimbi stranieri

 
Niente aperture festive
Trani, Castello svevo chiuso di domenica: risorse finite

Trani, Castello Svevo chiuso di domenica: risorse finite

 
L'indagine
Casa ceduta per appuntamenti, denunciata coppia a Trani

Casa ceduta per appuntamenti, denunciata coppia a Trani

 
Guardia Costiera in azione
Cibo scaduto e congelato male: sequestri in locali a Bisceglie e Trani

Cibo scaduto e congelato male: sequestri in locali a Bisceglie e Trani

 
A Barletta
Un libro per aiutare Chiara, dopo l'incidente in Erasmus

Un libro per aiutare Chiara, dopo l'incidente in Erasmus

 
La tragedia di Andria
Scontro treni, Ferrotramvia: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

Scontro treni, Ferrotramviaria: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

 
Le indagini
Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

 
L'agguato a Margherita di Savoia
Margherita di Savoia, preso a pistolettate un fabbro di 41 anni: è in coma

Barletta, gli sparano e lo abbandonano davanti all'ospedale: è in coma

 
Inchiesta e rifiuti
Trani, questione Amiu: «L'indagine va proseguita su assunzioni e post gestione»

Trani, questione Amiu: «L'indagine va proseguita su assunzioni e post gestione»

 
Sanità e occupazione
Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

 
La strage
Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Giù le entrate

Mercato di Andria abbandonato a se stesso: la protesta

La proposta: l'area andrebbe frazionata per servire più quartieri

Mercato di Andria abbandonato a se stesso: la protesta

Commercio su aree pubbliche, crisi nera. Il mercato del lunedì ha ormai un triste destino. Il segretario cittadino del PD, nonché consigliere comunale, Giovanni Vurchio interviene sull’argomento: «Lunedì mattina, transitando per viale Gramsci, ho potuto constatare che troppi stalli del mercato settimanale cittadino sono ormai vuoti, nonostante l’oneroso investimento, sostenuto dagli ambulanti interessati, per poter acquistare l’autorizzazione necessaria ad occupare una fetta di quel suolo. Non è possibile rimanere indifferenti. Il mercato rappresenta un valore aggiunto per la nostra comunità ritiene Vurchio - non solo commerciale. Non merita di essere abbandonato tra l’indifferenza dell’amministrazione locale. È innegabile che il commercio su aree pubbliche stia vivendo una crisi preoccupante su scala nazionale, ma la classe politica ha il dovere di battersi per preservarne l’importanza».


E Vurchio avanza una proposta per Andria: «Credo che gioverebbe una ricollocazione nel centro cittadino. La riorganizzazione del mercato, seppur ridimensionato e meglio organizzato, ci permetterebbe di supportare un settore economico in forte crisi, come quello del commercio ambulante, e sarebbe utile a preservare anche il rilevante ruolo socio-culturale di questo appuntamento della tradizione, che da sempre risulta in grado di rappresentare una fonte inestimabile di aggregazione e scambio di idee, opinioni e posizioni».
Anche la Fivap, Federazione Italiana Venditori Ambulanti e su Aree Pubbliche - Unionecommercio, associazione di categoria, fa sentire la propria voce sul tema: «Un mercato il cui appeal è sceso a quota zero quello del lunedì ad Andria. Uno dei mercati più numerosi della Puglia ridotto ad uno dei peggiori ed improduttivi d’Italia. Il grido dei commercianti concessionari di posteggio si alza con forza e con rabbia perché, dicono, questo è diventato un mercato impossibile da frequentare perché ormai non rende più nulla e molti lo stanno disertando ed abbandonando. Lunedì 5 novembre scorso la maggior parte dei concessionari di posteggio non ha incassato neppure un euro».


Come dicevamo anche le Associazioni di Categoria fanno sentire la loro voce e da Fivap-Unionecommercio (Federazione Italiana Venditori Ambulanti e su Aree Pubbliche): «Quello di Andria è diventato uno dei peggiori mercati della Puglia e d’Italia – si legge in una nota diffusa dall’associazione sindacale - troppo dispersivo, mai riqualificato, abbandonato a se stesso e senza alcuna prospettiva di rilancio. Un mercato che va frazionato in modo da servire più quartieri cittadini e rilanciare il commercio su aree pubbliche in città. Uno sdoppiamento non più procrastinabile che potrebbe rappresentare una svolta così come una svolta potrebbe essere ripensare il mercato nella Zona 167 dove il comune di Andria decise di togliere riportandolo in villa dove avrebbe dovuto restare per non più di due anni ma ormai vi è rimasto all’infinito. Se non fosse che la grazia dell’amministrazione comunale ha da anni esonerato completamente gli ambulanti del mercato dal pagamento della Tassa di Occupazione di Suolo Pubblico, decidendo di perdere entrate annuali pari a quasi duecentomila euro, calcolando una media di 300 euro per ciascun operatore. Questo però – conclude la nota Fipav - non deve dare al comune l’alibi di lasciar morire quel mercato perché il danno sarebbe enorme. Inoltre se l’esonero dal pagamento delle tasse dovesse presto venire meno con l’approvazione del Piano di Riequilibrio Finanziario che la Corte dei Conti deve approvare e che non potrà più prevedere esenzioni di pregio come queste, in tal caso il mercato del lunedì di Andria può prepararsi a scomparire definitivamente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400