Sabato 25 Giugno 2022 | 15:28

In Puglia e Basilicata

LA SERIE A DI PUGLIA

Happy Casa Brindisi tra ambizione e realismo

Happy Casa Brindisi tra ambizione e realismo

Il gruppo dell'Happy Casa battuto

L’obiettivo playoff ma anche un salvezza da blindare. Tutto in un finale convulso

21 Aprile 2022

Angelo Sconosciuto

BRINDISI - Tre gare alla conclusione della regular season del campionato nazionale di Lega A di basket e per la Happy Casa del presidente Nando Marino e di coach Frank Vitucci è come camminare sulla lama affilata di un coltello con uno sguardo da sdoppiare fra esigue speranze di riagguantare il treno playoff e corsa alla permanenza da conquistare matematicamente guardando al duo Fortitudo Bologna e Gevi Napoli, avendo la Vanoli Cremona sostanzialmente salutato il campionato.

Lo sguardo ai playoff

Guardando al treno playoff, la Happy Casa ora è tredicesima a 20 punti, preceduta da Pesaro, in nona posizione, e dal gruppone di Treviso, Varese e Trento che sono a pari punti con lei. Brindisi deve vincere tutte e tre le gare restanti (due in casa ed il 1° maggio a Milano) facendo la corsa contro Trieste, domenica prossima, innanzi tutto. Contro gli alabardati di un ex campione davvero molto amato quale è Adrian Banks, però, bisogna vincere di tre punti (all’andata Brindisi perse di 2), poi vincere a Milano, ora più che mai impegnata nei play off di coppa, e poi c’è Tortona nell’ultima di campionato. Insomma, sul fronte playoff Brindisi sulla carta può farcela ancora ma - parole ascoltate negli ambienti - «si è complicata decisamente la vita, anche a causa dei numerosi infortuni». E siccome dall’inizio del campionato dirigenza e staff tecnico hanno predicato in lungo e in largo che l’obiettivo era la permanenza, è questa che va conquistata da subito, senza se e senza ma.

L'obiettivo permanenza

Allora, «per non correre rischi per la salvezza ci serve una vittoria, considerando che ci sarà lo scontro diretto Fortitudo - Napoli fra 2 domeniche», si dice nei club della tifoseria, quella che non ha mai mollato e sui social, contro il disfattismo, prosegue nell’invitare a stare uniti e, soprattutto, a continuare ad essere l’uomo in più per Marino e Vitucci.
La squadra, intanto, prosegue e lavorare con coscienza, tra preparazioni separate per chi ancora deve recuperare del tutto i colpi subiti in campo e quelli di un’avversa fortuna. «Abbiamo disputato una partita a ritmo troppo elevato, soprattutto in trasferta, e nell’ultimo quarto non siamo riusciti a mantenere il controllo», aveva detto coach Vitucci dopo il ko di sabato santo a Treviso. «Dovevamo fare più attenzione ed essere più efficaci ma ancora una volta siamo stati puniti - aveva osservato -. Ora bisognerà lavorare con grande attenzione in settimana per prepararci meglio e recuperare le energie necessarie per vincere la partita». Domenica, infatti, non si può sbagliare contro gli alabardati di coach Ciani e di Adrian Banks che sente questa gara tanto che, al momento, non ha concesso interviste. Il palaPentassuglia, invece, sarà un formicaio fin dal mattino perché la Happy Casa Brindisi, in collaborazione con Avis Comunale di Brindisi, organizza l’11ª edizione della «Giornata della Solidarietà», iniziativa che mira a incentivare la donazione di sangue, emergenza costante nel Brindisino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

i più visti della sezione

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -

BAT

 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725