Lunedì 27 Maggio 2019 | 13:40

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraDalla Polizia
Matera, estorce soldi a professionista o lo aggredisce: 50enne arrestato e scarcerato

Matera, estorce soldi a professionista o lo aggredisce: 50enne arrestato e scarcerato

 
PotenzaNo all'archiviazione
Tempa rossa, il mistero del suicidio dell'ex generale: riaperto il caso

Tempa rossa, il mistero del suicidio dell'ex generale: riaperto il caso

 
BariOperazione della Polizia
Bari, 12 chili di marijuana in scatole per elettrodomestici; in cella albanese

Bari, 12 chili di marijuana in scatole per elettrodomestici; in cella albanese

 
TarantoMaltrattamenti
Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

 
FoggiaI dati
Europee, nei paesi foggiani del Premier Conte vince il M5S

Foggia, M5S vince nei paesi del Premier. Lega, effetto vacanze di Salvini

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 

i più letti

Antichi mestieri lucani Tre quarti e una gassosa quella di nonno e papà

di LUIGIA IERACE
Michele Avena nel 1926 avviò la produzione di bibite a livello artigianale a corso Garibaldi. Lì c’era anche la fabbrica del ghiaccio. Oggi Michele e Anna Avena continuano la tradizione con la stessa identica ricetta e ingredienti poveri: acqua di Fossa Cupa, zucchero raffinato (che rende la bevanda trasparente) e succo di limone, poi le bollicine
Antichi mestieri lucani Tre quarti e una gassosa quella di nonno e papà
di LUIGIA IERACE

La bottiglia in vetro da un quarto. Il vecchio tappo metallico con il classico congegno che veniva utilizzato anche per chiudere le bottiglie di salsa, con il gommino rosso-arancio. La scritta rossa ancora nitida, «Gassosa Avena Potenza». «È una delle vecchie bottiglie che utilizzavamo quando la gassosa si chiudeva ancora a mano - ricordano i fratelli Michele e Anna Avena (42 e 39 anni) che continuano l’attività avviata da nonno Michele nel 1926 - ma le prime bottiglie avevano il tappo a pallina ». In sostanza, il gas spingeva la pallina in alto, verso il collo della bottiglia e manteneva chiuso il tappo. Quanto sembrano lontani quegli anni, ma la gassosa Avena resiste da quasi un secolo sulle tavole lucane. È diventato un vero e proprio simbolo nel quale si riconoscono diverse generazioni: dai più amziani ai più giovani che hanno creato anche un gruppo su facebook: «il club della gassosa Avena». Da quando nonno Michele fondò la sua azienda di bibite, ghiaccio, caramelle e liquori, a oggi la gassosa Avena è rimasta, infatti, sempre uguale. 

«Piace a tutti, forse perché molti ricordano l’infanzia, quando la gassosa era in tavola vicino al vino e si mescolava secondo il famoso tre quarti e una gassosa - dice Anna -. O perché mio padre Alfredo Avena è riuscito ad apportare una modifica che l’ha resa unica, più buona delle altre. Parliamo di un periodo storico in cui in città c’erano una trentina i gassosai. Il fatto che sia rimasto solo lui, è il segno che è riuscito a trovare la formula giusta che ha resistito e resiste nel tempo». 

Una storia di quasi un secolo che parte con Michele Avena, ambulante di Ruvo di Puglia. «Veniva a Potenza con un gruppo di commercianti. C’era Ignomirelli, Lamorgese, vendevano articoli per la casa, abbigliamento - racconta la nipote Anna -. Poi incontrò la nonna, Teresa Chirico, e rimase a Pootenza. Si sposarono. Nacquero 7 figli, e nacque l’azienda a corso Garibaldi». 
Negli anni Cinquanta i figli Alfredo, Alberto e Mario lo affiancarono nell’attività che negli anni Settanta, fu spostata nell’attuale sede di via del Gallitello, su 10mila metri quadrati. 

Flebili ma importanti ricordi quelli di Michele e Anna. «Nostro padre era del 1910, c’era molta differenza di età. La sua paura era quella che scegliessimo un’altra strada. Da piccoli ci ha sempre portato in azienda, cercando di incuriosirci. Insomma ci ha plasmati bene. E dopo il diploma lo abbiamo seguito». «Era autoritario, ma molto affettuoso, aveva tanti interessi. “Bisogna sempre essere onesti”, diceva». 

Sono cresciuti con lui e anche l’azienda che oggi produce 14.000 bottiglie all’ora di gassosa piccola, 3 milioni e mezzo di bottiglie di gassosa all’anno. «Una bibita destinata a scomparire». Non per ora, si tramanda di padre in figlio e in Basilicata batte tutta la concorrenza anche delle grandi marche. Forme di pubblicità? Nessuna. Basta quell’antica tradizione familiare che rimanda ai nonni e che riporta al gusto dei sapori di una volta. «Non manca mai sulla nostra tavola e noi la diamo ai nostri figli, Domenico, Claudia e Alfredo Mauro, come hanno fatto con noi i nostri genitori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400